Adventure's Planet
Lunedì, 01 Settembre 2014 20:31
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Recensione

Puzzle Bots

di Matteo Inzaghi  

il nostro voto
84
il vostro voto (2 votanti)
75
In breve

C'è un grande segreto alla fabbrica di robot del Dr. Hugo. Quando gli inventori non guardano, i loro minuscoli robottini partono in cerca d'avventura. Anche se non si sarebbero mai aspettati di fare parte di un piano così diabolico che minaccia la loro stessa esistenza... Tutto ha inizio quando Zander (forse l'inventore più distratto del mondo) ritrova una scatola di metallo sepolta nel giardino della fabbrica. Nessuno riesce a capire come aprirla, tranne i robot fuggiti dal proprio habitat. Ciò che scoprono è solo il primo passo verso una grande avventura, che li porterà ad un mistero ancora più grande e vecchio quanto la fabbrica stessa. Riusciranno i robottini a scoprire la verità prima che sia troppo tardi?

 

Recensione Completa del 02 Dicembre 2010
Alzi la mano chi non vorrebbe un robot che svolga tutti i compiti più ingrati al posto suo. Alla “Fabbrica per fare robot del dottor Hugo” (il nome è già tutto un programma), cinque tra i migliori scienziati del mondo stanno progettando i primi prototipi delle intelligenze artificiali che rivoluzioneranno completamente il nostro stile di vita futuro. Mini-robot capaci di sollevare e spostare oggetti, svolgere le mansioni più disparate e forse molto più intelligenti di quanto i loro stessi creatori possano immaginare...

Fin dall’introduzione è chiaro che il tono di quest’avventura targata Wadjet Eye Games (software house già autrice della serie The Blackwell Legacy e di Emerald City Confidential) è tutto fuorché serioso. A partire dagli stereotipatissimi scienziati, che potrebbero essere i classici protagonisti di un telefilm per teenager. Innanzitutto, loro stessi sono dei ragazzini e poi rappresentano (volutamente) i classici cliché visti e stravisti in TV e al cinema: il protagonista tanto buono quanto tonto, l’amico fidato di colore (ormai un classico), il freddo e glaciale russo, la secchiona occhialuta asiatica e la belloccia di turno che inizialmente distruggerà i sogni d’amore che la simpatica giapponesina ha nei confronti del protagonista. Ognuno degli scienziati ha creato un singolo prototipo di robot e i piccoli automi saranno il fulcro della storia, dato che la loro voglia di esplorare e conoscere farà scoprire (paradossalmente agli umani) intrighi e misteri vecchi quanto la stessa fabbrica del dottor Hugo.

Tutto ha inizio quando Zander, l’inventore più “svanito” del team, trova sepolta nel giardino della fabbrica una scatola di metallo apparentemente impossibile da aprire. L’oggetto finisce dimenticato sul bancone del laboratorio, dove, qualche metro più in là, è situato “l’habitat”, ovvero una specie di “mini-appartamento” in cui risiedono i piccoli robottini. Hero e Ultrabot, i primi due automi che avremo modo di controllare, decidono di scappare dall’habitat per esplorare la fabbrica e involontariamente riescono ad aprire la scatola. Una serie di improbabili eventi causati (la maggior parte delle volte quasi inconsapevolmente) dai piccoli bot intreccerà la loro avventura con la vita degli scienziati in un susseguirsi di situazioni sempre più strampalate e divertenti, fino all’inaspettata e incredibile scoperta finale.

Puzzle Bots ci metterà di fronte ad una serie di livelli ambientati in posti assolutamente tra i più comuni, ma che visti e vissuti dalla prospettiva dei simpaticissimi robottini assumeranno una valenza completamente diversa. Una valigetta su un tavolo potrebbe essere un ostacolo insormontabile, un comune righello si trasformerà in un ponte verso nuovi ed inesplorati mondi e una banale macchinetta per il caffè potrebbe essere addirittura utilizzata come una navetta spaziale. Ogni robot tra i cinque a nostra disposizione possiede capacità diverse: Hero, il leader del gruppo, è in grado di sollevare e utilizzare piccoli oggetti; Ultrabot, il forzuto (ma anche più fifone) della compagnia sarà utile nello spostamento di grossi ostacoli come libri o sedie; lo “psicotico” Kelvin è in grado di bruciare oggetti con il suo lanciafiamme; Ibi è la nuotatrice del gruppo e Bomchelle è la “tipa pericolosa” che tira bombe a destra e manca. Tolti i singoli oggetti che Hero e Ibi sono in grado di trasportare (rigorosamente uno alla volta), non esiste un inventario; lo svolgimento della nostra avventura si basa solo ed esclusivamente sul saper sfruttare le capacità dei nostri bot (selezionabili grazie ad apposite schede posizionate nella parte bassa dello schermo) e il gameplay, nonostante la semplicità di fondo, è dannatamente appagante, tanto da creare assuefazione.

Volutamente pixellosa e semplice, la grafica di Puzzle Bots punta soprattutto sullo stile e sulla simpatia dei personaggi. Nonostante la bassa risoluzione, le animazioni non sempre eccelse e qualche ambientazione un po’ spoglia rispetto ad altre riuscite meglio, il gioco riesce nel difficile compito di risultare comunque visivamente accattivante. Merito soprattutto del character design azzeccatissimo, nonché di un doppiaggio (in lingua inglese, come i sottotitoli purtroppo non tradotti nella nostra lingua) molto curato, che rende perfettamente giustizia alle personalità strampalate e alle divertentissime battute dei protagonisti.

Ciò che rende Puzzle Bots un’avventura speciale, oltre al gameplay dannatamente “catchy”, è l’intreccio della storia. Per quanto palese che la trama sia solo un pretesto per creare e tenere in piedi situazioni assurde in cui cacciare i piccoli robottini, i dialoghi sono talmente ben scritti che non si riesce a non ridere per più di un paio di minuti. Le situazioni incredibili vissute dagli umani, condite da un umorismo in stile Simpson, divertente e mai volgare, si contrappongono alla visione ingenua e bambinesca che i robot hanno di un mondo che non conoscono ancora. I commenti e gli scambi di battute tra Hero e Ultrabot sono divertentissimi e il fatto di aver voluto caratterizzare il primo come quello incosciente e curioso del gruppo e il secondo come quello timoroso e più ligio alle regole, ci riporta indietro nel tempo, quando da piccoli si combinavano delle marachelle e l’organizzatore del misfatto doveva sempre convincere l’amichetto “fifone” a partecipare alla birichinata. I piccoli automi si ficcheranno perciò sempre nei casini più impensati, spinti semplicemente dalla voglia di esplorare il mondo e d’imparare a conoscerlo.

Puzzle Bots è un’avventura deliziosa. Divertente, intelligente e che fa ridere come poche altre. L’ultima opera dei Wadjet Eye Games ha come unico difetto il fatto che ci acchiapperà talmente tanto da farci esclamare: “Già finito?” dopo le piacevoli (ma purtroppo brevi) tre ore che il gioco ci offre. D’altra parte però, è proposto alla ridicola cifra di 3,70 euro sul sito ufficiale e di 4,49 euro su Steam. Di fronte ad un rapporto qualità/prezzo come questo, serve ancora continuare a leggere questa recensione per tirare fuori la carta di credito?

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Wadjet Eye Games
Publisher: Wadjet Eye Games
Data Rilascio: 10/08/2010
Piattaforma: PC
Caratteristiche
Genere: Avventura/Puzzle
Grafica: 2D
Controllo: Mouse
Doppiaggio: Inglese
Sottotitoli: Inglese
Ricerche
Sito internet
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario