Adventure's Planet
Sabato, 23 Settembre 2017 20:23
Benvenuto ospite

Recensione

Cleopatra - Il Destino di una Regina

di Ivan Vailati  

il nostro voto
72
il vostro voto (2 votanti)
87
In breve

In questa nuova avventura targata Kheops Studios, il giocatore sarà catapultato nel tormentato periodo dell'Antico Egitto. Il suo compito? Aiutare la giovane regina Cleopatra a prendere le giuste decisioni per il buon andamento dell'Impero e far si che diventi la Regina dei Re! Questa avventura lo porterà a visitare la gloriosa Alessandria e tutti i suoi mitici monumenti come la Grande Biblioteca e il famosissimo Faro di Alessandria!

 

Recensione Completa del 20 Novembre 2007
È una cosa impressionante come gli sviluppatori della Kheops studio non si fermino mai: sono un vulcano di originalità, un terremoto inarrestabile, un’officina di idee impressionante. In poco più di 3 anni questi ragazzi sono riusciti a portare sui nostri computer ben 10 avventure e nel prossimo futuro ce ne sono in uscita altre due (Nostradamus e Dracula 3). In questa loro decima incarnazione videoludica, saremo alle prese con l’Egitto e più precisamente ad Alessandria: la guerra civile incalza e la giovane regina Cleopatra ha bisogno di essere aiutata. Voi impersonerete Thomas, giovane apprendista astrologo che si troverà suo malgrado invischiato in problemi più grandi di lui: sarete pronti ad aiutare la regina nel difficile compito di ritrovare Akkad, il suo fido consigliere? Riuscirete a ritrovare la vostra amata Iris e a fuggire da questa città ormai in guerra? Spetta a voi riuscirci.

Come per quasi tutti i giochi appartenenti a questo filone, la trama è poco più di un pretesto per poter costruire intorno il gioco. Non per caso, mi piace definire questo genere di avventure “intelligenti”, praticamente si impara giocando e anche questa volta non fa eccezione. Gli enigmi che vi ritroverete ad affrontare saranno improntati alla vera vita del popolo Egizio, il loro stile di vita, il loro modo di lavorare, l’astrologia, di cui avevano fatto un culto vero e proprio, insomma, tutto è ricreato nei minimi dettagli.

Ma cominciamo pure con le nozioni tecniche: graficamente le locazioni 3D sono molto gradevoli agli occhi, le architetture degli edifici non saranno mai troppo complesse e in generale si nota una certa staticità. Le uniche animazioni saranno lasciate a qualche torcia che arde, a qualche animale che vi ritroverete ad affrontare e a qualche effetto che farà capolino qua e la. La risoluzione sarà fissa sulla 1024 x 768 e devo dire che il motore grafico risulta essere molto snello e ottimizzato. Tutto questo garantisce che anche chi non possiede un computer ultimo modello potrà godersi in tutto il suo splendore Cleopatra. Il menù iniziale è stato molto ben congegnato, praticamente vi ritroverete all’interno degli appartamenti di Cleopatra, e qua potete muovervi a vostro piacimento e in base a dove andrete avrete le vostre scelte da fare: potete settare il sonoro, la musica, il parlato, potete scegliere la velocità del cursore, se avere i sottotitoli o no, se guardare i filmati che già avete visto giocando, guardare i crediti, iniziare, caricare, salvare o uscire dal gioco. Un discorso a parte merita la sezione iniziale. Quando per la primissima volta inizierete una partita, vi sarà data la scelta di scegliere tra 5 statuine, d’ora in poi la statuina che avete scelto farà riferimento alla vostra avventura: fin qua tutto regolare, la vera novità sta nel fatto che dovrete scegliere anche un segno zodiacale, tra i 12 che potete usare. A detta degli sviluppatori, in base alla vostra scelta, l’avventura cambierà di conseguenza: in questo caso non posso garantire la veridicità di tale affermazione, anche perché mi sono cimentato solo una volta nel gioco, ma comunque, se tutto fosse vero, sarebbe una cosa veramente interessante.

L’interfaccia è la solita a cui siamo sempre stati abituati, il cursore a schermo sarà una specie di scarabeo, quando passerete su una zona attiva il nostro animaletto si trasformerà in una faccia con la bocca quando ci sarà da parlare, in una mano quando ci sarà da prendere qualcosa e in un paio di ingranaggi quando ci sarà qualcosa con cui interagire. Tutto è gestito tramite il tasto sinistro del mouse, l’inventario è lasciato a quello destro. All’interno troverete 4 icone a sinistra e 4 a destra, nel centro ci saranno gli appositi slot per gli oggetti che raccoglierete: le icone di sinistra serviranno principalmente per la gestione della vostra avventura. In poche parole, un’icona vi riporterà nel menu, un'altra nella sezione trama per avere un resoconto di dove siete arrivati, una vi farà vedere i dialoghi e l’ultima i documenti raccolti per poterli leggere e esaminare. Ogni oggetto raccolto verrà messo in alto a destra dell’inventario: per poterlo riporre dovete usare l’icona sottostante, mentre più sotto avrete l’icona della mappa e sempre più giù ci sarà l’icona per dividere gli oggetti: infatti ogni tanto, quando abbinerete degli oggetti (si possono abbinare anche fino a 4 oggetti), sotto di questi apparirà un’iconcina a forma di chiave inglese, questo vuol dire che si possono smontare, per ultimo in basso avrete l’icona X per uscire.

Anche le musiche non potevano esimersi dal ricalcare l’ambientazione in cui è svolta questa avventura: arpeggi, flauti e voci suadenti vi faranno compagnia proprio come se foste in Egitto. Certo è, che il genere deve essere di vostro gradimento, altrimenti sai che noia! Gli effetti sono i soliti rumori di aggeggi che si muovono, oggetti che si prendono e si spostano, le solite cose fatte bene e niente più. Il doppiaggio è completamente in italiano.

La difficoltà generale degli enigmi è sul medio facile ed è basata sull’utilizzo degli oggetti: qualche volta ci sarà da utilizzare qualche macchinario o aggeggio particolare ma rimanere bloccati non è facile, molto spesso basta raccogliere dei documenti, per trovare poi gli indizi che vi possono portare facilmente sulla buona strada. In altre occasioni dovrete arrangiarvi, niente è insormontabile, con un po’ di pazienza si può venire a capo di tutte le situazioni. Cleopatra non è esente da difetti, prima di tutto, la troppa linearità, non sarà mai possibile affrontare un enigma al posto di un altro, quando ne avete risolto uno sarete chiamati a risolvere il prossimo e così via: la longevità dipende sempre dalla vostra esperienza, io personalmente non ho fatto fatica a finire il tutto in 6-8 ore di gioco, ma la mia sensazione è che mediamente una decina di ore per portarlo a termine siano sufficienti.

Se c’era bisogno di dimostrarlo ancora, i Kheops anche questa volta hanno fatto un ottimo lavoro: forse il vero problema è che di questo genere di avventure “intelligenti” ne stanno uscendo troppe e tutte (se non consideriamo l’ambientazione) sembrano assomigliarsi troppo, Cleopatra non fa eccezione, comunque sia, la qualità del prodotto rimane alta, l’ho trovato godibile e interessante, ci si diverte imparando, ed è sempre una bella cosa.

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Kheops Studio
Publisher: Nobilis
Distributore: Emcx
Data Rilascio: Q4 2007
Piattaforma: PC
Caratteristiche
Genere: Avventura/Storico
Visuale: Soggettiva
Controllo: Mouse
Doppiaggio: Italiano
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Sito internet
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 2000/XP/Vista
Processore: 800 Mhz
RAM: 64 MB
Scheda Video: 64 MB
Hard Disk: 1.2 GB
Supporto: 1 DVD
Ricerche
Sito internet
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario