Adventure's Planet
Mercoledì, 19 Febbraio 2020 18:11
Benvenuto ospite

Recensione

Jenny LeClue

di Andrea Canino  

il nostro voto
88
In breve

Nel gioco impersoneremo Jenny LeClue, una giovane investigatrice che dovrà cimentarsi nel primo vero caso della sua carriera, l'omicidio del rettore universitario del suo paese, Arthurton, e che vede sua madre come prima sospettata.

 

Recensione Completa del 11 Febbraio 2020
Arthur K. Finklestein è un celebre scrittore di gialli per ragazzi che hanno per protagonista la giovane detective Jenny LeClue. I suoi romanzi sono sempre stati caratterizzati da indagini su crimini non violenti ambientati nella tranquilla cittadina di Arthurton. Tuttavia, mentre Finklestein è intento a scrivere il suo trentottesimo racconto su Jenny LeClue, riceve una lettera del suo editore che lo informa di un drastico calo delle vendite dei suoi libri e gli intima di inserire almeno un omicidio in questa storia, altrimenti la serie si interromperà definitivamente. Questa componente metanarrativa era l’aspetto che lasciava più perplessi alla vigilia dell’uscita del gioco, in quanto il rapporto fra lo scrittore e la sua protagonista sembrava difficile da trasporre a livello di gameplay, col rischio di renderlo farraginoso. In realtà rappresenta uno dei suoi punti di forza. Nei primi capitoli, che costituiscono in effetti una sorta di tutorial, si assiste infatti al tipico svolgimento dei precedenti romanzi di Jenny LeClue, caratterizzati da casi molto semplici e dall’uso frequente di un’unica tipologia di investigazione, la ricerca di indizi su un personaggio, con l’effetto di frustrare sia i giocatori esperti che la stessa Jenny, la quale vorrebbe affrontare casi più difficili ed efferati.
Ma all’improvviso, nel sesto capitolo ambientato nella biblioteca pubblica, il gameplay si arricchisce e alla fine Jenny scopre un cadavere. È l’autentico punto di svolta, tanto agognato sia dall’editore che da Jenny che dal giocatore. Da quel momento l’avventura è infatti un continuo crescendo nel livello di coinvolgimento e sfida, grazie a una trama avvincente e carica di misteri, che strizza l’occhio a un noto telefilm, e a un’investigazione davvero appassionante che combina perfettamente l’esplorazione di vaste ambientazioni integrata da brevi fasi platform, varie forme d’indagine e degli enigmi di difficoltà crescente finalmente ben congeniati e inseriti nel gioco. L’investigazione non apporta innovazioni particolari al modello costruito negli anni soprattutto da Frogwares, ma lo rinfresca grazie a delle soluzioni visive molto intuitive e accattivanti. Come detto, poi, il rapporto fra Jenny e il suo autore è uno dei punti di forza, sia perché lo scrittore vorrebbe frenarne lo spirito intraprendente mentre lei affronta ogni situazione con sprezzo del pericolo, contrasto che permette di creare continui siparietti divertenti fra i due, sia perché spesso il giocatore dovrà effettuare delle scelte che andranno a influenzare leggermente la narrazione, fino a quella finale che sarà invece decisiva e vi farà tentennare non poco. La scrittura brillante fa compiere inoltre un percorso di formazione alla protagonista stessa, specialmente nel rapporto con gli altri.
Dal punto di vista tecnico e artistico il gioco raggiunge l’eccellenza. La grafica bidimensionale è davvero caratteristica, con una grande cura nelle cromie e nella luce, convincente sia negli interni che negli esterni, sbalorditiva nelle grandi ambientazioni. Le animazioni sono molto fluide e la regia è così abile nella creazione della suspense attraverso la scelta delle inquadrature e dei movimenti di camera, che sembra di assistere a una serie animata. In alcune ambientazioni, poi, gli sviluppatori riescono a infondere un’atmosfera dark da autentico giallo, grazie anche a musiche e a un sonoro di grande effetto. L’avventura va giocata con la tastiera ed è forse questo l’unico piccolo difetto, ma dopo un po’ ci si abitua. Va inoltre segnalato che il gioco si conclude in modo parziale, perché è già in sviluppo il secondo capitolo, ma comunque soddisfacente e con la voglia di sapere come proseguirà la storia.
In conclusione Jenny LeClue Detectivù eccelle in ogni comparto, grafica, sonoro, scrittura e soprattutto gameplay, rivelandosi inaspettatamente uno dei migliori giochi del 2019 e una delle avventure investigative migliori di sempre, un giudizio in cui assumono un peso importante il fatto che il gioco è concepito soprattutto per dispositivi mobili e la sua elevata longevità, che si attesta intorno alle sedici ore, senza mai tempi morti e fasi noiose.

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Mografi
Data Rilascio: Q3 2019
Piattaforma: Android, PC
Caratteristiche
Genere: Avventura investigativa
Grafica: 2D
Visuale: Terza Persona
Controllo: Tastiera
Doppiaggio: Inglese
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Sito internet
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 7/8/10
Ricerche
Sito internet
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore