Adventure's Planet
Giovedì, 19 Ottobre 2017 00:17
Benvenuto ospite

Intervista a Footprints Games

del 05 Novembre 2016
Intervista a Footprints Games

A cura di Roberto Bertoni

Per tutti coloro che si reputano orfani delle avventure grafiche che potremmo definire "classiche", potrebbe essere giunto il momento della riscossa; Footprints Games ha infatti in cantiere un'avventura che promette di riportare la mente al glorioso passato con un noir umoristico in grado di smuovere anche i più duri di voi.

Il suo nome è Detective Gallo, sedicente detective impegnato in questo momento in una campagna di raccolta fondi per sostenere il suo sviluppo; vi abbiamo incuriosito? Aspettate di leggere l'intervista che vi proponiamo!

AP: Benvenuti sulle pagine di Adventure's Planet! Possiamo chiedervi di presentarvi al nostro pubblico e di raccontare la vostra genesi?

Footprints Games: Ciao a tutti! Il team Footprints è formato da me (Francesco, l'anima tecnica del team) e da mio fratello (Maurizio, l'anima artistica). Essendo appassionati di videogiochi, qualche anno fa ci siamo detti "Perché non ne realizziamo uno anche noi?". E così, partendo dall'iniziale spunto di un "exit game", ci siamo occupati dello sviluppo del gioco. Poi l'idea della storia è diventata sempre più ricca e articolata, e così abbiamo coinvolto Mauro Sorghienti per la colorazione di tutti gli sfondi del gioco.

Non stavamo più lavorando a un "exit game" ma a quella che era diventata una vera e propria avventura grafica in stile cartoon. Il passo successivo è stato il fortunato incontro con Adventure Productions che ha creduto nel nostro progetto e lo sta tuttora accompagnando alla sua release. Grazie agli amici di AP, abbiamo conosciuto Gennaro Nocerino che sta sviluppando le musiche del gioco.

AP: Detective Gallo prova la difficile via dell'avventura umoristica, un genere di cui sentiamo enormemente la mancanza in un'epoca fatta di zombie e catastrofi mondiali. Quali sono i motivi che vi hanno fatto propendere per questo approccio?

FG: Amiamo così tanto lo stile e le atmosfere delle avventure grafiche umoristiche che abbiamo subito pensato di riproporlo a nostro modo non appena ne abbiamo avuto l'occasione. Far ridere non è una cosa facile, non è facile per nessuno. Il nostro approccio è quello di realizzare un gioco che sentiamo davvero... in sostanza, ci piace divertire mentre ci divertiamo anche noi!

AP: Dal punto di vista grafico Gallo sembra richiamare in qualche modo la scuola disneyana. Abbiamo visto giusto? Quali sono le vostre fonti di ispirazione per il protagonista?

FG: Lo stile grafico di ispirazione Disney è stato il punto di arrivo di una ricerca iniziata per creare una storia di stampo noir umoristico con uno stile cartoon. Dopo aver analizzato i principali detective comedy del mondo dei videogiochi (Sam&Max, Tex Murphy, Sly Boots, Tony Tough), ci siamo concentrati a caratterizzare il protagonista. Per noi solo quando il personaggio principale è forte, allora anche la storia può diventare interessante.

E così, ci siamo immaginati un personaggio che ci facesse sorridere, caratterizzato da forti contrasti comici. Detective Gallo può apparire buffo e goffo (potrebbe ricordare Dick Tracy ed essere un lontano cugino di Umperio Bogarto) ma la sua natura è in realtà cinica e violenta (un mix tra Ben di Full Throttle e Manny di Grim Fandango).

AP: Cosa ci possiamo aspettare dal punto di vista del gameplay? Un approccio classico o alcune interferenze più "moderne"? (penso ad esempio agli amati/odiati quick time event)

FG: Il nostro approccio è stato quello di realizzare un'avventura grafica di stampo classico. Ciò non vuol dire che volevamo realizzare un gioco vecchio o all'antica, tutt'altro. La nostra intenzione era quella di riprendere la struttura classica di gioco mixata però ad un look più moderno ad alta risoluzione che potesse esaltare le animazioni 2D hand-made tradizionali.

Crediamo che questo genere abbia ancora molto da dire sul mercato e sta vivendo tra l'altro negli ultimi anni un secondo "periodo d'oro". Non si sta tornando indietro, si sta sempre di più guardando ai giochi passati come a degli esempi sempre attuali di come realizzare una buona avventura grafica.

AP: Il gioco è creato sfruttando il celebre motore AGS: quali sono gli ostacoli più grandi che avete incontrato e quali sono invece i punti di forza rispetto ad altri engine?

FG: All’inizio non abbiamo avuto molte esitazioni a riguardo, in quanto il gioco che avevamo in mente portava con sé delle esigenze che AGS poteva in gran parte soddisfare. L’engine è fortemente focalizzato sullo sviluppo di avventure grafiche 2D classiche e in questa direzione il motore offre grande semplicità e rapidità di scripting. D’altro canto però, abbiamo dovuto creare plugins e moduli ad hoc per spingere al massimo l’engine, in particolare per realizzare features più complesse adatte ad alcuni aspetti di gioco che volevamo ottenere.

AP: Approfondendo invece il discorso del gameplay, cosa possiamo aspettarci dal punto di vista degli enigmi? Credo che il livello di difficoltà sia un elemento di riflessione in un momento storico dove si cerca di favorire quanto più possibile un approccio "senza intoppi" al narrato. Voi cosa ne pensate?

FG: Noi crediamo innanzitutto che l’obiettivo ideale sia un perfetto equilibrio tra gradevolezza narrativa e sfida che gli enigmi di un’avventura grafica lanciano al giocatore. Per questo motivo, abbiamo optato per una curva di difficoltà crescente: all’inizio, le location sono poche, gli enigmi relativamente semplici e comunque circoscritti ai pochi ambienti visitabili. Man mano gli scenari aumentano progressivamente, e così anche la difficoltà degli enigmi cresce in modo esponenziale perché tutte le location rimangono non solo esplorabili, ma anche funzionali a risolvere gli enigmi della storia fino alla fine del gioco.

AP: Possiamo immaginare che siate degli appassionati di punta e clicca: quali sono i vostri titoli del cuore e perché?

MAURIZIO: Non dimenticherò mai due momenti: il mio primo gioco per PC provato sul mio 386 nuovo fiammante: il glorioso Day of the Tentacle. E poi (non troppo tempo dopo) ho giocato all'intramontabile Under a Killing Moon. Due giochi che mi hanno segnato per sempre, anche se ritengo Grim Fandango la migliore avventura grafica in assoluto, per caratterizzazione dei personaggi, trama, ritmo, atmosfera ed equilibrio generale, fra citazioni cinematografiche ed enigmi da risolvere.

FRANCESCO: Mi sono subito innamorato dell’intera saga di The Monkey Island e dell’insuperabile Day of the Tentacle. Entrambi i giochi offrono ambientazioni accattivanti, personaggi ben caratterizzati e storie divertenti… un mix sicuramente vincente!

AP: Detective Gallo fa parte della nuova generazione di avventure italiane che si affacceranno sul mercato nei prossimi mesi; quali sono le maggiori difficoltà dell'essere sviluppatori nel nostro paese e che consigli potete dare a chi volesse intraprendere il vostro percorso?

FG: Il mondo degli sviluppatori indipendenti in Italia è in realtà molto prolifico, per questo motivo c'è tanta concorrenza e non è facile dare la giusta visibilità al proprio gioco. Questo non significa tanto fare promozione, quanto caratterizzare il proprio gioco in modo ben distinto, renderlo diverso dagli altri per qualche caratteristica specifica.

Il nostro consiglio è quello di aggiornarsi continuamente e frequentare ambienti (come le fiere di sviluppatori indipendenti) per trarre stimoli e avere confronti, conoscere e farsi conoscere. Ultima cosa ma non per importanza, crediamo sia fondamentale essere determinati e mai testardi: la propria idea deve rimanere chiara dal primo all'ultimo step di lavorazione, ma bisogna essere sempre pronti a metterla in discussione per poter innalzare il livello qualitativo del gioco.

AP: Pubblicherete l'elenco completo delle regole di Gallo?

FG: Gallo cerca continuamente di disciplinare la propria natura burbera e cinica attraverso delle regole che egli stesso molto spesso utilizza quando vuole fare il duro con gli altri: l’intero elenco sarebbe molto lungo, ma stiamo pensando ad un modo simpatico ed efficace per renderle note… comunque per il momento non possiamo fornire altri indizi!

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Footprints Games
Publisher: Adventure Productions
Data Rilascio: Q4 2017
Piattaforma: PC
Caratteristiche
Genere: Avventura/Commedia
Grafica: 2D
Visuale: Terza Persona
Controllo: Mouse
Doppiaggio: Inglese e Italiano
Sottotitoli: Multilingua (italiano incluso)
Ricerche
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario