Adventure's Planet
Domenica, 22 Ottobre 2017 15:32
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Intervista: Riccardo Cangini

del 11 Marzo 2006
Intervista: Riccardo Cangini

A cura di Adriano Bizzoco

Artematica è una delle software house del momento: dopo Druuna e Martin Mystère la società di Chiavari ha appena annunciato di essere al lavoro su Diabolik e su Jonathan Danter: Belief&Betrayal. Non potevamo quindi esimerci dal fare qualche domanda a Riccardo Cangini, che abbiamo l'onore di ospitare su queste pagine.



D: Ciao Riccardo, Artematica è da tempo impegnata nello sviluppo di videogames. Molti di questi sono avventure grafiche. Parlaci un po' del team che se ne occupa e degli obiettivi che vi prefiggete.

R: Ciao ragazzi,
confermo che quella delle avventure grafiche sia una delle nostre linee di videogiochi strategiche, a dire il vero è proprio con un'AG (quella di Druuna Morbus Gravis) che Artematica ha esordito sulla scena nazionale ed internazionale.

Il core team di Artematica affonda le sue radici in quello che fu il core team di Simulmondo ed è praticamente trasversale alle produzioni, il sottoscritto (managing Director), Massimiliano Calamai (Direttore di produzione), Natale Fietta (Leader Programmer) tendiamo infatti a supervisionare l'intera produzione anche se, per fortuna, pian piano l'esperienza acquisita daii ns colleghi mi e ci permette di rilasciare sempre più autonomia a designer, product manager, grafici animatori e via dicendo!

Non sono poche le persone che da anni scrupolosamente e passionalmente lavorano con e per Artematica ed elencarli tutti significherebbe rilasciare un bella lista... Ad ogni modo almeno Daniele Montella (Art Director) va necessariamente nominato poichè seppur non facente parte dell'ex team Bolognese è operativo da quasi 10 anni in quel di Chiavari.

L'obettivo è molto semplice, “continuare e migliorare”. C'è davvero ancora tanto da fare e da dire ed abbiamo tutta l'intenzione di consolidarci ed espanderci, soprattutto nel mercato delle avventure grafiche.


Nel tuo background personale, c'è l'aver lavorato per un bel periodo di tempo in Simulmondo, e per le sue storiche e meravigliose serie in edicola. Quanto ti ha influenzato questo tipo di progetto nella realizzazione delle avventure grafiche per Artematica, visto che tutte e tre sono tratte da fumetti?

Domanda interessante a cui contraccambio con (spero) un'intressante risposta... In realtà le avventure grafiche e quelli che in sintesi definisco 'VG coi contenuti' mi interessavano già prima di entrare in Simulmondo per cui non è sotto quel punto di vista che la società Bolognese ha lasciato nel sottoscritto un 'segno' effettivo, viceversa 'l'imprinting' ricevuto è più relativo alla 'capacità' di mettere in atto meccanismi di produzione particolarmente operativi e, reputo, coraggiosi: oggi come oggi non sono molte le SH che sviluppano e producono in proprio, con tutti i rischi annessi e connessi, anche 4-5 prodotti simultaneamente, alcuni dei quali decisamente impegnativi ed ambiziosi... Ducati World Championship PC compresso entra a malapena in un DVD! In questo preciso istante stiamo chiudendo proprio Ducati PC (XB è già chiuso), il gioco di Scacchi, una prima versione di Calcio, Diabolik e Jo' Danter Belief & Betrayal... contestualmente stiamo localizzando Martin Mystere in Americano per Dreamcatcher e il Biliardo in Russo. Questa probabilmente l'influenza maggiore che Simulmondo mi ha trasmesso: la capacità di produzione che senza troppa falsa modestia credo sia unica in Italia.


C'è stata sicuramente una grande sorpresa per l'annuncio della vostra nuova avventura grafica. Cosa vi ha spinto a scegliere proprio Diabolik come soggetto?

Simulmondo? No scherzo..., Diabolik è un grandissimo personaggio che calza a pennello per un format piuttosto originale che avevamo in testa, qualcosa di innovativo e retrò al contempo, inoltre sia il fumetto che l'omonimo cartone animato sono noti all'estero permettendo alla nuova produzione di avvalersi di un brand significativo. Forse non tutti sapranno che di Diabolik venne realizzato un Film (Danger Diabolik, Mario Bava 1968) che fu esportato anche negli States e che è in via di sviluppo un remake dello stesso.

Diabolik è stato pure 'interprete' del videoclip dei Tiromancino, di carte di credito, di una slot machine ecc...


Già come in Martin Mystere, avete nuovamente puntato le vostre attenzioni su un personaggio già "famoso" come Diabolik. Mentre da una parte si può sfruttare il carisma del personaggio dall'altra si creano forti aspettative e c'è la possibilità di deludere i fan più accaniti e "puntigliosi" della serie. Quali sono secondo voi i vantaggi e gli svantaggi di tale scelta?

I vantaggi sono abbastanza palesi, un brand forte aumenta l'appetibilità del titolo, gli svantaggi sono relativi da una parte ai costi che la licenza stessa comporta, dall'altra ai limiti creativi cui bisogna attenersi.

Per fare qualche esmpio pratico: Martin Mystere non è un eroe abituato all'azione fisica, non spara e non picchia, è un tuttologo curioso e piuttosto logorroico, Diabolik è poco spiritoso, elimina senza problemi chi gli si oppone contro e si muove in un mondo che sembra il ns ma di fatto non lo è (non completamente); per spostarsi ambedue i personaggi 'devono' usare il loro mezzo anche laddove una Ferrari è un po' poco probabile e pure la Jaguar d'epoca non scherza...
Insomma i limiti ci sono ma è proprio attenendosi agli stessi che non si tradisce la fiducia dei fan e sta nell'abilità dello sviluppatore la capacità di realizzare storie accattivanti muovendosi all'interno dei 'paletti' del brand.


Per ora non sono trapelate molte notizie riguardo lo sviluppo, nè tantomeno sulla trama. Potreste introdurci brevemente nelle atmosfere del gioco?

L'atmosfera è un po' retrò e ricorda il fumetto seppur non sia stata utilizzata una tecnica Cell Shading. Il gioco è tutto in 3D RT ma, e qui cerco di anticipare eventuali perplessità e o giustificati timori, l'interfaccia è sempre via mouse.


Per Diabolik, rielaborerete un albo, come già successo per Martin Mystere, o la storia sarà del tutto nuova e originale?

La storia si ispira ad un fumetto che si prestava particolarmente bene per vari motivi ma la sceneggiatura è pesantemente rivista, forse è più corretto dire che ci siamo ispirati al soggetto dell'albo più che all'albo stesso.


Tutti abbiamo ammirato le magnifiche ambientazioni e gli sfondi mozzafiato da voi realizzati in Martin Mystere . Anche Diabolik avrà la stessa impostazione, ovvero personaggi tridimensionali su sfondi prerenderizzati?

No, come anticipato è tutto in 3D RT ma garantisco un alto ed originale livello qualitativo (ci abbiamo impiegato più di 6 mesi per trovare un'impostazione grafica in grado di soddisfarci!)


Sicuramente Diabolik, oltre tutto, è anche un personaggio dinamico e di "azione". Avete intenzione di introdurre delle parti action anche nel vostro gioco?

Non potevamo avere un Diabolik 'statico' per cui la risposta è sì anche se in modo completamente differente da un Fahrenheit o da un Broken Sword III...


Ci sarà la possibilità di impersonare anche altri personaggi come ad esempio la bella Eva?

Sì ad entrambe le domande, lo spirito di Diabolik è rispettato PERFETTAMENTE, con tutti gli 'sconvenienti' annessi che la cosa comporta... Non so se ho reso l'idea...


In Martin Mystere il sonoro è davvero di buon livello, così come i doppiaggi, nonostante ciò è stata mossa qualche critica sul fatto che le voci dei personaggi potevano essere ascoltate solamente nei dialoghi, mentre nel corso dell'avventura ad esempio quando si interagiva con gli oggetti il sonoro era mancante. In Diabolik avete intenzione di apportare qualche modifica o di continuare sulla stessa strada?

Sia in Diabolik che in Jonathan Danter - Belief & Betrayal il parlato è presente anche negli esamina e in tutte le circostanze in cui il giocatore si aspetterebbe il parlato.
Come più volte ho detto ascoltiamo sempre le critiche e laddove possibile interveniamo, a prescindere che le osservazioni giungano da redattori, giornalisti o utenti.


Artematica è sempre stata una software house tra le più innovative nel campo delle avventure grafiche: si veda ad esempio DRUUNA. Dovremo aspettarci qualcosa di innovativo anche in Diabolik?

Assolutamente sì! DK (come lo chiamiamo internamente) è basato su un format nuovo mentre B&B mantiene lo stile 'classico'; due scelte completamente differenti per due personaggi e rispettive avventure diametralmente opposte.


Personalmente trovo davvero geniale l'enigma in Martin Mystere, che io definisco "reale", di nascondere all'interno della confezione di gioco la sequenza giusta per andare avanti nell'avventura. Avremo altre piacevoli sorprese in Diabolik?

Io credo di sì, qualcosa di ancor più "Diaboliko"...


Il finale di Martin Mystere lascia esplicitamente intuire che vi sarà un seguito. State già lavorando su tale progetto (seppur solo a livello di bozze)?

Non ancora, abbiamo davvero troppe idee nel cassetto ed ognuna deve aspettare il proprio turno, anche laddove si parli di sequel.


Forse è molto prematura come domanda ma in nome di tutti gli appasionati di avventure è d'obbligo farla. Sappiamo che gli imprevisti sono sempre dietro l'angolo quindi probabilmente potrebbe slittare. Ma vi sentite di darci indicativamente un periodo per il rilascio dei due giochi?

Ultimo quadrimestre dell'anno, anche se non vi dico quale dei due titoli...


Avete appena annunciato un accordo di pubblicazione nel continente americano con The Adventure Company, dopo essere già sbarcati in Europa nel corso dell'anno. Come sono andate le vendite del gioco in Italia e all'estero? Vi ritenete soddisfatti?

In Italia è stato un vero successo, grazie anche a Leader che ha svolto un eccellente lavoro, il gioco oltre ad essere stato lanciato su tutti i canali, edicola e web inclusi, è poi stato abbinato alla pubblicazione di gennaio di GMC e a brevissimo uscirà anche in versione budget nella prestigiosa linea 'Xplosiv' (dove probabilmente rappresenterà l'unico gioco italiano!) e in compagnia di titoli davvero rilevanti.

All'estero Martin è già stato distribuito in UK, Spagna e Francia, a breve uscirà a cura di Dreamcatcher in Nord e Sud America e successivamente in Germania, Austria, Svizzera, Russia, Polonia e Slovacchia; infine stiamo parlando con alcuni editori per la pubblicazione in Asia anche se è ancora presto per sbilanciarsi.

Per cui sì, siamo più che soddisfatti ;)


In un recente comunicato stampa, Artematica ha annunciato di aver siglato un accordo a livello mondiale con la DTP-AG, per la pubblicazione di Jonathan Danter - Belief & Betrayal. Puoi introdurci un pò nel gioco?

Ha fatto prima ad uscire il comunicato stampa che non l'intervista, "mi pento e mi dolgo con tutto il cuore"... L'inconveniente di mantenere una produzione così corposa spesso e volentieri si riflette anche nei miei tempi di risposta...Anzi colgo l'occasione per ringraziarti per la pazienza dimostrata e nella capacità di... hem 'ricordarmi' l'intervista in maniera così diplomatica. Ti lascio quindi col nostro comunicato stampa che riassume molto bene le peculiarità del gioco.

Un saluto a tutti e a prestissimo.

"Dopo essersi cimentata a lungo sul fronte delle avventure grafiche, dopo aver dato i natali virtuali alla conturbante Druuna, aver svelato i misteri della vita eterna col detective dell'impossibile Martin Mystère e in attesa di mostrare di cosa sia capace Diabolik, il re del terrore, Artematica è lieta di annunciare il suo primo personaggio originale nella strepitosa avventura di: Jonathan Danter - Belief and Betrayal. Assicuratasi i diritti mondiali di distribuzione con il prestigioso partner tedesco DTP-AG ed in attesa di stabilire chi si aggiudicherà la pubblicazione italiana, la quasi decennale software house Italiana è pronta per mostrare all'intera comunità dei giocatori di avventure grafiche chi è Jonathan Danter e perché è fondamentale il suo intervento in quella che sembra essere la più nefasta, intricata, sanguinosa e tremenda vicenda dell'anno... del secolo...del millennio!

ANTEFATTO


Jonathan Danter ha svolto parecchi lavori, troppi per un 35enne; lo dicono anche i suoi amici che è un irrequieto, non ha trovato ancora uno scopo nella vita o forse sarà che non ha bisogno di affermarsi a livello professionale, visto che economicamente è in salute... Comunque, al momento, fare il giornalista lo diverte e gli permette di andarsene in giro per il mondo. La vita di Jo' sembra scorrere normalmente fin quando la Polizia di Londra gli comunica l'improvvisa e misteriosa scomparsa dello zio Frank, obbligando il giornalista a recarsi a Scotland Yard urgentemente; la seccatura è comunque inferiore alla sorpresa visto che lo zio morì quando Jonathan era ancora adolescente. Jo' viene quindi scortato e fatto salire sul primo aereo New York – Londra; peccato non avere nemmeno il tempo di preparare le valigie ma pare davvero una cosa seria, seppur poco credibile: Jo' era molto attaccato a quel suo unico zio che da piccolo tante cose gli aveva insegnato e sa benissimo che Frank morì in seguito ad uno sfortunato incidente d'auto. Lo zio era davvero speciale e nel più profondo dell'inconscio, forse, Jo' sa di avere ereditato un peso immane, che nessun altro al mondo vorrebbe e potrebbe sostenere."

 

Info Requisiti
Generale
Conosciuto anche come: Crime Stories
Sviluppatore: Artematica
Distributore: Leader
Data Rilascio: Q4 2004
Piattaforma: PC
Caratteristiche
Genere: Avventura/Mistero
Visuale: Terza Persona
Controllo: Mouse
Doppiaggio: Italiano
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Sito internet
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 98/Me/2000/XP
Processore: 800 Mhz
RAM: 128 MB
Scheda Video: 32 MB
Hard Disk: 700 MB
Supporto: 1 CD
Ricerche
Sito internet
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario