Adventure's Planet
Sabato, 18 Novembre 2017 05:49
Benvenuto ospite

Recensione

Broken Sword 3 - Il Sonno del Drago

di Carlo de Caesaris  

il nostro voto
75
il vostro voto (30 votanti)
74
In breve

Le avventure di George Stobbart e Nico Collard continuano nella loro battaglia per sconfiggere le forze del male. Uniti dal destino ed attratti dal mistero dovranno combattere forze oscure, svelare antiche cospirazioni e trovare la sorgente del maligno. Immersi nella selvaggia giungla del Congo, all'interno dei castelli di Praga, nelle oscure vie di Parigi e nello storico villaggio inglese di Glastonbury, la coppia dovrà svelare il mistero che circonda il Manoscritto Voynich che detiene i segreti del potere maligno, il Sonno del Drago, e salvare tutta l'umanità!

 

Recensione Completa del 24 Febbraio 2004
Il momento è catartico... dopo anni di attesa arriva il terzo episodio di una delle saghe più belle della storia delle avventure grafiche, Broken Sword 3. Un evento atteso da migliaia di videogiocatori, speranzosi di veder finalmente rilanciato il genere delle AG. Posso anticiparvi che, purtroppo, le premesse iniziali sono state in parte deluse.

La storia ci vedrà impersonare di nuovo i due famosi personaggi, George Stobbart e Nicole Collard, rispettivamente avvocato (a tempo perso) e giornalista. La storia ruoterà intorno al consueto criminale, Susarro, e ai suoi progetti di predominio sul mondo (non avete mai sentito un plot così originale vero?). Per raggiungere il suo scopo, Susarro cercherà di utilizzare una potentissima fonte di energia che passa attraverso dei canali sotterranei chiamati le linee del Drago. A noi il compito di fermarlo.

L'avventura al contrario dei precedenti capitoli sarà ambientata in un mondo completamente 3D. Il punta e clicca è stato abbandonato, insieme al mouse, lasciando il posto ad un controllo interamente gestito da tastiera o, ancora meglio, dal joypad. Nel gioco potremo far fare al nostro personaggio praticamente tutto: camminare, correre, saltare ed arrampicarsi, ma non quando vorremo noi! Quando sarà possibile compiere una di queste azioni particolari, delle icone si illumineranno sullo schermo e basterà premere il giusto tasto perché il nostro alter-ego compia automaticamente l'azione prestabilita. Quindi non avremo possibilità di cadere da qualche dirupo e nemmeno di compiere salti nel vuoto! Ciò non vuol dire che in BS3 non si possa morire...

Ci saranno particolari situazioni dove ci toccherà avere un'ottima prontezza di riflessi nel compiere un'azione, pena la morte del nostro personaggio (ricordate Dragon's Lair?). Fortunatamente comunque non dovremo ricaricare partite precedentemente salvate in quanto il gioco riprenderà dall'inizio di quella porzione in cui siamo morti.

Tecnicamente il gioco è di tutto rispetto. Come abbiamo detto la grafica è completamente in 3D e non è paragonabile alla bellezza di quella completamente disegnata, però fa comunque la sua bella figura. I colori sono sempre azzeccatissimi, così come i giochi di luce e gli effetti atmosferici; le locazioni sono spesso molto evocative e ben realizzate (salvo qualche caduta di tono). I personaggi sono realizzati molto bene, anche se a volte le animazioni sono un po' innaturali. Una menzione particolare alla colonna sonora. Davvero molto bella, mai invadente, e riesce a dare al gioco un taglio cinematografico da capogiro.

E ora le note dolenti. Sulla poca originalità della storia possiamo soprassedere, anche i primi capitoli della serie non erano certo dei punti di riferimento per originalità. I problemi veri purtroppo riguardano l'interazione, la longevità e la difficoltà (scarsa) dei puzzle. A mio parere questi sono fattori fondamentali per la riuscita di un buon adventure game. Scordatevi quindi la possibilità di esaminare decine di elementi attivi in una stanza. Qui potrete esaminare poco, ed interagire ancora meno; gli oggetti che porterete con voi non saranno mai più di una decina; le descrizioni saranno abbastanza ridotte all'osso. Se a ciò ci unite una longevità che vi porterà a vedere la fine del gioco in circa 10 ore ed una semplicità degli enigmi quasi disarmante... Inutile girare il coltello nella piaga. L'avvento del 3D nelle avventure grafiche le sta portando all'autodistruzione e ad una disaffezione dal genere alquanto preoccupante.

Per finire, alla vista di tutto questo non possiamo definire assolutamente BS3 un'adventure di riferimento. Non fraintendete, il gioco è comunque bello, si lascia giocare, ha un taglio cinematografico come pochi ed i personaggi sono carismatici al punto giusto dal primo all'ultimo. Ma con le lacune di cui sopra, non possiamo avere che molte riserve verso le scelte fatte dagli sviluppatori.

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Revolution Software
Publisher: THQ
Distributore: Halifax
Data Rilascio: Q1 2004
Piattaforma: PC, PS2, XBOX
Caratteristiche
Genere: Avventura/Mistero
Grafica: 3D
Visuale: Terza Persona
Controllo: Mouse
Doppiaggio: Italiano
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 98/Me/2000/XP
Processore: 750 Mhz
RAM: 128 MB
Scheda Video: 64 MB
Hard Disk: 1 GB
Supporto: 2 CD
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario