Adventure's Planet
Lunedì, 11 Dicembre 2017 23:58
Benvenuto ospite
Recensione
Speciali
Soluzione
Immagini
Trailer
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Top 5 personaggi avventurosi

del 20 Luglio 2015
Top 5 personaggi avventurosi

A cura di Alberto Semprini

Che cosa rende un personaggio di finzione memorabile? Domanda a cui è difficile dare una risposta precisa; possono esserci infatti davvero molti motivi per i quali un personaggio rimane scolpito nella memoria e nel cuore di chi ne ha seguito le gesta.

Alcuni sono affascinanti perché misteriosi quindi intriganti, altri costituiscono dei modelli a cui aspirare perché accentrano su di loro innumerevoli virtù positive, altri ancora finiscono per essere tremendamente simpatici grazie ad una serie di difetti e sfortune che li perseguitano. Una cosa però è certa: di personaggi carismatici è pieno il mondo e i videogiochi non fanno eccezione.

Ma se prendiamo in esame ogni singolo genere videoludico, ci possiamo rendere facilmente conto che le avventure grafiche offrono una pletora molto varia e strampalata di protagonisti. Mentre nei giochi d’azione abbiamo eroi ed eroine tutti d’un pezzo e fortemente stereotipati, nelle avventure punta e clicca abbiamo una serie improbabile di avvocati, pirati, pensionati, ragazzine, animali antropomorfi, nerd, detective, maghi, alieni, pupazzi ecc…

È innegabile che il nostro genere preferito offra quindi una moltitudine di personaggi quanto mai bizzarra e allo stesso tempo interessante. Perché non tentare di stilare allora una possibile classifica dei cinque migliori protagonisti di avventure grafiche di tutti i tempi? A voi ovviamente la parola!

5.Gabriel Knight (Gabriel Knight)

Malgrado sia di bell’aspetto, carismatico e intelligente, Gabriel è lontano dall’essere l’uomo perfetto. Burbero, donnaiolo e maschilista, lo Shattenjeger americano non rispecchia totalmente i valori che ci si aspetterebbe da un eroe come lui. Ma probabilmente sta proprio in questo il suo fascino.

La sua autrice, Jane Jansen, lo carica di tutti i difetti tipici del maschio alfa e lo mette in continuo contrasto con la sua controparte sentimentale Grace Nakimura. Una sorta di guerra tra i sessi perenne, quasi irritante ma allo stesso tempo capace di rendere il rapporto tra i due personaggi quanto mai realistico e verosimile. Probabilmente risiede proprio in questi dettagli la grandezza e l’unicità di tali figure, tanto atipiche quanto affascinanti.

***


4. April Ryan (The Longest Journey)

Lo stereotipo della ragazza adolescente che si ritrova a dover sobbarcarsi di responsabilità ben oltre le sue capacità non è certo un cliché nuovo. Nonostante questo, il personaggio di Ragnar Tørnquist, riesce ad essere la prima eroina videoludica ad approfondire in maniera completa questo archetipo.

Molto più amata della sua collega ed “erede” Zoe Castillo, April Ryan presenta una personalità tridimensionale, un animo gentile ed insicuro, un avatar perfetto e quasi da manuale per far immedesimare ogni giocatore dotato di un minimo di sensibilità. April Ryan è amabile proprio perché ci ricorda noi stessi quando avevamo la sua età.

***


3. Larry Laffer (Leisure Suit Larry)

Se ci fosse la corona per il re dei protagonisti di avventure grafiche “sfigati” il buon veccho Larry l’avrebbe sicuramente sul capo. Il personaggio ideato da Al Lowe è la cosa più lontana possibile dall’eroe di un videogioco ideale.

Un tappetto di mezza età vestito alla Tony Manero il quale ha come unico scopo quello di perdere la sua verginità nel giro di una notte. Un proposito poco onorevole, ma quanto mai ardito per un videoame.

Larry attira su di sé un numero altissimo di sfighe ed eventi sfortunati e per questo lo si adora. Dopo tutto sono i difetti a rendere i personaggi interessanti e carismatici.

***


2. Guybrush Threepwood (Monkey Island)

Se Larry è il re dei personaggi “sfigati”, Guybrush ne è sicuramente il principe. Più famoso e amato del suo collega Sierra, il nostro temibile pirata è uno dei protagonisti più memorabili della storia dei videogiochi. All’inizio delle sue avventure, Guybrush non è altro che un’accennata parodia del protagonista salgariano per eccellenza, un avatar poco personalizzato in modo da dare al giocatore lo spazio per immedesimarsi quanto basta.

Con il proseguire della saga, però, Guybrush acquista spessore e la sua figura diventa progressivamente sempre più iconica da gioco a gioco. Forse non uno dei protagonisti più originali ma sicuramente uno dei più rappresentativi di sempre di questo genere così amato.

***


1. Manny Calavera (Grim Fandango)

Una sorta di Humphrey Bogart messicano, affabile e dall’indiscutibile fascino. Un tristo mietitore trasformato in affascinante consulente di viaggi. A dire il vero, è l’ambientazione di Grim Fandango nel suo complesso a sprizzare originalità da tutti i cadaverici pori, ma Manny è sicuramente il personaggio più studiato e più curato. Prendiamo il controllo di un venditore all’apparenza cinico, dal passato a noi sconosciuto (non sappiamo quale sia il suo famoso debito che lo tiene imprigionato al dipartimento della morte) e lo seguiamo nel suo lungo viaggio di redenzione.

Assistiamo alla sua lenta ma necessaria metamorfosi, alla progressiva perdita del suo cinismo verso tutto e tutti e scopriamo il suo lato più umano. Manny è uno dei personaggi di avventure grafiche scritti meglio, uno dei più facilmente riconoscibili e, verosimilmente, uno di quelli più facili in cui immedesimarsi.

 

Banner Pubblicitario