Adventure's Planet
Sabato, 25 Novembre 2017 03:02
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Recensione

The Walking Dead - Ep. 1 (Seconda Stagione): All That Remains

di Alberto Semprini  

il nostro voto
74
il vostro voto (2 votanti)
73
In breve

Si torna nell'universo di The Walking Dead vestendo i panni di Clementine: l'infanzia della giovane protagonista sarà presto uno sbiadito ricordo...

 

Recensione Completa del 27 Dicembre 2013
Era sicuramente uno dei giochi più attesi in questo Natale 2013 e finalmente Telltale, dopo il grosso successo di critica e pubblico raccolto con la prima stagione unito alla buona partenza di The Wolf Among Us, ha rilasciato in questi giorni il primo episodio della seconda season di The Walking Dead.

E’ difficile, per chi scrive, recensire “All that remains” e questo non tanto per un’indecisione sulla valutazione quanto per la natura stessa del gioco in questione: si parla infatti di un singolo episodio di una serie che riprende dopo mesi di assenza, quindi il giudizio non potrà che essere parziale in attesa di quello che succederà nelle prossime puntate. Inoltre è chiaro che chi ha amato alla follia la prima stagione sarà sicuramente interessato a questa seconda, mentre chi non ha digerito la precisa scelta di Telltale di orientarsi verso un gameplay sbilanciato sulla narrazione rispetto al grado di sfida si terrà ben lontano da questo seguito.

La prima puntata della Season 2 mette ben in chiaro che la tendenza in casa Telltale non è cambiata per nulla: l’impostazione è la stessa, con l’assenza di qualsivoglia enigma e una sceneggiatura forte e di impatto, capace di rimanere vicina, a livello qualitativo, ad una produzione televisiva di alto profilo.

Parlando di interfaccia, The Walking Dead Season 2 non presenta poi, per quanto riguarda l’uso del joypad, nessuna novità rispetto alla stagione precedente, mentre se opterete per mouse e tastiera dovrete far fronte ad alcuni cambiamenti come ad esempio una modalità di selezione delle risposte nei dialoghi più pratica e intuitva.

Graficamente non abbiamo grosse variazioni: il tratto fumettistico è infatti sempre il medesimo così come il motore 3D, il quale, nonostante l’età, non è stato ancora messo da parte dai Telltale. Il tutto è ancora funzionale, soprattutto per quanto riguarda la resa espressiva dei volti (efficace come nel passato), ma nonostante ciò si avverte comunque il bisogno di vedere all’opera un motore nuovo e più performante.

Ma entriamo nel nocciolo dell’episodio, ovvero la trama. Come tutti ormai sanno, il testimone del protagonista è passato in mano a Clementine, la quale dovrà tentare di sopravvivere ad un mondo ancora più duro che in passato.

Al primo avvio della partita il gioco cercherà nel vostro hard disk (o supporto di memoria) i salvataggi del prequel per dare ai nuovi eventi la giusta continuità; non è ancora chiaro come questo andrà ad influire nell’ambito dell’intera nuova stagione, ma intanto viene ripristinata una coerenza con quello che abbiamo già vissuto diversi mesi fa.

Probabilmente chi di voi ha giocato al DLC 400 Days si chiederà se in questo seguito c’è qualche connessione con i mini episodi usciti quest’estate; per adesso posso solo anticiparvi che nessuno dei personaggi protagonisti del DLC in questione comparirà in questo primo episodio, quindi non ci è ancora dato a sapere come e quando 400 Days si inserirà all’interno del canovaccio narrativo.

Venendo a Clementine, si nota invece la volontà degli sceneggiatori di farla maturare in fretta: il mondo apocalittico di TWD impone regole dure, non c’è più spazio per comportarsi da bambina e l’infanzia di Clem viene distrutta accelerando la sua entrata nell’adolescenza.

Il fatto di non doversi più curare di lei ma di prenderne il controllo diretto, ha permesso poi agli sceneggiatori di approfondire di più il personaggio ed esprimere appieno le sue sensazioni e la sua solitudine. Se la prima stagione era attraversata da temi come la perdita dell’umanità e la ricerca di una moralità impossibile da ripristinare, qui si raccolgono i pezzi di quello che è sopravvissuto (all that remains, appunto) e con essi si tenta di andare avanti affrontando una profonda solitudine sia effettiva che interiore. Questa sensazione è resa molto bene sia da alcuni snodi narrativi e scene di stampo cinematografico, sia dai bivi che si dovranno affrontare per proseguire nell’avventura; non ci sono marcate scelte morali ma semplici decisioni dalle conseguenze non molto chiare.

Ad esempio si può decidere se aiutare o meno un personaggio, di impostare un rapporto di un certo genere con un altro, ma non sappiamo di preciso cosa questo comporterà in futuro. Quello che è chiaro è che il rapporto tra il giocatore e il protagonista si fa ancora più intimo che in passato e questo perché prendiamo il possesso di un personaggio che abbiamo visto crescere passo a passo come padri putativi, per poi prenderne ora il controllo diretto. Che piaccia o no, i Telltale sono maestri nell’adoperare il linguaggio cinematografico e declinarlo in quello videoludico.

Tornando a parlare di gameplay invece dobbiamo registrare i soliti amati/odiati quick time event, (purtroppo) sempre presenti ma a questo giro non troppo invasivi e soprattutto più facili che in passato. Le finestre di risposta sono molto ampie e non è necessario essere troppo precisi con il puntatore; in questo modo si muore poco e il flusso narrativo non viene interrotto da eccessive e inutili ridondanze.

In definitiva il giudizio parziale su questo primo episodio della seconda stagione di The Walking Dead non può che essere positivo, perlomeno se siete nella schiera degli estimatori di questo genere di avventure. Tuttavia come scrivevo in apertura, per ora possiamo solo dare un giudizio parziale al nuovo lavoro dei Telltale e accontentarci di dire che questo inizio di stagione risulta ben riuscito, con un cliffhanger finale che lascia abbastanza di stucco. Speriamo solo che tutti i nuovi impegni produttivi di Telltale non li distolgano troppo dalla realizzazione di questa serie

Nel frattempo a noi non resta che salutarci e darci appuntamento per il secondo episodio di The Walking Dead Season 2.

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Telltale Games
Publisher: Telltale Games
Data Rilascio: 18/12/2013
Piattaforma: MAC, PC, PS3, XBOX360
Caratteristiche
Genere: Avventura/Horror
Grafica: 3D
Visuale: Terza Persona
Controllo: Mouse/Tastiera/Joypad
Doppiaggio: Inglese
Sottotitoli: Inglese
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario