Login with a social network:

Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Il mondo delle Avventure Grafiche, dalle origini sino ai giorni nostri.

Moderatori: Simo the best, Adrian, Gnupick

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda tonywar93 il mercoledì 23 aprile 2014, 23:52

Gnupick ha scritto:Edit - per Tony: credo che più che George siano stati gli autori a VOLERLA dimenticarla :P .

A questo punto togliere pure il riferimento a Roma. Anch'io ero d'accordo per un seguito a BS 4, ma così proprio no.
Punti di vista...
tonywar93
Avatar utente
Adepto
Adepto
 
Messaggi: 88
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2014, 17:10

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Gnupick il giovedì 24 aprile 2014, 2:34

Ne parleremo certamente in maniera approfondita su Calavera Cafè. Intanto però, avendo appena finito la seconda parte, vado con pensieri sparsi :) :

- In generale confermo le opinioni che avevo espresso precedentemente. BS5 è creativamente poco interessante e gioca continuamente sul sicuro, con una mole di fanservice veramente fuori parametro. Ciononostante, fra effetto nostalgia e uno stile rodato ed efficace, si può dire che l'avventura sia complessivamente riuscita e con onestà riesca a dare tutto ciò che era stato promesso.

- Trama cosìcosì ma dialoghi scritti generalmente bene, con alcuni picchi positivi in cui riescono a strappare un sorriso. L'unico vero colpo di scena era nel finale del primo episodio, qui si procede in maniera abbastanza prevedibile fino all'ovvio finale.

- Non c'è il fanservice sfrenato della prima parte e Parigi è totalmente assente, però il gioco 'odora' piacevolmente di Broken Sword, più della prima parte direi. La seconda è piena di enigmi tostarelli, un paio forse 'troppo' complicati (quello della traduzione ha lasciato interdetto anche me, anche perchè credo che non sia stato adattato in maniera precisissima), ma in fondo va bene così... perlomeno esiste una curva di difficoltà.

- Musicalmente mi è sembrato molto 'pigro'. Temi nuovi praticamente non ce ne sono, il motivetto principale della serie è invece suonato spessissimo ma mai quando servirebbe davvero. L'accompagnamento è comunque efficace, ma Barrington aveva dato di più in precedenza.

- Mistero sulla qualità dell'adattamento italiano. Avendolo giocato doppiato non ho potuto confrontare i testi. Però sicuramente non ci sono le cantonate della prima parte (per fortuna fixata quanto possibile). Ho intuito qualche imperfezione, ma niente di grave.

- A sorpresa, bel doppiaggio in italiano. George veramente ottimo, ma mi è piaciuta anche la nuova Nico. Se escludiamo Pearl non ci sono grossi problemi, anche se ho notato diverse battute recitate nel modo sbagliato a causa di una comprensione errata del testo. Non si tratta di molti casi, e in generale parliamo di roba trascurabile, però siamo ancora lontanucci da una qualità di tipo cinematografico/televisivo. Comunque non è il caso di lamentarsi: ci è andata veramente di LUSSO.

- Nonostante l'assenza di animazioni ambientali (ma perchè, poi?), graficamente il gioco è davvero ben fatto. Un po' di scarsa cura qua e là: qualche glitch, musiche che si interrompono bruscamente, un paio di bug, botta e risposta troppo lenti. Ma il pacchetto generale è più che accettabile.

- Purtroppo è presente anche in questa seconda parte qualche delirio eccessivamente sopra le righe. Per esempio, tutta la parte relativa a Pearl e Duane, nonostante a mio avviso siano stati ricontestualizzati meglio di Lady Pirmont, per esempio, è puro Secret Files: il tedio (e il WTF) imperversa. Anche la redenzione di Rastrello è stupida: non solo per l'intento (e così George e Nico se la fanno con un assassino? Contenti loro...) ma per il modo in cui l'abbiano usata come pretesto per eliminare uno dei due cattivi: in pratica viene fatto fuori off screen in seguito a una gag dialogata - poco divertente, peraltro - di 10 minuti. Boh?!

- Il sogno in cui George 'vede la gente morta'... ?!?!

- Cecil, guarda che non ti devi vergognare del terzo e quarto capitolo eh! :P

- Se sento ancora 'Jasmine' potrei uccidere qualcuno :D .


Che dire... diciamo che rispetto alla prima parte mi sento di alzare la mia personale valutazione di qualche punticino. Un plauso per un progetto portato avanti con grande onestà e professionalità, cosa sicuramente rara per i giochi nati su Kickstarter. Io avrei decisamente preferito qualcosa di molto più coraggioso, ma si tratta di un parere soggettivo.
Gnupick
Avatar utente
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 1188
Iscritto il: sabato 14 ottobre 2006, 16:04

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Diduz il giovedì 24 aprile 2014, 9:08

Gnupick ha scritto:- Se sento ancora 'Jasmine' potrei uccidere qualcuno :D .

No! Sto ancora rigiocando la prima parte e mi stavo appunto chiedendo "Ma questa canzone non la usano un po' troppo?" Quindi c'è anche nel II atto? Oh mamma... :shock: :lol:

Gnupick ha scritto:Un plauso per un progetto portato avanti con grande onestà e professionalità, cosa sicuramente rara per i giochi nati su Kickstarter.

Orco can, che visione cupa... 8)
Diduz
Avatar utente
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1756
Iscritto il: lunedì 19 settembre 2005, 1:28

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Zelldi il giovedì 24 aprile 2014, 9:31

D'accordo con Gnupick su tutto.
Sono un po' più critico sulla localizzazione, perché davvero sono troppi i casi in cui è palese che l'attore sta recitando la propria battuta senza avere la minima idea del contesto nella quale è inserita. Penso ad esempio a Marqués morente che pronuncia le sue ultime parole come se stesse benissimo. Concordo poi sul fatto che nei dialoghi i botta e risposta sono troppo lenti. Il tutto condito da qualche imperfezione nella traduzione (Ad esempio, quando esamini la ruota alla quale è attaccata la capra dopo averla spostata, George dice: "Spostai la ruota". Semmai "Avevo spostato la ruota", visto che l'azione George l'ha già eseguita). Ma ok, poteva andarci di peggio...

Veniamo ora alla storia. Non mi è piaciuta. La cosa che mi ha dato più fastidio è stato il far passare gli gnostici per quelli con la Verità in mano, e ancor peggio il Catarismo come "buono", quando nella realtà era un'eresia veramente pericolosa.
Il pericolo cataro allarmò seriamente le autorità politiche ben prima di quelle ecclesiastiche. Ma per capire questo allarme dobbiamo prima soffermarci sulla dottrina dei catari. Catari, albigesi, pauliciani, bogomili, tessitori o altro appartenevano sempre al filone neo-manicheo e si contraddistinguevano per un'avversione quasi senza limiti verso tutto ciò che era materia e corpo. La procreazione era per i catari il peccato più grave perchè perpetuava la maledetta creazione. Ma la cosa più sconvolgente era che chiunque poteva abbandonarsi a qualsiasi perversione, purchè non feconda. I catari avevano un solo sacramento, il consolamentum, che poteva essere somministrato solo una volta nella vita. Se si fosse peccato dopo averlo ricevuto, la perdizione eterna era sicura. Per questo motivo in molti praticavano l'endura, cioè il suicidio assistito dopo il consolamentum: i malati venivano soffocati col fazzoletto che ogni cataro portava con se, i bambini venivano lasciati senza cibo dalle madri. I catari si dividevano in perfetti e credenti. I primi praticavano l'atarassia totale, non mangiavano carne, uova, latte e tutto ciò che fosse frutto di procreazione. Gli altri potevano anche abbandonarsi a tutte le nefandezze, poichè tutto ciò che esisteva meritava di sparire. La dottrina catara era molto più sofisticata di questa esemplificazione, ma la sostanza nelle varie correnti era la stessa: l'odio per il creato. Le conseguenze sociali della dottrina catara furono quelle che preoccuparono i potenti del tempo e che causarono le violente persecuzioni: i catari non credevano che le cattive azioni sarebbero state punite nell'altra vita, rigettavano il matrimonio, la famiglia e le opere buone come dannosi perchè perpetuavano il mondo anizichè annichilirlo. Monarchi e Signori del tempo decisero di reprimere questa eresia anche perché pressati dal popolo che molto spesso era vittima di violenze e devastazioni dei catari. A volte la popolazione si fece giustizia da sola abbandonandosi a linciaggi indiscriminati. Nel 1040, per esempio, i milanesi vennero alle armi con i catari di Monforte d'Alba. L'arcivescovo voleva comminare loro pene spirituali, ma i milanesi preferirono metterli al rogo. Nle 1114 a Soissons il popolo, temendo che il Vescovo Lisiardo li avrebbe rispariati, strappò dalla prigione gli eretici e li arse sul rogo. La stessa cosa accaddè a Liegi nel 1134 dove il popolo, temendo la "pietà clericale" del Vescovo, assaltò la prigione e mise al rogo gli eretici.
Salta subito agli occhi come la Chiesa fu trascinata nella lotta giuridica all'eresia dal potere politico, e questo dalla piazza. Curioso è anche che i più feroci e zelanti contro i catari furono i principi meno zelanti in materia di pratica religiosa.


Per concludere, credo che con oltre 770mila dollari gli sviluppatori potessero fare di più in tutti i sensi. Charles Cecil e soci con i nostri soldi si sono fatti viaggi in Medio Oriente e Spagna con la scusa di ottenere l'ispirazione per la realizzazione del gioco, ma tutto quello che abbiamo ottenuto noi sono state due location in croce per la Spagna (la villa di Marqués e Montserrat) e UNA sola location (composta da due fondali) per la Siria. Scherziamo?? XD
Zelldi
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 725
Iscritto il: domenica 24 settembre 2006, 12:15
Località: Brescia

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Diduz il giovedì 24 aprile 2014, 9:41

Zelldi ha scritto:D'accordo con Gnupick su tutto.
Sono un po' più critico sulla localizzazione, perché davvero sono troppi i casi in cui è palese che l'attore sta recitando la propria battuta senza avere la minima idea del contesto nella quale è inserita.

Io sono ancora alla prima parte, ma non mi sembra così frequente. Ripeto, nel primo Deponia ho avuto spesso la sensazione che il protagonista parlasse in modo random. Qui non mi è sembrato molto più frequente della media dei doppiaggi italiani delle avventure grafiche. Accettabile, per me. A parte il fatto che anche solo aver fatto i doppiaggi in italiano e spagnolo, in un contesto a budget basso, come dice Gnupick è "lusso". 8) Non sottovaluterei quanto di quei soldi sia andato in un extra che la maggior parte degli editori/distributori d'avventure non calcola nemmeno più.

Zelldi ha scritto:Concordo poi sul fatto che nei dialoghi i botta e risposta sono troppo lenti.

L'ho notato anch'io questo, e la colpa per me è delle animazioni in loop delle braccia. A volte non servono proprio, tanto che ho finito per cliccare non appena la linea di dialogo viene pronunciata, per accelerarli.
Diduz
Avatar utente
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1756
Iscritto il: lunedì 19 settembre 2005, 1:28

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda experience86 il giovedì 24 aprile 2014, 14:13

Io ho l'impressione che analizzando questo gioco si tenda ad utilizzare dei parametri superiori a tutte le altre avventure grafiche uscite negli ultimi anni. Della serie cerchiamo i peli nell'uovo e non giudichiamo il pacchetto nel suo completo? Il naso l'ho storto anche io per varie scelte, ma in ogni caso mi è sembrato superiore alla maggioranza delle avventure che ho giocato.

Seriamente, fossero tutte così... per esempio un punto di forza a caso che questa serie ha sempre avuto e che continua ad avere: i dialoghi sono fantastici. E non intendo solo che portano avanti la trama in maniera ottima, stimolando continuamente la fantasia o proponendo dibattiti seri ma anche affrontati con la consueta ironia(e qui sono in disaccordo con Gnupick: la scena della "visione" di George ha del genio dentro. Non solo è contestualizzata alla trama e al personaggio principale, il quale è propenso a questo tipo di visioni, ma è anche interessantissima. E' un sommario di tre diverse chiavi di lettura del filone principale del gioco. Bellissima.)
Intendo dire che mentre nella maggioranza delle avventure grafiche mi trovo spesso a skippare i dialoghi riempitivi che servono solo ad allungare il brodo, nella serie di Broken Sword mi trovo a CERCARE tutte le possibili linee di dialogo, chiedendo e richiedendo le stesse cose ottenendo risposte diverse. Non è una cosa che si ottiene facilmente. Dietro c'è un lavoro impressionante di caratterizzazione che manca a molte avventure considerate pietre miliari del genere.
Si vive insieme, Si muore soli.
O forse no.
experience86
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 876
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2012, 12:47

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda TheAnPan il giovedì 24 aprile 2014, 14:30

Zelldi ha scritto:Per concludere, credo che con oltre 770mila dollari gli sviluppatori potessero fare di più in tutti i sensi. Charles Cecil e soci con i nostri soldi si sono fatti viaggi in Medio Oriente e Spagna con la scusa di ottenere l'ispirazione per la realizzazione del gioco, ma tutto quello che abbiamo ottenuto noi sono state due location in croce per la Spagna (la villa di Marqués e Montserrat) e UNA sola location (composta da due fondali) per la Siria. Scherziamo?? XD


770.000 $ (da cui vanno tolte le percentuali di Kickstater e di Amazon, oltre che le ricompense fisiche per i baker) sembrano tanti, ma non lo sono affatto. Anche aggiungendo la cifra investita direttamente da Revolution (che mi pare fosse di circa 500.000 $) si supera di poco il milione. Ripeto, sembrano tanti, ma se si comincia a sviluppare un gioco con una buona qualità grafica, ci aggiungi le musiche, la traduzione del testo ed il "doppiaggio" in 5 lingue, poi tutto il resto...
TheAnPan
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 642
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2011, 16:11

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Zelldi il giovedì 24 aprile 2014, 15:46

^ Non saranno tanti, ma per il videogioco che ne è venuto fuori mi sembrano pure troppi. I fondali, per quanto belli, richiedono il lavoro di uno o pochi disegnatori, al contrario di ambienti 3D e texture... e oggettivamente sono numericamente inferiori a quelli presenti ad esempio nei vecchi BS1 e BS2. Perfino i personaggi secondari si contano sulle dita di una mano, mentre nei vecchi Broken Sword erano tanti. Penso ad esempio al pub irlandese o alla piazza di Quaromonte... Non dico che i personaggi fossero TUTTI super-caratterizzati, ma quantomeno davano l'idea di un paesaggio vivo; in BS5 ripeto, i fondali sono bellissimi, ma vuoti. Non ci voleva molto ad aggiungere qualche turista a Montserrat, per dire.
Sì, magari nel caso di Broken Sword cerco il pelo dell'uovo, ma giuro che sono tra quelli a cui è piaciuto tantissimo BS3 e che tutto sommato ha apprezzato BS4. Pensavo che il ritorno al 2D avrebbe permesso agli sviluppatori di concentrarsi al massimo su altri aspetti, ma così non è stato. Il fan service sfrenato, i fondali 2D e le musiche sicuramente fanno respirare l'aria dei vecchi BS, ma dal mio punto di vista a livello tecnico e di trama siamo al di sotto dei primi episodi, che invece appaiono perfetti perfino se giocati oggi. Intendo dire che se mi metto a giocare oggi a BS1 e BS2, la grafica può passare per "vintage" e tutto il resto funziona benissimo, mentre giocando a BS5 mi sembra quasi di essere di fronte ad un prodotto fan-made (ok, adesso forse esagero).
Zelldi
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 725
Iscritto il: domenica 24 settembre 2006, 12:15
Località: Brescia

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Gnupick il giovedì 24 aprile 2014, 16:14

Diduz ha scritto:
Gnupick ha scritto:- Se sento ancora 'Jasmine' potrei uccidere qualcuno :D .

No! Sto ancora rigiocando la prima parte e mi stavo appunto chiedendo "Ma questa canzone non la usano un po' troppo?" Quindi c'è anche nel II atto? Oh mamma... :shock: :lol:


Io l'ho rigiocato da capo e non ne potevo più :D . Però non sono sicuro che ci sia nella seconda parte... nei titoli di coda sì... più volte! lol

Diduz ha scritto:
Gnupick ha scritto:Un plauso per un progetto portato avanti con grande onestà e professionalità, cosa sicuramente rara per i giochi nati su Kickstarter.

Orco can, che visione cupa... 8)


Beh, più che altro confrontavo con le uscite che abbiamo avuto finora in campo adventure. E BS5 mi sembra quello che più di tutti abbia rispettato le aspettative dei backer (nonostante i ritardi e la divisione in due episodi... ma ci può stare, imho).
Gnupick
Avatar utente
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 1188
Iscritto il: sabato 14 ottobre 2006, 16:04

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda TheAnPan il giovedì 24 aprile 2014, 16:23

Gnupick ha scritto:Io l'ho rigiocato da capo e non ne potevo più :D . Però non sono sicuro che ci sia nella seconda parte... nei titoli di coda sì... più volte! lol


I titotli di coda più lunghi della storia XD
TheAnPan
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 642
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2011, 16:11

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda ottoDVD il giovedì 24 aprile 2014, 16:25

Io li ho saltati XD

C'è qualcosa dopo?
ottoDVD
Avatar utente
Esploratore
Esploratore
 
Messaggi: 323
Iscritto il: domenica 30 agosto 2009, 18:53

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Tsam il giovedì 24 aprile 2014, 16:31

A lungo attesa, da molti bramata, è finalmente online la recensione del quinto capitolo della saga di Broken Sword, La maledizione del Serpente; all’interno della stessa, come avrete modo di leggere, abbiamo deciso di valutare sia la seconda parte dell’avventura (recentemente rilasciata), sia di tracciare un bilancio dell’esperienza complessiva, così da potervi dare un riscontro quanto più completo possibile del lavoro di Cecil e soci.
Sarà andata bene? Kickstarter avrà giovato alla serie? Ai posteri (e alla vostra lettura) l’ardua sentenza!
Tsam
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 2505
Iscritto il: martedì 22 novembre 2005, 13:06

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda TheAnPan il giovedì 24 aprile 2014, 16:53

ottoDVD ha scritto:Io li ho saltati XD

C'è qualcosa dopo?


Niente.

Tsam ha scritto:A lungo attesa, da molti bramata, è finalmente online la recensione del quinto capitolo della saga di Broken Sword, La maledizione del Serpente; all’interno della stessa, come avrete modo di leggere, abbiamo deciso di valutare sia la seconda parte dell’avventura (recentemente rilasciata), sia di tracciare un bilancio dell’esperienza complessiva, così da potervi dare un riscontro quanto più completo possibile del lavoro di Cecil e soci.
Sarà andata bene? Kickstarter avrà giovato alla serie? Ai posteri (e alla vostra lettura) l’ardua sentenza!


Dissento. Mettendo insieme le due parti io all'otto ci arrivo tranquillamente.
TheAnPan
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 642
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2011, 16:11

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Diduz il giovedì 24 aprile 2014, 16:53

Gnupick ha scritto:
Diduz ha scritto:
Gnupick ha scritto:Un plauso per un progetto portato avanti con grande onestà e professionalità, cosa sicuramente rara per i giochi nati su Kickstarter.

Orco can, che visione cupa... 8)


Beh, più che altro confrontavo con le uscite che abbiamo avuto finora in campo adventure. E BS5 mi sembra quello che più di tutti abbia rispettato le aspettative dei backer (nonostante i ritardi e la divisione in due episodi... ma ci può stare, imho).

Ah, beh, le aspettative sono un altro conto, solo non credo che abbiano a che fare con onestà e professionalità. Finora l'unico altro adventure terminato è Moebius, ma è stato terminato dai Phoenix lavorando gratis perché erano finiti i soldi. Si può dire che non ci sia stata professionalità nella pianificazione, ma c'è stata una grande etica professionale nel voler vedere il prodotto finito, il che è la più grande garanzia di onestà verso i backer, specialmente se non si chiedon loro altri soldi.
Non per polemica, eh, volevo solo provare a mettere le cose in una prospettiva diversa. :wink:
Che poi i risultati siano quel che siano... non so se dipende proprio dal Kickstarter. Diciamo che con Kickstarter ci rendiamo conto dei problemi subito, se finanzia un editore e fallisce dopo due anni dall'uscita del gioco, ci appare solo più difficile collegare la cosa alla cattiva gestione del progetto. :lol:
Senza Kickstarter scommette l'editore, con Kickstarter scommettiamo noi... ma sempre scommessa è.
Diduz
Avatar utente
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1756
Iscritto il: lunedì 19 settembre 2005, 1:28

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Kiruna il giovedì 24 aprile 2014, 17:17

Probabilmente ci giocherò questo autunno, per ora ho visto solo qualche secondo di video. Sembra bello a vedersi :wink:

Ma a proposito dei soldi, io non li giustificherei troppo! Immagino che i fondi tendano a volar via tra musiche e tutto ma credo che siano anche degli spendaccioni. Idem per i tizi di Broken Age.
Sapete quanta gente è in grado di metter giù due suoni come quelli che sentite nel gioco? Non c'è nulla di originale. Perché non fanno un bando invece di andare a cercare musicisti che hanno collaborato con questo e con quello? C'è gente che esce dai conservatori di musica elettronica che lo farebbe gratis e magari anche più originale. O perché non optano per un chitarrista acustico? Ne uscirebbe qualcosa più caldo e inusuale per un gioco.
Per gli altri campi non me ne intendo ma son sicuro che sperperano ( in broken age vanno a chiamare gente famosa per fare due doppiaggi!! Non preferivate qualche location in più??)

bah bah bah io non mi fido del tutto... infatti non finanzio niente, anche se la passione lo vorrebbe.
Kiruna
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 720
Iscritto il: giovedì 14 novembre 2013, 15:25
Località: Costantinopoli

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Haggis McMutton il giovedì 24 aprile 2014, 17:55

Tsam ha scritto:A lungo attesa, da molti bramata, è finalmente online la recensione del quinto capitolo della saga di Broken Sword, La maledizione del Serpente; all’interno della stessa, come avrete modo di leggere, abbiamo deciso di valutare sia la seconda parte dell’avventura (recentemente rilasciata), sia di tracciare un bilancio dell’esperienza complessiva, così da potervi dare un riscontro quanto più completo possibile del lavoro di Cecil e soci.
Sarà andata bene? Kickstarter avrà giovato alla serie? Ai posteri (e alla vostra lettura) l’ardua sentenza!


anche secondo me un voto più alto ci stava, ma alla fine quello è relativo... quello che non capisco è di quali buchi logici nella trama si parli, io sono riuscito a collegare tutto tranquillamente...
For her light...

"This world is a machine. A machine for pigs. Fit only for the slaughtering of pigs."

"Remember you're unique, just like anybody else."
Haggis McMutton
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 3400
Iscritto il: venerdì 14 dicembre 2012, 15:34
Località: La stessa di Dylan Dog

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Gnupick il giovedì 24 aprile 2014, 18:24

Diduz ha scritto:Ah, beh, le aspettative sono un altro conto, solo non credo che abbiano a che fare con onestà e professionalità. Finora l'unico altro adventure terminato è Moebius, ma è stato terminato dai Phoenix lavorando gratis perché erano finiti i soldi. Si può dire che non ci sia stata professionalità nella pianificazione, ma c'è stata una grande etica professionale nel voler vedere il prodotto finito, il che è la più grande garanzia di onestà verso i backer, specialmente se non si chiedon loro altri soldi.


Su Moebius ho fatto solo un giro, però se già canni la postura e il walk del PROTAGONISTA vuol dire che qualcosa nella gestione del progetto non è andata bene. Sarà anche colpa del budget ridotto (ma si fa per dì, eh), ma se tu chiedi un tot allora poi dovresti dare quello che prometti. Se non ci riesci pace, come dici tu fa parte del 'rischio' di essere finanziatori, però finora Broken Sword è il gioco che più mi ha dato l'idea di 'missione compiuta', tutto qui. Anche più di Larry e Broken Age (parte1).
Gnupick
Avatar utente
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 1188
Iscritto il: sabato 14 ottobre 2006, 16:04

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Simo the best il giovedì 24 aprile 2014, 18:28

Diduz ha scritto:Ah, beh, le aspettative sono un altro conto, solo non credo che abbiano a che fare con onestà e professionalità. Finora l'unico altro adventure terminato è Moebius, ma è stato terminato dai Phoenix lavorando gratis perché erano finiti i soldi. Si può dire che non ci sia stata professionalità nella pianificazione, ma c'è stata una grande etica professionale nel voler vedere il prodotto finito, il che è la più grande garanzia di onestà verso i backer, specialmente se non si chiedon loro altri soldi.
Non per polemica, eh, volevo solo provare a mettere le cose in una prospettiva diversa. :wink:
Che poi i risultati siano quel che siano... non so se dipende proprio dal Kickstarter. Diciamo che con Kickstarter ci rendiamo conto dei problemi subito, se finanzia un editore e fallisce dopo due anni dall'uscita del gioco, ci appare solo più difficile collegare la cosa alla cattiva gestione del progetto. :lol:
Senza Kickstarter scommette l'editore, con Kickstarter scommettiamo noi... ma sempre scommessa è.


Grande Giove Dom! Sai che non lo sapevo che avessero finito i soldi :shock: :shock:
A sto punto, meglio non dargliene più :mrgreen: :mrgreen: Scherzo, ovviamente, ne ho finanziati una decina e sono contenta di averlo fatto, anche se Broken Age è quello che mi ha lasciato di più l'amaro in bocca, vediamo come sarà la seconda parte.
SIMO THE BEST,
CACCIATRICE DI NEWS E NUOVE AVVENTURE

Immagine
Simo the best
Avatar utente
Membro Staff
Membro Staff
 
Messaggi: 6165
Iscritto il: domenica 25 aprile 2004, 9:47
Località: Venezia

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Diduz il giovedì 24 aprile 2014, 18:52

Simo the best ha scritto:Grande Giove Dom! Sai che non lo sapevo che avessero finito i soldi :shock: :shock:
A sto punto, meglio non dargliene più :mrgreen: :mrgreen:

Ah, ma liberissima! :wink: Infatti ritengo che sia l'UNICA sensata e legittima forma di protesta per un backer : tagliare i ponti con il tavolo da gioco sul quale non ti sembra valga la candela scommettere. La scommessa precedente, una volta piazzata alla cieca (perché, siamo onesti, alla cieca rimane anche quando il progetto sembra definito), son soldi usciti.

Kiruna ha scritto:bah bah bah io non mi fido del tutto... infatti non finanzio niente, anche se la passione lo vorrebbe.

Esatto. E' SOLO una questione di passione. Irrazionale. Ormai mi son fatto quest'idea e non mi ci schiodo. No, perché razionalmente garanzie non ne hai mai. E' l'unica cosa che possiamo di sicuro desumere da quanto abbiamo sperimentato di Kickstarter, e considerando come funziona il sistema di crowdfunding quest'aspetto non cambierà.

Gnupick ha scritto:Su Moebius ho fatto solo un giro, però se già canni la postura e il walk del PROTAGONISTA vuol dire che qualcosa nella gestione del progetto non è andata bene. Sarà anche colpa del budget ridotto (ma si fa per dì, eh),

No, quale budget ridotto! :lol: Quelli secondo me il modello proprio non l'hanno saputo fare! :lol:
Da questo punto di vista Broken Sword 5 lo sto trovando fatto bene, neanche paragonabile (almeno per quanto riguarda il paragone dei protagonisti, poi su Moebius qualcosa di meglio negli altri personaggi c'è).
Diduz
Avatar utente
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1756
Iscritto il: lunedì 19 settembre 2005, 1:28

Re: Broken Sword 5: The Serpent's Curse

Messaggioda Overmann il giovedì 24 aprile 2014, 19:21

Diduz ha scritto:Ah, beh, le aspettative sono un altro conto, solo non credo che abbiano a che fare con onestà e professionalità. Finora l'unico altro adventure terminato è Moebius, ma è stato terminato dai Phoenix lavorando gratis perché erano finiti i soldi. Si può dire che non ci sia stata professionalità nella pianificazione, ma c'è stata una grande etica professionale nel voler vedere il prodotto finito, il che è la più grande garanzia di onestà verso i backer, specialmente se non si chiedon loro altri soldi.


Non ho completato nessuno dei due giochi, quindi non esprimo un giudizio.
Però personalmente trovo che la gestione del tempo e del rapporto con i backer sia stata di gran lunga migliore in Moebius: la beta veniva aggiornata ad intervalli regolari e sapevo che non ci sarebbero stati penosi ritardi. A gennaio il gioco era completo, con Malachi che cammina storto o dritto che fosse.
Per BS5 invece diciamo che non riesco ad associare professionalità con
doveva uscire il gioco completo un anno fa, poi gli stretch goal l'hanno portato a maggio 2013, sempre gli stretch goal hanno costretto a un generico "seconda metà 2013", per fortuna poi "quasi tutti i problemi sono stati risolti e il gioco uscirà a settembre 2013", peccato che poi a novembre "scusateci, lo dividiamo in due e tagliamo sui doppiaggi ed esce a dicembre"... Poi doveva uscire a febbraio, poi a marzo, poi a fine marzo, poi ad aprile...

Avrei preferito di gran lunga giocarlo completo ad aprile sentendomi dire Q2 2014, tuttavia se a dicembre hanno fatto abbastanza soldi da risollevare il gioco con la seconda parte sono contento.

Perchè alla fine, fra un anno, dei ritardi di BS5 non si ricorderà nessuno, ma del modello 3D di Malachi si ricorderanno tutti.

Kiruna ha scritto:Per gli altri campi non me ne intendo ma son sicuro che sperperano ( in broken age vanno a chiamare gente famosa per fare due doppiaggi!! Non preferivate qualche location in più??)


Diciamo che con un milione di dollari un bel po' di gradi di libertà li hai.

Senza Kickstarter scommette l'editore, con Kickstarter scommettiamo noi... ma sempre scommessa è.


Sono un po' amareggiato dall'effetto "apertura delle fogne" di kickstarter.
Devo ancora metabolizzare per capire bene da che parte sto...
Certo non mi sorprende più che "gli editori" non investano sul genere.
Immagine
Overmann
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 2013
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 14:12
Località: Lower Depths

PrecedenteProssimo

Torna a Adventure Games

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron