Adventure's Planet
Lunedì, 29 Maggio 2017 04:03
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Recensione

AGON - The Mysterious Codex (Trilogy)

di Ivan Vailati  

il nostro voto
68
il vostro voto (2 votanti)
76
In breve

Arrivano in Italia le prime tre avventure del Prof. Hunt in questo pack che raccoglie London Scene, Adventures in Lapland e Pirates of Madagascar!

 

Recensione Completa del 28 Aprile 2008
Non vorrei aprire una polemica, ma sappiamo da tempo che nella nostra amata Italia, la maggior parte dei giochi arrivano (se arrivano), sempre con un clamoroso ritardo rispetto ai più fortunati paesi dell’unione europea: ad esempio in Francia sono gia usciti moltissime avventure e non voglio nemmeno parlare dei giochi già usciti nei paesi anglosassoni, perché in questo caso la lista sarebbe lunghissima. In particolare ci sono avventure grafiche con struttura episodica che non sono nemmeno mai giunte qua da noi, e molto probabilmente non usciranno mai: uno degli esempi più eclatanti è sicuramente la serie Nancy Drew giunta ormai alla sua diciottesima incarnazione (l’ultimo episodio è in uscita a giugno e sarà ambientato qua in Italia, più precisamente a Venezia), ma si potrebbe anche accennare a titoli meno famosi come FAMOUS FIVE (ormai terminato al quinto capitolo) o la più recente serie di CAROL REED MISTERY (attualmente al quarto capitolo) senza contare i giochi dedicati ai più piccoli.

Una delle avventure seriali più conosciute è quella di AGON: questa saga a episodi (alla fine saranno ben 14) è stata e sarà sviluppata dai Private Moon Studios, gli stessi sviluppatori dell’atteso Yoomurjak's Ring (previsto per la fine del 2008). Ora grazie alla Blue Label, anche noi italiani potremo vestire i panni dell’esimio professor Samuel Hunt alla ricerca di un codice misterioso. La storia inizia in una piovosa nottata londinese: siamo nell’Ottobre del 1903 e più precisamente al British Museum. Il nostro professore riceve una lettera anonima che parla della strana scoperta di un misterioso disegno geometrico nascosto tra i nuovi reperti giunti al museo: quest’oggetto, che poi si scoprirà essere una strana pietra, contiene l’indicazione della località segreta dove sarà possibile trovare la seconda pietra che permetterà a Samuel di proseguire il suo viaggio in 12 località sparse per il mondo, alla ricerca delle pietre e dei giochi da tavolo più antichi della terra. Più che i personaggi incontrati nelle vostre peripezie, la vera caratterizzazione è quella di Samuel e dei suoi amici rimasti a Londra: le lettere che leggerete durante gli spostamenti nei viaggi vi faranno conoscere sfaccettature della vita, degli amici e della moglie del professore, senza contare le stesse vicissitudini del nostro protagonista.

Graficamente c’è da tenere in considerazione una cosa importante, ossia l’effetto tempo. Il primo episodio è stato completato e distribuito nel 2005, il secondo nel 2006 e il terzo nel 2007 (ed è in uscita quest’anno la quarta parte ambientata nella città di Toledo): quindi è logico che, durante un lasso di tempo così ampio, che ci siano degli evidenti miglioramenti nell’engine del gioco. Se nei primi due episodi questa differenza non si fa poi sentire più di tanto, se non per qualche effetto in più e per l’ambientazione completamente nuova (i luoghi che visiterete sono tre, il museo di Londra, la Lapponia e il Madagascar), nel terzo si riescono a scorgere sostanziali novità, miglioramenti grafici nelle locazioni e ottimi effetti: inoltre un qualsiasi computer può gestire il tutto senza problemi. La risoluzione è fissa sulla 800 x 600 ed è possibile attivare l’antialiasing fino a 6x, e la profondità di colore a 32bit. Io personalmente mi auguro un aumento nella risoluzione per i prossimi episodi: basti considerare il fatto che se il ritmo si mantiene di 1 all’anno si arriverebbe nel 2019 con un gioco antiquato. Essendo nel 1903, i personaggi indossano i vestiti dell’epoca, peccato sembrino un po’ troppo caricaturali e poco naturali: ma forse è una scelta voluta per riprodurre la forma fisica delle persone di allora e per dare questa sensazione. Comunque graficamente non sono fatti molto bene e le animazioni sono fatte anche peggio, tutte le ambientazioni rispecchiano bene il tempo in cui è ambientata questa avventura, come anche i filmati, essenziali.

Il menù principale è semplice e facile da usare, le voci più importanti sono quelle per iniziare o riprendere il gioco e le opzioni da cui è possibile gestire l’audio, il video e i sottotitoli, la velocità dell’interfaccia e il livello della difficoltà nei giochi da tavolo. I giochi da tavolo, in particolare, sono una sezione del menù che sarà attiva solo alla fine del secondo episodio, quando vincerete al primo gioco. Da quel punto in poi potete entrare e giocare quanto volete a tutti i giochi da tavolo che avete completato nei vari paesi. L’interfaccia mi è sembrata troppo complessa e lenta nel suo utilizzo, la cosa che più mi ha annoiato è il fatto che per muovere la visuale, sarà obbligatorio per forza di cose tenere premuto il tasto sinistro del mouse, sarebbe stato molto più facile tenere sempre la visuale al centro e lasciare al mouse tutto il resto. Anche l’inventario soffre di una certa lentezza: tutte le volte che lo vorrete aprire, dovete cliccare sull’icona in alto a destra e aspettare che appaia, sarebbe stato più facile tenerlo sempre visibile o a scomparsa e magari più piccolo e meno ingombrante: una scorciatoia è premere il tasto space della tastiera. Per il resto l’interfaccia è ben descritta nella sezione “file”, cui si può accedere grazie a una delle 3 icone in alto a destra, quindi tralascerò la descrizione del loro utilizzo. Nell’inventario potrete abbinare e utilizzare i vari oggetti che porterete con voi e c’è anche la possibilità, in alcune occasioni, di modificare questi oggetti. Infatti se passate sopra un oggetto con il cursore e questo si modifica in un ingranaggio, ciò significa che nell’oggetto in questione c’è nascosto un enigma, oppure che può essere controllato meglio perché c’è nascosto un segreto o può essere suddiviso in pezzi più piccoli.

Un'altra pecca dell’interfaccia riguarda i documenti, libri, lettere o quanto altro è possibile leggere. In Agon – Il Codice del Mistero non è stato tradotto niente a livello grafico: quindi per leggere le parti importanti nel nostro idioma, si è obbligati a passarci sopra con il cursore ed in questo caso si aprirà una finestra con la parte tradotta. Ma attenzione, questa è una grossa pecca, per il semplice fatto che alcuni libri e documenti scritti in inglese, che ai fini del gioco non sono importanti, non sono stati tradotti e questo è un aiuto non indifferente per il giocatore, anche se c’è sempre molto da leggere. Una delle note positive più importanti risiedono nella parte audio, le musiche sono ottimamente orchestrate, mai ripetitive e anche se lo fossero state, sono talmente poco invasive che neanche ce ne si accorge, sono più di una per capitolo e ogni ambientazione ha il suo stile di musica. Gli effetti sono perfettamente ricreati e danno quel qualcosa in più nell’immedesimarsi delle ambientazioni, il doppiaggio è interamente in un ottimo inglese mentre i sottotitoli non sono esenti da qualche pecca qua e la: una cura migliore non sarebbe stata male, ma sostanzialmente non guastano o impediscono il proseguire del vostro cammino.

L’approccio agli enigmi deve essere affrontato in maniera un po’ diversa da quanto un avventuriero può essere abituato: ma andiamo per gradi. Quando c’è la possibilità di usare degli oggetti, la difficoltà rimane sul facile, il loro utilizzo per maggior parte delle volte è scontato e semplice, i primi problemi si riscontrano con l’utilizzo di qualche marchingegno strano a cui dovete porre soluzione, in questo caso, pur mai cadendo nel banale, si è costretti ad usare più materia grigia del dovuto. Ancora più ingarbugliato è il meccanismo di inserimento del testo, più classicamente chiamato MIT: si tratta di un meccanismo multifunzionale che ricorda una macchina da scrivere e che può essere usato per inserire, numeri, lettere, quando un enigma o un compito necessitano di una soluzione scritta. Purtroppo la difficoltà è elevata, anche perché alcuni enigmi non sono stati tradotti completamente e infatti ci sono parole in lingua inglese da inserire, e per un gioco di avventura che dovrebbe essere tutto in italiano è un grosso difetto che non si può non tenere in considerazione. A questo punto entrano in gioco altri fattori che si utilizzavano molto di più nelle vecchie avventure di una volta e cioè, l’utilizzo di carta e taccuino (come nelle grotte labirintiche in Kyrandia): vi consiglio caldamente di tenere vicino foglio e matita, in modo che quando dovrà esserci l’occasione abbiate la possibilità di segnare le cose più importanti: comunque, capirete quando usate il MIT al momento opportuno. Ogni capitolo ha una longevità media di 4-5 ore (nell’ultimo 6-7) che sono condizionate in parte dalla vostra bravura nel risolvere gli enigmi: ce ne sono un paio abbastanza laboriosi. Ad esempio, ho dovuto perdere un’ora di gioco solo per tradurre un messaggio in alfabeto Morse (tutto in inglese): comunque il totale è più che sufficiente e può motivare la spesa dei 19,90 euro nell’acquisto di Agon.

Insomma Agon è giunto in Italia e lo ha fatto in grande stile dandoci l’opportunità di giocare a ben 3 episodi della serie: la storia è intrigante e appassionante al punto giusto e gli enigmi, nonostante qualche difficoltà di troppo, non sono assolutamente male. Il problema principale risiede in una traduzione monca, non completa, che può mettere in difficoltà chi non mastica la lingua anglosassone. Altri difetti risiedono in un’interfaccia lenta nella sua gestione, che rende di conseguenza lento il gioco e in una grafica che può e deve essere migliorata (speriamo che questo avvenga nei prossimo capitoli): nel frattempo ci si può accontentare di quello che ci è stato dato. Insomma Agon rappresenta un buon esempio di avventura a episodi, che ha le sue pecche ma anche i suoi lati positivi, considerando il prezzo budget a cui è proposto.

 

Info Requisiti
Generale
Conosciuto anche come: AGON - Il codice del Mistero
Sviluppatore: Private Moon Studios
Distributore: Blue Label Entertainment
Data Rilascio: Q2 2008
Piattaforma: PC
Caratteristiche
Genere: Avventura/Mistero
Visuale: Soggettiva
Controllo: Mouse
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows 98/Me/2000/XP
Processore: Pentium III 1000
RAM: 128 MB
Scheda Video: 32 MB
Ricerche
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario