Adventure's Planet
Sabato, 25 Novembre 2017 03:04
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Recensione

The Walking Dead - Ep. 3: Long Road Ahead

di Mattia Seppolini  

il nostro voto
87
il vostro voto (1 votanti)
88
In breve

Dopo aver trascorso qualche mese nel motel, la scarsità di cibo, le minacce dall'esterno e i tradimenti all'interno del gruppo, rimettono in moto gli eventi e spingono Lee a riconsiderare cosa - e chi - è effettivamente importante per lui. Fuggiti da Macon, i sopravvissuti si dirigono verso la costa, che ritengono più sicura; ma si può essere davvero al sicuro da qualche parte, mentre il pericolo ti segue passo dopo passo?

 

Recensione Completa del 21 Settembre 2012
Eccoci arrivati al giro di boa per l’avventura Telltale. Il titolo di questo terzo episodio è “Long Road Ahead” che potrebbe essere inteso come la lunga strada che Lee, Clementine e gli altri devono percorrere per arrivare alla salvezza, sia in senso metaforico, con situazioni sempre più dure in grado di mettere alla prova anche i più forti, sia in senso letterale, visto che saranno costretti ad abbandonare una volta per tutte il Motel e a dirigersi verso la costa.
Le provviste trovate alla fine del secondo capitolo hanno garantito autosufficienza ai sopravvissuti ma la situazione sembra non essere più sostenibile. Lilly e Kenny sono sempre di più ai ferri corti, i banditi sono una minaccia sempre più concreta e, a quanto pare, alcune delle provviste stanno sparendo. Quello che all’inizio era solo un sospetto si rivelerà ben presto una certezza. Un attacco dei banditi costringerà tutti a lasciare il Motel, ormai compromesso, e partire.
Mentre nei capitoli precedenti la struttura aveva sempre previsto un crescendo di eventi in questo caso avviene l’opposto: ad una parte iniziale decisamente concitata che prevede addirittura una sequenza sparatutto (per chi si è già allarmato, state tranquilli, è molto semplice e non richiede nessuna capacità particolare), ne segue una decisamente più tranquilla (per quanto si possa essere tranquilli in un mondo pieno di zombie) e più intima che da più spazio all’esplorazione e all’interazione con i personaggi.
Questo episodio rappresenta un passaggio importante per alcuni personaggi. Le situazioni sono sempre più al limite, senza spazio per il buonismo. In questi casi il nostro comportamento e le nostre scelte, più che modificare effettivamente gli eventi, andranno a modificare il contorno o il come questi eventi avranno luogo, facendoci magari vedere una stessa situazione sotto un’ottica diversa che potrebbe giustificare o meno un comportamento e di conseguenza il modo in cui ci si relazionerà in seguito con un certo personaggio. Tutto questo consente di dare sempre il giusto peso ad ogni nostra azione.
In particolare viene approfondito ulteriormente il rapporto tra Lee e Clementine, spostando sempre di più il focus su questi due personaggi, vero fulcro della serie.
Quello in cui dovranno essere bravi ora i Telltale è il non forzare o abusare di certe situazioni, puntare esclusivamente sull’evento forte ma isolato, che potrebbe portare a farne perdere di efficacia.

Come accennato prima, il gameplay introduce una fase di shooting che si va a sommare ai QTE già visti in precedenza. Nella seconda parte del gioco invece ci sarà una parte esplorativa leggermente più ampia rispetto a quello visto fino ad ora, con alcuni enigmi abbozzati, ben integrati ma ancora molto semplici dato che la soluzione è sempre molto vicina. C’è sicuramente la sensazione che in alcuni casi si sarebbe potuto osare un po di più senza per questo andare a compromettere altri aspetti (rimane un gioco che ha bisogno di mantenere un certo ritmo), si tratta però, come per i precedenti capitoli, non di un vero e proprio difetto ma di una scelta ben precisa e sensata degli sviluppatori.
Da segnalare un bug in cui sono incappato durante la seconda partita. Una particolare situazione generava un loop e rendeva impossibile proseguire. É bastato riavviare dal salvataggio precedente tramite la funzione rewind del menù ed è tutto filato liscio.

Anche tecnicamente nessuna novità di rilievo. Probabilmente come impatto visivo è l’episodio meno riuscito dato che le nuove locazioni non presentano elementi peculiari in grado di catturare il giocatore ma nel complesso il lavoro fatto si conferma buono. L’audio è ancora ottimo con doppiaggio di alto livello anche per i nuovi personaggi e musiche d’accompagnamento sempre azzeccate (in particolare la chitarra suonata da uno dei sopravvissuti in un punto dell’avventura).
“Long Road Ahead” non fa altro che confermare la bontà della produzione Telltale e la capacità di far avvicinare il giocatore alle vicende dei personaggi come pochi altri ci sono riusciti. Non ci resta che sperare che il livello continui a migliorare anche negli ultimi due episodi.

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Telltale Games
Publisher: Telltale Games
Distributore: Telltale Games
Data Rilascio: 31/08/2012
Piattaforma: MAC, PC, PS3, XBOX360
Caratteristiche
Genere: Avventura/Horror
Grafica: 3D
Visuale: Terza Persona
Controllo: Mouse/Tastiera/Joypad
Doppiaggio: Inglese
Sottotitoli: Inglese
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Requisiti minimi
OS: Windows XP/Vista/7
Processore: 2 Ghz
RAM: 3 GB
Scheda Video: 512 MB Shader3 DirectX 9.0 compatibile
Hard Disk: 2 GB
Supporto: Online Download
Ricerche
Sito internet
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario