Login with a social network:

Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Il mondo delle Avventure Grafiche, dalle origini sino ai giorni nostri.

Moderatori: Simo the best, Adrian, Gnupick

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tsam il lunedì 6 giugno 2016, 10:04

A pochi giorni dall'uscita prevista per Sherlock Holmes: The Devil's Daughter - per i più distratti, fissata per il prossimo 10 giugno - eccovi una galleria di immagini inedite e un nuovo trailer dove potrete far conoscenza con i protagonisti di questo nuovo capitolo, ovvero Sherlock Holmes, Dr. Watson, Katelyn Holmes e Alice De'Bouvier. Il countdown è partito.
Tsam
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 2492
Iscritto il: martedì 22 novembre 2005, 13:06

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tonino il venerdì 10 giugno 2016, 10:23

Mi è arrivato oggi a casa per PS4, visto che l'avevo preordinato. Quindi presumo sia uscito :D

Vediamo com'è..
Tonino
Avatar utente
Adepto
Adepto
 
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 7 gennaio 2007, 12:35

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tonino il venerdì 10 giugno 2016, 12:13

prima ora e mezza di gioco.. Prime impressioni:

Non si discosta molto dal predecessore, e questo puo essere un vantaggio. Di base, resta uguale, sia il menu, sia il modo di interagire/investigare che di giocare (a parte piccoli cambiamenti visivi). Si nota subito una piu grande vastità sull'esplorazione. Avremmo a disposizione sin da subito una piu grande area di investigazione rispetto al vecchio, anche se poi la storia si svolge (almeno cosi mi sembra) sempre in maniera lineare.

Ci sono delle parti un po d'azione/Stealth (all'inizio, poi piu in la non so), che a me non sono piaciuti per un fattore personale. Poi magari qualcuno apprezzerà.

Si puo scegliere tra due difficoltà. Quella normale classica, e una difficile (che ti da però un tempo limite per esaminare i sospetti, cosa che non mi ispira, e quindi l'ho cambiata).

La grafica secondo me, è forzatamente migliorata. Nel senso che, si vede che l'hanno voluta migliorare, però allo stesso tempo non è precisa, e i dettagli non sono ben fatti, e le variazioni di luci non sono molto realistici. Non risulta quindi cosi bella e pulita da vedere

Dirò quando l'avrò finito :D

Edit:

La grafica invece è piacevole. L'avevo giocato stamattina con le luci del giorno che alteravano molto i dettagli, Giocandolo stasera ho notato che la grafica non è cosi male. Bella. Bel gioco fin'ora ! solito Sherlock Holmes. Per ora ho finito il primo caso e iniziato il secondo. Carino
Tonino
Avatar utente
Adepto
Adepto
 
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 7 gennaio 2007, 12:35

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tsam il lunedì 13 giugno 2016, 16:01

Puntuale come solo i migliori investigatori sanno essere, eccovi il trailer di lancio di Sherlock Holmes - The Devil's Daughter, l'ultima fatica dell'investigatore targato Frogwares; confermati, purtroppo, solo i sottotitoli in italiano, senza quel doppiaggio nell'italico linguaggio che molti auspicavano. È tempo di indagini a Londra...
Tsam
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 2492
Iscritto il: martedì 22 novembre 2005, 13:06

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tonino il giovedì 16 giugno 2016, 23:06

Finito !! (In modalità normale). Mi sembra di averlo finito in poco tempo, però sono stato diversi pomeriggi a giocarci. Non supera comunque le 10 ore di gioco.

I diversi casi sono carini, ma non ti prendono piu di tanto. Tempo un paio di giorni e me li sarò dimenticati tutti. Per fare un esempio, secondo me siamo ai livelli dei vari casi dei giochi CSI (Per chi ne ha giocato almeno uno).
Il gioco di base, seppur molto interessante e per qualche ragione coinvolgente per un appassionato, è molto lineare, non si puo sbagliare o rimanere bloccati. Praticamente esamini in giro e esegui le azioni che ti dice lui di fare.

A mettere varietà e difficoltà, ci sono tantissimi puzzle presenti, di ogni tipo immaginabile.. Molto variati e divertenti tra loro, in alcuni bisogna ragionare non poco, e questo è un bene. In ogni caso si possono skippare.
Oltre a questo, ci sono diverse parti stealth, quick time events, ecc.. anche queste skippabili, e molto differenti tra loro. Ogni volta non sai cosa aspettarti. Però rispetto ai puzzle sono un pochino piu forzate con il genere di gioco, che ogni tanto non sembra per niente un Avventura.. Infatti alcune le ho odiate.. Però la varietà in queste cose non manca.

Con un finale purtroppo praticamente inesistente. Seppur la trama ci sia, il gioco finisce dopo 10 secondi che si fanno le ultime azioni di gioco, lasciandoti a bocca asciutta, ed è cosi con tutti i casi..

Quindi, bello, davvero carino. Un appassionato del genere, o un amante dei vecchi capitoli, si divertirà sicuramente. ma capirà facilmente, che lo dimenticherà abbastanza velocemente. (scusate la rima :lol: )

Voto 65 su 100

Per i maniaci dei trofei, io sono riuscito a platinarlo 100% su Ps4, solo finendo il gioco normalmente e vincendo una gara di bocce. Quindi è molto facile da completare anche quello
Ultima modifica di Tonino il giovedì 16 giugno 2016, 23:36, modificato 3 volte in totale.
Tonino
Avatar utente
Adepto
Adepto
 
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 7 gennaio 2007, 12:35

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda MCCOY il giovedì 16 giugno 2016, 23:11

Tonino ha scritto:Finito !! (In modalità normale). Mi sembra di averlo finito in poco tempo, però sono stato diversi pomeriggi a giocarci. Non supera comunque le 10 ore di gioco.

I diversi casi sono carini, ma non ti prendono piu di tanto. Tempo un paio di giorni e me li sarò dimenticati tutti. Per fare un esempio, secondo me siamo ai livelli dei vari casi dei giochi CSI (Per chi ne ha giocato almeno uno).
Il gioco di base, seppur molto interessante e per qualche ragione coinvolgente per un appassionato, è molto lineare, non si puo sbagliare o rimanere bloccati. Praticamente esamini in giro e esegui le azioni che ti dice lui di fare.

A mettere varietà e difficoltà, ci sono tantissimi puzzle presenti, di ogni tipo immaginabile.. Molto variati tra loro e molto divertenti (Tutti possibilmente skippabili. Io non ne ho skippato nessuno meno male).. Oltre a questo, ci sono diverse parti stealth, quick time events, ecc.. anche queste skippabili, e molto differenti tra loro. Ogni volta non sai cosa aspettarti. Però rispetto ai puzzle sono un pochino piu forzate con il genere di gioco, che ogni tanto non sembra per niente un Avventura.. Infatti alcune le ho odiate.. Però la varietà in queste cose non manca.

Con un finale purtroppo praticamente inesistente. Seppur la trama ci sia, il gioco finisce dopo 10 secondi che si fanno le ultime azioni di gioco, lasciandoti a bocca asciutta, ed è cosi con tutti i casi..

Quindi, bello, davvero carino. Un appassionato del genere, o un amante dei vecchi capitoli, si divertirà sicuramente. ma capirà facilmente, che lo dimenticherà abbastanza velocemente. (scusate la rima :lol: )

Voto 68 su 100

Per i maniaci dei trofei, io sono riuscito a platinarlo 100% su Ps4, solo finendo il gioco normalmente e vincendo una gara di bocce. Quindi è molto facile da completare anche quello


Diciamo, rispetto al "Testamento di SH" tu lo valuteresti peggiore o migliore ? (grafica esclusa) ;)
"Emile Chaillon? C'est l'heure"
Immagine
MCCOY
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 630
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 23:38

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tonino il giovedì 16 giugno 2016, 23:26

MCCOY ha scritto:
Diciamo, rispetto al "Testamento di SH" tu lo valuteresti peggiore o migliore ? (grafica esclusa) ;)


Mmm, "Testamento di SH" non l'ho potuto completare a causa di un problema al pc. Quindi rispondo parzialmente. A quello che ho potuto giocare, Questo "Devil's Daughter" l'ho reputato inferiore a "The Testament". Tante storie, tanta varietà, e allo stesso tempo niente che spicca, se non qualche puzzle interessante e un po di coinvolgimento.

Invece possiamo definirlo quasi identico a "Crimes and Punishments". Qualche aggiunta nel nuovo, ma la base del gioco è quella. Che reputo comunque quello nuovo, inferiore, o pari passo al vecchio. Ma assolutamente non migliore
Tonino
Avatar utente
Adepto
Adepto
 
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 7 gennaio 2007, 12:35

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda MCCOY il giovedì 16 giugno 2016, 23:57

Peccato. Speravo che con la ripresa del filone narrativo la serie sarebbe tornata a crescere anche sui contenuti e non solo nell'aspetto tecnico e basta. Pazienza...
"Emile Chaillon? C'est l'heure"
Immagine
MCCOY
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 630
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 23:38

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tonino il venerdì 17 giugno 2016, 11:55

MCCOY ha scritto:Peccato. Speravo che con la ripresa del filone narrativo la serie sarebbe tornata a crescere anche sui contenuti e non solo nell'aspetto tecnico e basta. Pazienza...


I contenuti in piu ci sono. Ma non lo trasformano in un gioco migliore purtroppo, per altri aspetti.

Però sono solo mie opnioni, non è da buttar via eh, è comunque un bel gioco. Se in futuro uscirà un altro Sherlock Holmes sono sicuro di comprarlo. Magari a te questo fa impazzire e lo vedi diversamente.. Se hai giocato ai vecchi e ti sono piaciuti, gioca anche a questo, e se lo farai fammi sapere cosa ne pensi.

Sono curioso di sentire altre opinioni a riguardo
Tonino
Avatar utente
Adepto
Adepto
 
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 7 gennaio 2007, 12:35

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Tsam il mercoledì 6 luglio 2016, 11:14

Avrà saputo il buon Sherlock Holmes essere all'altezza della sua fama? Scopritelo nella nostra video recensione di Sherlock Holmes: The Devil's Daughter, ultimo capitolo della saga targata Frogwares. Buona visione!
Tsam
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 2492
Iscritto il: martedì 22 novembre 2005, 13:06

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda manny il mercoledì 6 luglio 2016, 22:46

mi sembra di capire un passo indietro rispetto a crimes and punishment, che già difettava parecchio. davvero un peccato. la miglior qualità del testamento era proprio la sceneggiatura, complessa e di stampo cinematografico. non a caso il testamento è uscito tre anni dopo jack the ripper: per scrivere buone sceneggiature ci vuole tempo, specie poi i gialli, anche se il bacino di racconti holmesiani è abbastanza esteso. i giochi di sherlock holmes fino al testamento hanno avuto una trama compatta, costruita attorno a un caso o a un villain unico e hanno sempre funzionato, forse è questa storia dei casi singoli indipendenti uno dei problemi. un altro problema è senza dubbio il mondo aperto applicato a sherlock holmes: è fattibile? forse si, ma per funzionare sarebbe necessario un enorme sforzo di scrittura: holmes deve muoversi in una città viva fatta di personaggi, non di comparse, in cui svolgere missioni principali e secondarie, ma è l'investigazione il perno del gioco, per cui i casi devono essere ben costruiti e avere una certa difficoltà.
This is where it ends. - Victor Neff, The Dream Machine Chapter 5
manny
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 2208
Iscritto il: giovedì 16 febbraio 2006, 18:20
Località: El Midollo

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda MCCOY il giovedì 7 luglio 2016, 0:00

Quindi, come temevo: Il Testamento resta ancora la punta d'eccellenza e per quanto mi riguarda l'ultimo VERO capitolo canonico.
-comunque permettetemi un piccolo semi off-topic: tempo fa in una puntata del Calavera Cafè qualcuno ha sostenuto che il Testamento ha copiato dalla 2° stagione della serie Sherlock con Cumberbatch per la sua sceneggiatura (sicuramente con riferimento all'attacco simultaneo di Moriarty ai punti strategici di Londra). Per curiosità ho controllato le date, e ho notato che il primo trailer del Testamento è stato rialsciato a giungno 2011 (all'E3 2011 per la precisione) e quindi parecchi mesi prima dell'uscita della stagione 2 di Sherlock. Quindi la teoria salta e forse (ma molto improbabile) si potrebbe ribaltare.-
fine del semi off-topic.
"Emile Chaillon? C'est l'heure"
Immagine
MCCOY
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 630
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 23:38

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Gnupick il giovedì 7 luglio 2016, 2:40

MCCOY ha scritto:-comunque permettetemi un piccolo semi off-topic: tempo fa in una puntata del Calavera Cafè qualcuno ha sostenuto che il Testamento ha copiato dalla 2° stagione della serie Sherlock con Cumberbatch per la sua sceneggiatura (sicuramente con riferimento all'attacco simultaneo di Moriarty ai punti strategici di Londra). Per curiosità ho controllato le date, e ho notato che il primo trailer del Testamento è stato rialsciato a giungno 2011 (all'E3 2011 per la precisione) e quindi parecchi mesi prima dell'uscita della stagione 2 di Sherlock. Quindi la teoria salta e forse (ma molto improbabile) si potrebbe ribaltare.-
fine del semi off-topic.


Eccomi qua! :D

Allora, in trasmissione non ho detto che la trama di Testament fosse copiata, ma che le due vicende si somigliavano e, su un intreccio simile, la scrittura dei Frogwares usciva con le ossa rotte al confronto.

Poi che da Crimes in poi si siano ispirati alla serie tv (e anche agli ultimi film con Robert Downey Jr e Jude Law) credo sia palese, ma, appunto, è accaduto dopo.
Gnupick
Avatar utente
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 1186
Iscritto il: sabato 14 ottobre 2006, 16:04

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda TheAnPan il giovedì 7 luglio 2016, 9:37

Per me la migliore rimane invece Jack lo Squartatore, per um motivo secondo me fondamentale: Ti permette di capire.
Il testamento ti lascia per troppo tempo all'oscuro, in attesa dello spiegone di Holmes prima della parte finale. Parte finale che poi non mi ha mai convinto, con un cattivo come Moriarty sprecato e sminuito
Per me poi la figlia segreta di Moriarty adottata da Holmes è una bestemmia bella e buona XD
Jack invece ha una trama più lenta e meno "cinematografica", è vero, ma tra tabelle temporali, ricostruzioni dei crimini, ecc... Ti permette di muoverti insieme ad Holmes ed arrivare alla soluzione senza bisogno dello spiegone.

E' pur vero che il tenere all'oscuro il lettore è una delle caratteristiche del giallo alla Conan Doyle, ma nei videogiochi non mi convince, preferisco avere la possibilità di arrivare io stesso alla soluzione.
TheAnPan
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 631
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2011, 16:11

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda MCCOY il giovedì 7 luglio 2016, 10:56

TheAnPan ha scritto:Per me la migliore rimane invece Jack lo Squartatore, per um motivo secondo me fondamentale: Ti permette di capire.
Il testamento ti lascia per troppo tempo all'oscuro, in attesa dello spiegone di Holmes prima della parte finale. Parte finale che poi non mi ha mai convinto, con un cattivo come Moriarty sprecato e sminuito
Per me poi la figlia segreta di Moriarty adottata da Holmes è una bestemmia bella e buona XD
Jack invece ha una trama più lenta e meno "cinematografica", è vero, ma tra tabelle temporali, ricostruzioni dei crimini, ecc... Ti permette di muoverti insieme ad Holmes ed arrivare alla soluzione senza bisogno dello spiegone.

E' pur vero che il tenere all'oscuro il lettore è una delle caratteristiche del giallo alla Conan Doyle, ma nei videogiochi non mi convince, preferisco avere la possibilità di arrivare io stesso alla soluzione.


Io adoro SH Vs Jack e resta senza dubbio il migliore della" trilogia degli avversari presi a prestito" (Il risveglio, Il Re dei Ladri e appunto Jack). Però il Testamento è il primo in cui il personaggio di Holmes esce per la prima volta dal suo grigiore e quello di Watson da una sorta di macchiettismo e in cui c'è un forte senso d'attesa che attraversa tutto il gioco e che non cala mai, con picchi di forte adrenalina, sfruttando espedienti quasi perfetti (come il sogno di Watson poi tramutatosi in realtà). Nella sezione finale, ammetto che Moriarty è un po' un cattivo usa e getta ma Conan Doyle ha fatto di peggio: credo che in tutta la sua vasta produzione venga citato al massimo tre volte. Invece non trovo così terribile il finale che anzi, insieme al prologo, racchiude l'intera storia in un'unica cornice. Per un capitolo chiamato "Il Testamento",era quasi obbligatorio mostrare la conclusione della vita di Holmes e regalare un immagine di un vecchio solo e malato in una casa di riposo, non credo fosse l'opzione migliore; allora ecco che ci giunge in aiuto l'ultimo atto di un avversario che rispetta Holmes e a cui Holmes porta (segretamente) rispetto. il finale (come tutto) può piacere o non piacere ma di certo non è inverosimile o incoerente. Credo anzi che la tentazione di fermarsi qui i Frogware l'abbiano avuta sul serio, poi spenta dai successi al botteghino o dalla mancanza di brand alternativi per nuovi giochi, perchè nel finale ci hanno messo molto impegno (ricordiamo che il prologo e molte scene di intermezzo sono strettamente legate alla conclusione e per chi è attento un po' la anticipa) ed è per questo che lo reputo il vero finale della saga mentre "Delitto e Castigo" e "La figlia del Diavolo" sono un po' una saga a parte che già nelle fattezze di Holmes e Watson sembra voler mettere una distanza ragguardevole. Sh Vs Jack piace perchè ha il fascino dell'indagine reale, non si tratta cioè del classico caso inventato, ed è verosimile in quanto il personaggio di Holmes e l'attività dello squartatore sono cronologicamente compatibili. Già qualcuno in passato aveva notato questa strana coincidenza e si era chiesto perchè Conan Doyle in persona non l'avesse sfruttata. Qualche scrittore come Dibdin o Ellery Queen ci hanno provato ma con scarso successo a farne una storia. Invece stranamente c'è riuscito meglio il videogioco dei Frogwares, forse perchè resta saldamente legato agli indizi dei casi ed evita voli pindarici e forzature (come i legami massonici o con la casa reale) ed inoltre costituiscono una grande materia prima per gli enigmi e i minigiochi evitando di crearne appositamente di sana pianta, col rischio di stonare con tutto il resto (cosa che nelle ultime Ag accade spesso e cha anche in questo gioco non sempre è evitato). Però il rovescio della medaglia e che la storia di Holmes resta ingabbiata nella cronologia dei fatti di Whitechapel e quindi non riesce a liberare tutto il suo potenziale drammatico o emotivo; o meglio potrebbe, mai i frogwares non raccolgono la sfida: si limitano a tappare i buchi, che avrebbero potuto sfruttare per dare un taglio più personale alla storia, con espedienti noiosi e allunga-brodo (come la ricerca di qua e di la del "capitano" o del bastone dell'artista). Ecco perchè secondo me il Testamento possiede una profondità che in SH Vs Jack è mancante e che lo rende superiore.
"Emile Chaillon? C'est l'heure"
Immagine
MCCOY
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 630
Iscritto il: lunedì 2 agosto 2010, 23:38

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Overmann il lunedì 13 febbraio 2017, 14:34

Lo sto giocando, sicuramente è diverso da come mi aspettassi.

Immaginavo un gioco moderno, a tratti rischioso e distaccato dai precedenti capitoli come struttura.

Invece è una versione di Crimes & Punishment che puzza di vecchio.

A me C&P era piaciuto, si reggeva su un'investigazione che funzionava ed era un ottimo punto di partenza per far evolvere la saga. Qui è carina l'idea di dare una storia di sfondo ai vari episodi indipendenti, ma in buona sostanza "svuota" troppo C&P e l'unica cosa che rimane è la qualità del narrato dei singoli casi.

Per il momento non ho trovato una sceneggiatura ottima, ma il livello è comunque soddisfacente: le indagini mi intrattengono e la fase deduttiva è sempre interessante. Anche la parte morale non è malaccio.

Il problema è tutto il resto: il famigerato "open world" non so dove sia, ci sono aree piuttosto ristrette intervallate da caricamenti LUNGHISSIMI, e il livello di sfida è - almeno per la prima metà di gioco - ZERO.
In C&P dovevi comunque investigare, ricostruire, raccogliere prove, insomma era un'ag investigativa.
Questo è un tentativo di portare le avventure su un nuovo livello, ma come quelli di 15 anni fa :lol:

In pratica tutto il gameplay sono minigiochi d'azione bruttissimi, intervallati da puzzle che si ripetono (le serrature) o che sono forzati, ricordando - e non è un bene - l'ultimo Poirot di ABC Murders.

Praticamente un film interattivo con un'interazione brutta e ben poco avventurosa, che per ora sta in piedi perchè è scritto in modo abbastanza coinvolgente, però un passo indietro da C&P che si salva solo perchè ricalca alcuni fondamentali che erano venuti bene in C&P.
Immagine
Overmann
Avatar utente
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1997
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 14:12
Località: Lower Depths

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda Overmann il lunedì 20 febbraio 2017, 14:41

Ho finito il gioco, devo dire che è incredibilmente simile a un mix fra Testament e Crimes&Punishments... Credo possa piacere solo a chi ha apprezzato ENTRAMBI i capitoli precedenti, pur con le loro differenze.

In particolare la storia che fa da sfondo ai singoli casi, e che viene poi esplorata nell'epilogo, mi ha ricordato abbastanza Testament. E nel mio caso non è un complimento :mrgreen:

Tutto il resto è una versione depotenziata di C&P, molto facile, pieno di minigiochi antipatici e qualche scena grottesca evitabile. I casi sono meno interessanti e peggio scritti rispetto a C&P.

Nel complesso deludente, non c'è stato nessun passo in avanti.
Immagine
Overmann
Avatar utente
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1997
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 14:12
Località: Lower Depths

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda TheAnPan il lunedì 20 febbraio 2017, 14:57

Overmann ha scritto:Ho finito il gioco, devo dire che è incredibilmente simile a un mix fra Testament e Crimes&Punishments... Credo possa piacere solo a chi ha apprezzato ENTRAMBI i capitoli precedenti, pur con le loro differenze.

In particolare la storia che fa da sfondo ai singoli casi, e che viene poi esplorata nell'epilogo, mi ha ricordato abbastanza Testament. E nel mio caso non è un complimento :mrgreen:

Tutto il resto è una versione depotenziata di C&P, molto facile, pieno di minigiochi antipatici e qualche scena grottesca evitabile. I casi sono meno interessanti e peggio scritti rispetto a C&P.

Nel complesso deludente, non c'è stato nessun passo in avanti.


Magari fosse solo questo. Purtroppo ne hanno fatto uno indietro
TheAnPan
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 631
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2011, 16:11

Re: Sherlock Holmes: The Devil's Daughter

Messaggioda manny il domenica 2 luglio 2017, 2:30

The Devil’s Daughter costituisce nel bene o nel male (a seconda dei punti di vista) uno spartiacque nella storia della serie videoludica dedicata a Sherlock Holmes e della Frogwares stessa. La casa ucraina sceglie infatti di distaccarsi dal consolidato modello punta e clicca e getta le prime fondamenta di una nuova struttura di avventura investigativa action e open world.
Devil’s Daughter rappresenta una tappa intermedia verso la realizzazione di questo ambizioso progetto, che potrebbe vedere piena luce già in The Sinking City. L’impressione è quella di trovarsi di fronte a uno stadio ancora embrionale e sperimentale, sovraccarico di idee e pieno di contraddizioni.
Il nuovo orientamento scelto dagli sviluppatori è evidente fin dall'inizio. Holmes si reca nella zona di Whitechapel per trovare l’appartamento indicato in un foglio. Il quartiere è così vasto che ci si può camminare per almeno una ventina di minuti, visitando numerose vie e viuzze. Peccato che non si possa fare assolutamente nulla oltre che passeggiare e bussare a qualche porta e che l’interazione con gli abitanti, programmati per svolgere da fermi una sola azione, sia pari a zero, addirittura inferiore rispetto a quella in SH vs Jack lo Squartatore ad esempio. Dopo un po’ il fidato Wiggins deve seguire in modalità stealth un uomo lungo le vie, muovendosi anche sui tetti delle case e rischiando di morire in vari modi. Durante l’inseguimento ad esempio Wiggins sale lungo un camino e non bastasse già la barra di rischio soffocamento, deve anche usare una spazzola per liberarlo dalle incrostazioni. Dopo il ritorno ad alcune sezioni investigative, il gioco si conclude con una lunghissima fuga di Holmes nel bosco da un uomo armato di fucile. Prima bisogna fuggire attraverso un lungo percorso schivando le traiettorie dei proiettili e nascondendosi dietro dei ripari per recuperare le energie, poi uscendo indenni da una zona paludosa. Se si perde tempo si viene raggiunti dall’inseguitore. Ovviamente sono morto una marea di volte.
Nel gioco sono veramente tante le sequenze stealth, d’azione, quick time basate su successioni di tasti o sull’uso contemporaneo delle due levette di movimento (l’ho giocato su PS4). Il povero Holmes muore nei modi più disparati. Pensatene uno e lo troverete nel gioco.
A dispetto della mia repulsione patologica verso la barra energetica, non sono affatto contrario all’introduzione di tali sequenze, a forme di gameplay più ibride, sebbene abbia amato quasi tutti i punta e clicca tradizionali di holmes precedenti. Il gioco si ispira chiaramente nell’impostazione ai film su Holmes di Guy Ritchie, basti citare l’uso del rallenty in alcune scene d’azione (fra i migliori momenti del gioco per altro), film che ho apprezzato moltissimo. I problemi risiedono nel fatto che
1) nelle fasi action i movimenti di Holmes in terza persona non sono per nulla fluidi e la telecamera non segue in modo adeguato lo svolgersi dell'azione, specie durante la corsa, ed è sempre il giocatore a dover spostare l’angolazione della visuale manualmente;
2) non c’è equilibrio nel dosaggio delle sequenze investigative e di quelle d’azione, che sono generalmente troppo lunghe e spesso forzate, basti pensare all’ultimo paradossale e infinito atto del secondo caso, in cui dobbiamo superare le tante trappole di un tempio Maya (Nathan Drake scansati!), senza in taluni casi poter ricorrere ad alcuna abilità deduttiva;
3) in molte sequenze d’azione gli sviluppatori tengono il freno a mano tirato per paura di scontentare o traumatizzare troppo i giocatori di lungo corso della serie. E’ risaputo dai racconti di Doyle che Holmes praticasse boxe e arti marziali. E allora perché non menare le mani all'occorrenza? Possibile che Holmes non sia in grado di immobilizzare un nemico quando si trova alle sue spalle?
Come si è capito il gioco punta sulla varietà dell’esperienza togliendo spazio alla parte investigativa, la cui struttura vincente di CaP è rimasta giustamente invariata, per aggiungere una serie di attività extra, dal gioco delle bocce (per favore Frogwares un DLC sul fighissimo gioco delle bocce!), alle sparatorie alle risse agli inseguimenti agli enigmi ambientali, di ottimo livello per altro.
Se Frogwares riesce a trovare il giusto dosaggio dei diversi ingredienti, ridando priorità all’investigazione e agli enigmi, questo nuovo modello può risultare vincente. Ve lo immaginate uno Sherlock Holmes openworld, anche ambientato in una città diversa da Londra, in cui si possono fare le missioni investigative della trama principale e altre secondarie, e in aggiunta una serie di attività extra d’azione e stealth in cui però Holmes possa all’occorrenza anche menar le mani?
Scusandomi per la lunghezza del post, concludo con una scelta della Frogwares che mi ha fatto imbestialire. CaP si concludeva con l’annuncio di un nuovo personaggio femminile in arrivo nell’appartamento, personaggio che viene introdotto all’inizio di DD. DD è quindi cronologicamente di poco seguente a CaP, ma Sherlock Holmes e Watson risultano ringiovaniti di almeno quindici anni mentre la figlia di Moriarty è addirittura cresciuta. Se volevano ringiovanire i due investigatori, bastava creare una sorta di prequel con le loro avventure da giovani, piuttosto che creare un paradosso temporale infischiandosene della continuity narrativa.
This is where it ends. - Victor Neff, The Dream Machine Chapter 5
manny
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 2208
Iscritto il: giovedì 16 febbraio 2006, 18:20
Località: El Midollo

PrecedenteProssimo

Torna a Adventure Games

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite