Adventure's Planet
Sabato, 25 Novembre 2017 02:57
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Recensione

The Lost Mansion: The Secret of Naereaon - Ep. 1 - Boathouse

di Ivan Vailati  

il nostro voto
59
In breve

Siete su una scialuppa di salvataggio avvolti in una strana nebbia, improvvisamente l’oscurità si dirada e finalmente in lontananza vedrete qualcosa: è un faro, questo è tutto quello che ci è dato sapere, da ora in poi ha inizio la vostra avventura nel mondo di Naereaon.

 

Recensione Completa del 15 Luglio 2007
Prima di iniziare, faccio presente che questa recensione tratterà dell’episodio introduttivo freeware e scaricabile gratuitamente sul sito ufficiale http://www.thelostmansion.com/ e dell’episodio 1, uscito da poco e sempre disponibile in digital delivery sul sito ufficiale al prezzo di 4,95 dollari in formato PC e MAC. Sembra che il nuovo trend del momento sia quello di creare avventure o in generale giochi a episodi: ne abbiamo avuti di esempi, HALF LIFE, PENUMBRA, SAM AND MAX stagione 1 (6 episodi), ora tocca a THE SECRET OF NAEREAON cogliere l’occasione, sarà all’altezza dei mostri sacri che ho appena elencato? Lo vedremo subito.

L’inizio è alquanto misterioso e cupo, siete su una scialuppa di salvataggio avvolti in una strana nebbia, improvvisamente l’oscurità si dirada e finalmente in lontananza vedrete qualcosa: è un faro, questo è tutto quello che ci è dato sapere, da ora in poi ha inizio la vostra avventura nel mondo di Naereaon. A dire il vero basterebbe dirigersi sul sito del gioco per sapere più di preciso come sono andate le cose e il perché vi ritrovate su una scialuppa: in effetti il motivo è che vi siete imbarcati alla ricerca di un leggendario tesoro dei pirati in cui nessuno credeva. Purtroppo una tempesta vi ha colti impreparati e siete rimasti alla deriva.

Dal punto di vista tecnico TSON è un gioco che ha delle ottime potenzialità, graficamente molto valido, anche se altalenante, sfoggia un motore 3D in realtime dalle ottime qualità visive. Il meglio lo si ottiene nelle zone all’esterno, gli effetti luce danno quella atmosfera e quella sensazione che solo in poche occasioni sono riuscito a respirare, altrettanto non si può dire degli interni che risultano essere molto spogli e semplici, sarebbe stato meglio impegnarsi un poco di più da questo punto di vista. Tutto quello che ho descritto viene condito da una risoluzione molto varia, si può scegliere se passare da una 640 x 480 a 16 bit fino ad arrivare alla 1680 x 1050 a 32 bit, senza contare i vari effetti azionabili nel menu grafica che descriverò più avanti. Il primo screenshot che vi ritroverete di fronte (subito dopo i soliti titoli di presentazione), raffigura una specie di mappa su una scrivania (vedi screen): su questa mappa saranno segnati dei punti o dei luoghi, sono le voci che potete selezionare, potete uscire, iniziare un episodio, entrare nel gioco da dove lo avete lasciato (non ci sono i salvataggi) o vedere i crediti. Potete scegliere inoltre, da quale episodio iniziare o entrare nella sezione settings che è la più importante in assoluto. Al suo interno potrete scegliere la risoluzione che più vi aggrada, se giocare a schermo intero o se azionare i vari effetti per rendere la vostra esperienza più immersiva. In questo caso avete a disposizione 4 tipi di dettaglio: low (basso), medium (medio), high (alto) oppure ultra e se non siete contenti sarete liberi di scegliere quali di questi effetti attivare, widescreen, reflections, glow e displacement/bump.

Una delle cose più intriganti è certamente la sezione dove fare il login: a cosa serve questa sezione? Sostanzialmente è la possibilità di entrare nella cabin door, che altro non è che una text chat da potere utilizzare nello stesso momento in cui state giocando, un'ottima opportunità per conoscere altri avventurieri, scambiare idee, impressioni, pareri: purtroppo in questo momento il server non sembra rispondere a dovere, speriamo che questa splendida sezione possa essere presto attiva, sarebbe certamente un punto a favore del gioco, vi ricordo che questa opportunità vi verrà data solo dopo l’acquisto del primo episodio. L’interfaccia, partendo dal presupposto che la visuale è in soggettiva e che gli spostamenti sono in stile FPS, quindi liberi al 100%, è semplice da gestire e avrete 2 scelte a vostra disposizione: potete usare il classico connubio mouse e tastiera, oppure usare solo il mouse. Nel primo caso gli spostamenti saranno possibili usando i tasti freccia e l’interazione sarà lasciata al tasto sinistro del mouse, nel secondo caso (il migliore) la visuale e gli spostamenti saranno lasciati al mouse, il tasto sinistro si userà per avanzare e il tasto destro per indietreggiare, quando sarete nei pressi di un oggetto che potete prendere o utilizzare apparirà un cursore freccia a questo punto sempre il tasto sinistro del mouse cambierà modalità e potrete usarlo per interagire. L’inventario sarà nella parte bassa dello schermo e gli oggetti non li potrete mai utilizzare se non quando arriverete nel punto preciso dove servono, in questo caso appariranno in modo automatico e li potrete usare.

Il sonoro ricopre un ruolo importantissimo, nell’episodio freeware avrete 4 tracce audio e nell’episodio 1 ne avrete 5, tutte quante di ottima qualità, riescono a dare la giusta atmosfera e il giusto pathos che serve sempre in questo tipo di produzioni. Gli effetti ambientali sono quasi inesistenti, quei pochi rumori che sentirete sono fatti abbastanza maluccio, il buon doppiaggio sarà lasciato alla voce di una sola persona e la sentirete solo le volte che leggerete i diari: TSON è parlato e sottotitolato in inglese.

Ma veniamo alle note dolenti. Come accennato dagli sviluppatori, TSON non è un puzzle game ma è un story game, e questo significa che i pochissimi enigmi che vi ritroverete ad affrontare saranno di una facilità disarmante: è praticamente impossibile rimanere bloccati e questo enorme problema va a inficiare in modo notevole sulla longevità, 30 minuti per l’episodio prologo e 40 minuti per l’episodio 1, tanto mi ci è voluto per portare a termine queste 2 fatiche. Per chi piace godersi le storie e i racconti il discorso può cambiare, ma anche da questo punto di vista ci sono delle lacune notevoli, i 6 diari che leggerete, per ogni episodio, sono di breve durata e ogni volta vi ritrovereste ad aspettare l’uscita del prossimo per leggere il seguito.

Non è facile giudicare un avventura di questo stampo, certamente ci sono dei pregi dal punto di vista tecnico, questi sono innegabili, ma se devo giudicare TSON nel suo complesso, i difetti sono troppo gravi, non posso non tenere conto degli enigmi irrisori e della longevità praticamente inesistente, speriamo che i prossimi episodi siano più lunghi e magari con una difficoltà maggiore. Il voto assegnato è assolutamente indicativo, e se la cabin door dovesse essere finalmente accessibile, con pochi miglioramenti sono convinto i prossimi episodi (l’episodio 2 è in arrivo per l’estate) potranno risollevare le sorti di questa produzione, staremo a vedere.

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Breezeway Studios
Data Rilascio: Q2 2007
Piattaforma: MAC, PC
Caratteristiche
Genere: Avventura
Visuale: Soggettiva
Controllo: Mouse/Tastiera
Doppiaggio: Inglese
Sottotitoli: Inglese
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 95/98/ME/200/XP/Vista
Processore: 1,5 Ghz
RAM: 512 MB
Scheda Video: 128 MB
Hard Disk: 200 MB
Supporto: Online Download
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario