Adventure's Planet
Lunedì, 25 Settembre 2017 04:24
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Recensione

Silent Hill 4: The Room

di Ivan Vailati  

il nostro voto
72
il vostro voto (5 votanti)
66
In breve

Henry Townshend si sveglia da un sogno per ritrovarsi in un incubo quando scopre di essere inspiegabilmente intrappolato nel suo appartamento. Scopre in esso un misterioso portale che conduce in una terrificante realtà alternativa e svela la sconvolgente origine di un orrendo mistero. Silent Hill 4 contiene raccapriccianti visioni ed immagini agghiaccianti che sfideranno l'immaginazione, mettendo alla prova oltre ogni limite la tua salute mentale. Henry Townshend deve trovare il modo di uscire da questo incubo e scoprire con il tuo aiuto l'oscuro, terribile segreto di Silent Hill.

 

Recensione Completa del 29 Novembre 2004
Silent Hill è tornato e... mi fa male la testa, cosa stavo dicendo? A si, Silent Hill vero? Solo un anno è passato dal terzo capitolo di una delle saghe più longeve nel genere survival horror per PC che gia siamo alle prese con il quarto episodio. Come sempre ad attenderci ci saranno orde di mostri e tonnellate di paura, adrenalina e non-sense come già da tempo i ragazzi della Konami ci hanno abituato, harggg...

Non ricordo... ... ... Ah si, sono nella mia stanza, la poca luce che entra dalla finestra illumina il salotto, la porta è sbarrata da... da delle catene che non mi permettono di uscire. Mi chiamo Henry Townshend e sono l’abitante dell’appartamento 302 di South Ashfield Heights, ricordo solo che sono bloccato da cinque giorni in questo maledetto appartamento e che ogni notte faccio lo stesso sogno e sento... si... siiii... sento... che sta per succedere qualcosa di strano. ...questo è solo l’inizio della storia.

Ci si rende conto da subito che qualcosa di speciale in questa produzione c’è, forse perché si sentiva il bisogno di rinnovare, di cambiare una modalità di gioco che ormai sembrava ripetitiva ma qualcosa di specialooo l’ho gia detto???

Ok, ok, nervi saldi. Prima di tutto un innovazione significativa è la visuale di gioco, solo e soltanto quando sarete nel vostro appartamento questa cambierà in soggettiva (tipo Doom e Hall Life per intenderci). Interessante la scelta, anche se l’ho trovata sostanzialmente inutile. Quando vi troverete ad affrontare la vostra avventura nei vari mondi invece la visuale sarà la solita in terza persona ma leggermente più ravvicinata rispetto agli episodi passati. Purtroppo l’ho trovata poco funzionale, le inquadrature infatti non sempre sono ottime, anzi, in alcuni casi non si sa dove andare e se ci si trova a combattere con un nemico delle volte non lo si vede nemmeno sullo schermo. E’ anche vero che è stato inserito da parte dei programmatori un tasto che permette alla telecamera di mettersi alle spalle del vostro personaggio ma il tutto migliora poco le cose hanfff... hanfff... respiro a fatica, devo prendere fiato.

Altra novità è l’inventario. Non avremo più la solita schermata che appare schiacciando un tasto, ma in assoluto lo potremo gestire mentre giochiamo attraverso l’uso di due tasti: uno per scorrere gli oggetti a destra e uno a sinistra (tasto invio per usare) e io ritengo sia un ottima scelta perché così non dovremo interrompere la nostra sessione di gioco e ci consentirà di immedesimarci di più nell’avventura.

Gli oggetti da raccogliere sono sempre i soliti. Oltre a quelli dedicati agli enigmi abbiamo le solite bevande per recuperare energia, i proiettili, le pistole e una dose massiccia di armi bianche: badili, coltelli, mazze da golf e ammennicoli vari da usare in caso di necessità. Avremo poi una mappa per controllare gli spostamenti anche se non l’ho trovata necessaria visto che le strade non sono labirintiche e sono piuttosto semplici da girare.

Haaaa... che male la testa... Dove ero rimasto? ...il... se... A certo, il comparto grafico è notevolmente migliorato, possiamo scegliere la risoluzione che si preferisce e ottime sono tutte le schermate e le stanze che saremo chiamati a visitare e i mostri fanno la loro bella figura, chissà dove vanno mai a trovarne di cosi brutti!!!

Il sonoro, grande cavallo di battaglia degli ultimi 2 episodi in questo caso fa un passo indietro. Intendiamoci, non è male, ma forse complice la poca atmosfera e i pochi luoghi scuri il gioco ne esce penalizzato, in fin dei conti dopo un po’ che si sta giocando ci si rende conto che tutto è sempre la stessa cosa. Ottimo il parlato in inglese e ottimi i sottotitoli in italiano.

Noooo... lasciatemi in pace... Andate via, aiutoooo... ...andatevene, cosa ci fate ancora qua...?? Altra cosa da prendere in considerazione è la componente action e quella dedicata agli enigmi. Ho notato con piacere che l’ago della bilancia pende di più dalla parte degli enigmi e questo non può che fare piacere a noi avventurieri. Niente di complicato o che non si possa fare, ma usare un po’ di materia grigia non guasta mai, anche in questo tipo di giochi, e poi questo aiuta a rendere il tutto più longevo. Penso che in 12 ore chiunque riesca a risolvere il tutto (in ogni caso questo è l’episodio più lungo della serie).

Per quanto riguarda i salvataggi, brutta la scelta di far tornare ogni volta Henry a salvare la posizione nel suo appartamento ed altrettanto brutta la scelta di farlo tornare a posare gli oggetti inutili nella panca vicino al televisore... perché?? Perché?? Perch... Ho trovato davvero noioso andare avanti e indietro tra i vari livelli, sarebbe stato sicuramente meglio utilizzare il solito e collaudato sistema per salvare ed inventariare gli oggetti.

Vivamente consigliato un joypad vista la mole di tasti da utilizzare ed assolutamente obbligato l’aggiornamento dei driver della vostra scheda 3D alla versione più recente.

Alla fine dei conti non è il miglior Silent Hill della serie, ma questo The Room fa comunque la sua figura. L’atmosfera di gioco è sempre ben mantenuta, anche se i luoghi ampi e maggiormente spaziosi rendono le sessioni di gioco più tranquille e meno claustrofobiche che negli episodi passati. Coraggiosa la scelta di rinnovare e proporre qualcosa di nuovo e forse questa è la strada giusta da percorrere, anche se il mio mal di testa non accenna a diminuire, chissà come mai???

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Konami
Distributore: Halifax
Data Rilascio: Q4 2004
Piattaforma: PC, PS2
Caratteristiche
Genere: Survival Horror
Visuale: Terza Persona
Controllo: Mouse/Tastiera/Joypad
Doppiaggio: Inglese
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 98/Me/2000/XP
Processore: Pentium III 1000
RAM: 256 MB
Scheda Video: 32 MB
Hard Disk: 3 GB
Supporto: 1 DVD
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario