Adventure's Planet
Lunedì, 24 Novembre 2014 08:38
Benvenuto ospite

Recensione

Penumbra: Overture

di Ivan Vailati  

il nostro voto
80
il vostro voto (5 votanti)
82
In breve

Dopo la morte della madre, Philip riceve una lettera dal padre che lo aveva abbandonato anni prima. Perso ogni legame, si mette alla ricerca dello strano luogo descrittogli dal genitore e finisce per trovarsi invischiato in una incredibile storia. Immergiti nel primo episodio di questa trilogia.

 

Recensione Completa del 21 Aprile 2007
Penumbra Overture è uno di quei giochi che non ti aspetti e con una storia molto particolare alle spalle. Inizialmente sviluppato come tech demo dimostrativo (questo è il link), creato per dimostrare le eccezionali qualità dell’engine 3D interno e del suo motore fisico denominato Newton Game Dynamics, in poco tempo la demo è riuscita a destare intorno a se un interesse sempre più crescente. Era inevitabile cavalcare l’entusiasmo e i ragazzi della Frictional Games si sono messi al lavoro sullo sviluppo del primo episodio di quella che sarà una serie di tre giochi. Ammetto di avere giocato alla tech demo e di esserne stato favorevolmente impressionato: nonostante la qualità grafica non fosse certamente degna di nota, il motore fisico era qualcosa di incredibile e l’atmosfera che si respirava era veramente da paura.

Dopo questa breve e doverosa presentazione iniziamo la nostra recensione: il vostro nome è Philip e di certo non è uno dei momenti migliori per cominciare questa storia. E' il giorno del funerale di vostra madre e avete ricevuto un pacco da vostro padre, che in teoria dovrebbe essere scomparso, se non morto da 30 anni. La missiva contiene la chiave per una cassetta di sicurezza e una lettera: letta la lettera e recuperato il contenuto della cassetta, verrete in possesso di documenti scritti in uno strano linguaggio difficile da decifrare. La curiosità è più forte di qualsiasi altra cosa e il nostro protagonista, una volta tradotto il manoscritto, partirà alla volta della Groenlandia alla ricerca di risposte perdute o di nuove domande a cui trovare risposta. Come si evince dall’introduzione, l’inizio è alquanto ambiguo, senza sapere cosa vi aspetta verrete catapultati in un mondo oscuro e tetro dove uscire sarà molto difficile. Giusto per chiarire, non siamo di fronte a un avventura classica in soggettiva o in terza persona, questa volta abbiamo a che fare con un titolo che fa il verso agli FPS, e fa della simulazione il suo punto di forza: i movimenti sono infatti lasciati al connubio mouse e tastiera.

Dal punto di vista grafico, nonostante l’assoluta assenza di filmati veri e propri (ce ne sono un paio ma non si possono definire filmati, sono disegni con la telecamera che si allontana o si avvicina) e da un'introduzione abbastanza scarna, se si pensa che l’engine 3D è amatoriale c’è da gridare al miracolo. Tutti gli elementi grafici sono stati rivisti, migliorati e arricchiti di dettaglio, sembra incredibile, ma se togliamo le pochissime zone esterne realizzate un po' così-così, le parti interne sono ottimamente realizzate, riescono a dare quel senso di angoscia, di terrore e se non vi basta ancora, avrete molte chicche a disposizione per rendere la vostra avventura ancora più immersiva: ombre e illuminazione dinamiche, effetti speculari, motion blur e altre cose più o meno importanti che farò presente in seguito. Purtroppo di contro avremo dei mostri realizzati molto male con pochissime animazioni, modelli poligonali e texture banali, certamente si poteva fare di più, comunque potete selezionare la risoluzione partendo dalla semplice 640 x 480 fino ad arrivare alla 1280 x 1024 a patto di avere un buon computer: sarà una mia impressione, ma non mi pare che il motore sia poi cosi ottimizzato, consiglio vivamente l’aggiornamento dei driver della vostra scheda grafica.

Prima di buttarvi a capofitto in questa avventura dovete affrontare la prova più ardua.... il menù iniziale (scherzo!). A sinistra dello sfondo, dove è raffigurata la bara di vostra madre avrete le voci da scegliere, potete caricare, iniziare o continuare una partita, uscire dal gioco o entrare nella sezione opzioni dove potrete settare i comandi che più aggradano, il sonoro (hardware), il gioco, per scegliere tra le varie lingue (è sottotitolato in italiano, solo il poco parlato sarà in inglese), la difficoltà, la luminosità, infine la grafica, dove potete scegliere tra una marea di opzioni per personalizzare al meglio Penumbra in base al computer che possedete. Alcuni esempi? Filtro anisotropico, texture trilineari, anti-aliasing, vi assicuro, ce ne sono tantissime.

Come detto in precedenza per muovervi nei meandri della miniera avrete bisogno dell’utilizzo combinato di mouse e tastiera, gli spostamenti saranno in tempo reale, quindi niente locazioni fisse o spostamenti pre-calcolati, l’interfaccia grafica è abbastanza semplice da gestire, normalmente negli FPS abbiamo tutte le informazioni necessarie sullo schermo, in questo caso non abbiamo niente, nessun livello di energia come nessun livello di proiettili, niente, l’unica cosa che ci apparirà sarà l’icona di interazione dell’ambiente che è posta al centro dello schermo. Quando passeremo sopra una zona attiva le icone che ci appariranno saranno 3, un occhio per esaminare, una mano per prendere o una mano per interagire con le cose per spostarle, lanciarle o altro: in questo ultimo caso sarà importante l’utilizzo dei 2 tasti del mouse, quello sinistro per prendere e spostare e tasto destro per lanciare.

Potrete accedere all'inventario grazie al tasto TAB della tastiera: il suo utilizzo è molto particolare e per certi versi innovativo. Nella parte sinistra avrete il livello di energia della vostra torcia che potete aumentare raccogliendo le varie batterie sparse qua e la, poco sotto avrete il livello di salute che potete migliorare usando i pochi antidolorifici sparsi nei vari armadietti medici, ricordatevi che dopo un combattimento potete recuperare tutta la energia stando fermi in attesa. Al centro della nostra schermata avremo le zone dove mettere gli oggetti raccolti, ma la cosa più interessante la troviamo nella parte superiore: nonostante si tratti come detto di un ibrido, Penumbra ha una vocazione strettamente avventurosa e la risoluzione degli enigmi è una parte importante, se non fondamentale: in questo caso, gli sviluppatori hanno ben pensato di darci un aiuto per evitare il continuo spezzarsi dell’azione creando nove spazi numerati dove inserire gli oggetti raccolti, che poi, potete richiamare premendo il numero relativo. A mio parere un ottima idea, e ricordate che gli oggetti si possono abbinare trascinandoli uno sopra l’altro.

Qualche parola la devo spendere anche per il motore fisico: una cosa del genere si era gia vista in Half Life 2, seppure in modo diverso, in questo caso c’è stato un ulteriore miglioramento, si è preso in considerazione non solo l’oggetto in se stesso ma anche il suo peso, la sua dimensione e ecco che allora non sarà possibile alzare un grosso barile pieno, ma solo farlo strisciare: un grosso masso lo potete fare rotolare, se è più piccolo anche sollevarlo, gli oggetti di piccole dimensioni potranno essere lanciati e così via. Questo può influire anche sulla soluzione degli enigmi e in alcune situazioni di combattimento che vi spiegherò più avanti. Come ci si poteva aspettare l’audio si assesta su ottimi livelli, e d’altronde non ci si poteva aspettare di meno da un gioco che fa dell’atmosfera il suo punto di forza: eccezionali gli effetti sonori e le musiche riescono a ricreare quel senso di claustrofobia e di angoscia sempre crescente. La durata dell’avventura è piuttosto breve, ma non mancherete di spaventarvi prima di arrivare alla conclusione del gioco: una volta dentro la miniera sarete chiamati a muovervi per 4 livelli, tutti non molto grandi e abbastanza semplici, diciamo che in 6-8 ore potrete cavarvela senza problemi.

Gli enigmi sono una componente primaria e non sono lasciati al caso, hanno tutti un'attinenza strettamente legata al luogo dove vi trovate (niente di stravagante o bizzarro). Si possono dividere in 3 modalità distinte: la prima è la tipica soluzione di enigmi basati sulla vostra intelligenza, azionare macchine, leggere messaggi informativi, abbinare e usare oggetti, la seconda invece è la soluzione di enigmi basati sul motore fisico, l’utilizzo e la manipolazione di cose per raggiungere o superare ostacoli, la terza modalità invece è particolare e riguarda i combattimenti. Non conviene mai affrontare i mostri faccia a faccia, ci sarà sempre un modo alternativo per affrontare queste situazioni e sta a voi riuscire a trovarlo: potete aggirare i nemici nascondendovi (basta spegnere le fonti di luci e abbassarsi), potete sfruttare le bombole colpendole con il piccone per farle esplodere, potete salire su impalcature e lanciare oggetti, potete usare la carne per distrarre l’attenzione o creare un trappola ecc.. potete anche scegliere di affrontare i combattimenti ma le armi a disposizione sono poche, martello o piccone e sarete sempre in inferiorità nella lotta (anche se lanciare oggetti verso i malcapitati può essere una soluzione). Gli enigmi che affronterete seppur ben realizzati saranno facili: questo per un semplice motivo, in ogni livello le cose da fare sono poche ed è quindi naturale arrivare a capire come proseguire, penso che qualche difficoltà in più non avrebbe guastato.

Per concludere Penumbra, è consigliato a tutti gli amanti del genere horror che sanno apprezzare le inquietanti ambientazioni e le storie cupe e angoscianti: la grafica è ben curata, nonostante le ambientazioni siano troppo spoglie, il sonoro è qualcosa di stratosferico, a volte disturbante, i difetti si possono riscontrare nella poca cura nelle animazioni e creazione dei mostri, in una longevità non eccelsa, nelle poche armi messe a disposizione e dagli enigmi troppo scontati. Non so voi, ma io aspetto trepidante l’episodio 2, da paura......

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Frictional Games
Publisher: Lexicon Entertainment
Distributore: Atari
Data Rilascio: Q2 2007
Piattaforma: PC
Caratteristiche
Genere: Horror
Grafica: 3D
Visuale: Soggettiva
Controllo: Mouse/Tastiera
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 2000/XP/Vista
Processore: 1,5 Ghz
RAM: 512 MB
Scheda Video: ATI Radeon 8500/NVIDIA GeForce 3 (GeForce4MX non supportate)
Hard Disk: 1 GB
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario