Login with a social network:

Alone in the Dark (quelli classici)

Il mondo delle Avventure Grafiche, dalle origini sino ai giorni nostri.

Moderatori: Simo the best, Adrian

Re: Alone in the Dark (quelli classici)

Messaggioda Tsam il giovedì 15 maggio 2014, 10:33

Seguendo una moda che sembra diventata ormai una regola, anche Alone In The Dark, uno dei classici della storica Infogrames, sbarca a suon di fanfara sull'App Store, in una versione ovviamente rivisitata nei controlli, ma fedele nella logica e nella storia all'originale.
Disponibile a breve anche sullo store italiano, questo titolo potrebbe fungere da apripista all'intera serie, nell'attesa di un nuovo capitolo che sappia rispolverare l'epicità dei primi capitoli, ormai da troppo tempo abbandonati a loro stessi.
Tsam
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 2513
Iscritto il: martedì 22 novembre 2005, 13:06

Re: Alone in the Dark (quelli classici)

Messaggioda longjohn il lunedì 9 giugno 2014, 15:09

Ico ha scritto:Allora,ho terminato il gioco proprio in questo momento,grazie ad una guida trovata su Internet.Premetto che,per chi mi conosce un pò meglio qui sul forum,per me le avventure grafiche sono quelle Lucas e Sierra prima maniera,quindi la grafica di AITD non è certo il problema!Il problema consiste proprio nel fatto,e qui torno a ribadirlo visto che mi sono giocato or ora il titolo,nella quasi totale mancanza di indizi su come proseguire/sopravvivere.Gli esempi li ho fatti sopra,e se volete ne porto degli altri:
dove sta scritto che per superare la stanza dei ballerini devo usare quel determinato disco,di cui peraltro è impossibile conoscere il titolo se non lo si usa prima?I dischi che si trovano nella magione sono due,ma posso scoprire qual è "quello buono"solo dopo averlo usato e,eventualmente,essere morto.E poi,perché dovrei essere portato a usare il grammofono proprio in quella stanza?Certo,ci sono i ballerini,ma escluso questo non c'è alcun indizio che mi indirizzi in questo senso (il grammofono avrei potuto usarlo nell'avventura anche più tardi,mica so cosa mi attende nel futuro!).Certo,in un'ottica provo tutto su tutto prima o poi scopro cosa fare in quella locazione...
Come tacere poi su tutta la aprte finale?Perchè dovrei usare subito,di primo acchitto,il talismano sull'altare e lanciare poi la lampada contro l'albero?O l'uncino sulla porta per farla aprire?Sempre ottica "provo tutto con tutto",che è quella che ogni avventura grafica dovrebbe evitare!


Si è vero vari enigmi sono difficili, e non hanno indizi, altri che hai messo però si trova qualcosa sui libri, anche sull'armatura.



E poi,come non citare il fatto che si muore praticamente ad ogni azione sbagliata che si compie?E se uno ha salvato,chessò,un'ora prima?
[/quote]

Diversi gusti, io adoravo quando succedevano queste cose, mi piaceva un sacco star lì a cercar di correre e faceva il doppio passo senza muoversi, e mi beccava il bruco. Oppure anche per sconfiggere alcuni nemici, che si andava a finire a vincere per "bug" cioé riuscivi a incastrarti in qualche modo per menargli. Per salvare si salvava spesso.

Sul fatto che muori facilmente, Raynal l'ha anche detto, è per far capire al giocatore che la faccenda è realmente pericolosa, non come ad esempio quei giochi dove hai la difficoltà che sale pian piano e accompagna il giocatore. E che ha portato i giocatori a diventar sempre più impazienti e maneschi e voler ogni cosa pronta. Su alone in the dark accondiscendenza zero.
Quando in una stanza ti salta il cane addosso, e praticamente al 95% ti continua a menare senza che riesci a far niente, e devi per forza caricare lo trovavo divertente, anziché seccante. Prendi veramente paura, perché sai che i pericoli fanno game over.

Sulla grafica che dire è incredibile, 40 bytes per l'animazione del cane, se questo non è super HD.
longjohn
Novizio
Novizio
 
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 14:46

Re: Alone in the Dark (quelli classici)

Messaggioda Tsam il martedì 24 febbraio 2015, 12:04

Gli amici di Archeologia Videoludica ci regalano una puntata dedicata ad Alone in The Dark e a tutto quello che scaturì da questa piccola perla francese; un viaggio che ci racconterà la genesi dell'oscurità, i suoi seguiti e le varie derivazioni che la serie ha preso negli anni.

Ai microfoni, oltre la crew di AV abbiamo anche il nostro Cristiano Caliendo, qui nella veste di super esperto inglese (inside joke!) e numerose chicche che non potranno che far felici i vari appassionati. E se ve lo state chiedendo, sì, anche Calavera Café è ormai alle porte!
Tsam
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 2513
Iscritto il: martedì 22 novembre 2005, 13:06

Re: Alone in the Dark (quelli classici)

Messaggioda Carson il lunedì 9 marzo 2015, 15:15

Scusate ma dove è il file da ascoltare? :( :( :(

[phpBB Debug] PHP Warning: in file /home/adve4467/domains/www.adventuresplanet.it/scheda_extra.php on line 120: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given
Carson
Novizio
Novizio
 
Messaggi: 1
Iscritto il: lunedì 9 marzo 2015, 15:13

Re: Alone in the Dark (quelli classici)

Messaggioda Tsam il lunedì 9 marzo 2015, 16:12

Dovrebbe essere a posto :) Grazie per la segnalazione!
Tsam
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 2513
Iscritto il: martedì 22 novembre 2005, 13:06

Prossimo

Torna a Adventure Games

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti