Adventure's Planet
Lunedì, 25 Settembre 2017 04:28
Benvenuto ospite
Demo
Patch
Salvataggi
Risoluzione Problemi
Extra
end

Recensione

Julia: Innocent Eyes - Parole non dette

di Mattia Seppolini  

il nostro voto
50
il vostro voto (2 votanti)
70
In breve

La sera di Halloween la figlia del Giudice Howard viene uccisa nel garage della sua abitazione. Il corpo viene ritrovato solo alcuni giorni dopo dai genitori della ragazza che non riuscendo a contattarla telefonicamente, decidono di rientrare in anticipo dalla loro vacanza. Le indagini di Julia e del Tenente Webb partono dalla casa degli Howard. Si tratta di un delitto passionale o di una ritorsione verso il padre della ragazza data una recente sentenza di condanna da parte del Giudice Howard?

 

Recensione Completa del 10 Ottobre 2010
Julia: Le Avventure di una Criminologa è una serie a fumetti pubblicata da Sergio Bonelli Editore. Creata da Giancarlo Berardi nel 1998, in questi anni si è rivelata una delle collane di maggior successo della casa editrice milanese. La protagonista è Julia Kendall, di professione criminologa. Julia insegna all’università di Hollyhock a Garden City, nel New Jersey, e spesso collabora con la polizia locale nel risolvere diversi casi. Artematica, dopo Martin Mystère e Diabolik, porta sui nostri schermi anche le avventure della criminologa con Innocent Eyes. Il gioco è diviso in tre episodi che usciranno con cadenza mensile e ognuno di essi tratterà una giornata d’investigazione differente. Il primo capitolo, che analizzeremo in questa recensione, s’intitola Parole Non Dette.

Il prologo è affidato ad un breve fumetto di dieci pagine che troveremo all’interno della confezione. Il gioco comincia in una casa di campagna, dove una lite tra marito e moglie finisce nel peggiore dei modi. A distanza di anni, Dalila Howard, figlia di un noto avvocato, viene uccisa la notte di Halloween da un misterioso uomo vestito da Pierrot. La polizia di Garden City deve investigare e ad affiancare il tenente Alan Webb c’è la nostra protagonista: Julia Kendall. In questo primo episodio inizieremo a conoscere i vari personaggi, i primi segreti della vita di Dalila e i primi sospettati. La trama, per ora, rimane solo abbozzata, ci si affida forse un po’ troppo a cliché ormai abusati ma, nonostante tutto, la storia risulta ben raccontata e riesce a stuzzicare la curiosità del giocatore in attesa dei prossimi episodi.

Tecnicamente il lavoro svolto dallo sviluppatore Italiano è altalenante. Il motore grafico è completamente tridimensionale e adotta una visuale isometrica molto ampia, alternando fasi con telecamera fissa ad altre in cui avremo noi il compito di ruotarla con le frecce direzionali. Operazione non molto comoda, almeno nelle fasi iniziali. Molta cura è stata riposta nel realizzare i volti dei personaggi e la versione digitale di Julia non fa rimpiangere la controparte cartacea. Buone anche le animazioni, abbastanza fluide anche se non molto complesse. Gli ambienti, invece, risultano il punto debole della produzione. Se da lontano l’impatto è comunque buono, quando la telecamera si avvicina si nota una certa carenza di poligoni e texture. La risoluzione purtroppo è fissa a 1024x768 e non è possibile modificare alcuna impostazione grafica, quindi chi giocherà su schermi widescreen troverà delle barre nere laterali. Trattandosi della trasposizione di un fumetto, non potevano mancare alcune tavole disegnate che accompagnano il giocatore durante alcuni intermezzi, interessanti ma forse poco sfruttate e poco amalgamate con lo stile del gioco.

L’audio risulta di buon livello sia per quanto riguarda le musiche, convincenti anche se in alcuni casi un po’ invadenti, con temi concitati che si protraggono troppo a lungo durante situazioni tranquille, sia riguardo al doppiaggio, con voci in generale appropriate e ben recitate.

A livello di gameplay, dato che ci troviamo di fronte ad un’avventura investigativa, fanno da padrone l’esplorazione degli scenari, la ricerca, l’analisi degli indizi e i dialoghi con testimoni e indiziati. Proprio per questo, al classico inventario si affianca un taccuino che contiene informazioni, deduzioni e idee che saranno utilizzate come oggetti veri e propri. In questo primo episodio potremo controllare, passando da un personaggio all’altro in qualsiasi momento, sia Julia sia il tenente Webb, mentre nei prossimi capitoli si aggiungeranno anche il sergente Ben Irving e Leo Baxter. Avremo quindi la possibilità di scambiare informazioni tra i due personaggi tramite un cellulare, funzione purtroppo poco sfruttata, almeno per il momento.

Il gioco si è rivelato abbastanza semplice, non essendoci enigmi veri e propri (solo un paio risolvibili in pochi minuti), si tratta principalmente di osservare bene gli ambienti. Non necessariamente qualcosa di negativo, ma la longevità ne risente molto visto che un attento osservatore non farà fatica a completare l’avventura in circa tre ore.

Purtroppo, la scelta di dividere il gioco non è stata azzeccata. Si nota chiaramente che l’avventura non è nata in forma episodica e, infatti, molti oggetti e molte informazioni si riveleranno per ora del tutto inutili, dando quasi la sensazione di trovarsi davanti ad una demo. In più, c’è l’aggravante del prezzo: i singoli episodi saranno venduti a quasi venti euro ciascuno, per un totale di circa sessanta. Decisamente troppo per un gioco PC.

Giudicare Parole Non Dette è difficile. Le idee buone ci sono, ma in questo assaggio del gioco rimangono soffocate. La sensazione è di essere di fronte a qualcosa di incompleto e l’avventura non sembra affatto pensata per una fruizione episodica. Per darne una valutazione corretta probabilmente bisognerebbe giudicare la trilogia completa, ma dato che ogni episodio è distribuito singolarmente, per ora ci si può limitare a valutare quanto visto su schermo.

 

Info Requisiti
Generale
Sviluppatore: Artematica
Publisher: Warner Bros Entertainment
Distributore: Warner Bros Interactive Entertainment
Data Rilascio: 01/10/2010
Piattaforma: PC
Caratteristiche
Genere: Poliziesco/Thriller
Grafica: 3D
Visuale: Terza Persona
Controllo: Mouse
Doppiaggio: Italiano
Sottotitoli: Italiano
Ricerche
Giochi della stessa saga
Giochi dello stesso genere
Giochi dello stesso sviluppatore
Banner Pubblicitario