Login with a social network:

Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Attualità, musica, cinema, arte e tutto ciò di cui vogliate parlare.

Moderatore: asterix777

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda locutus il lunedì 25 settembre 2017, 12:26

Overmann ha scritto:Penso che nessuno sano di mente ritenga che ogni copia scaricata sarebbe stata acquistata legalmente a prezzo pieno senza pirateria...


Hai già dimenticato questo spot? :mrgreen:



Il punto è semmai se una pirateria diffusa danneggi il mercato o lo favorisca, ma è appunto un fenomeno complesso da studiare.


Siamo d'accordo :wink: E' che forse qualcuno in UE sperava che gli esiti di questo studio dessero incontrovertibilmente ragione alle case di produzione (che - per carità - hanno ragione. Il problema è capire quanto, hanno ragione).

E un cambio di rotta su questo fronte non è per sperare nel 'liberi tutti' e lo scaricamento selvaggio: il problema è che ancora oggi (se le cose non sono cambiate, ma non mi risulta) i consumatori pagano tasse su compensazioni anti-pirateria - puramente virtuali - ogni volta che acquistano un supporto di memoria vergine o dispositivi che possono essere usati in chiave pirata.
Immagine
locutus
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 3057
Iscritto il: sabato 8 settembre 2007, 19:59
Località: Palermo

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Overmann il lunedì 25 settembre 2017, 13:14

Il problema vero semmai è che con un fenomeno in aumento, ancora non si sia fatto nulla di serio per contrastare la cosa in modo EQUO.... cioè se su due ragazzi uno guarda legalmente e l'altro illegalmente, nessuno vieno multato o ripreso, dal punto di vista dell'applicazione della legge è uguale, l'unica cosa che ti spinge verso la legalità è la qualità del servizio o la tua morale personale :roll:

E non siamo nemmeno più ai tempi dello sharing p2p, ma ai tempi dello streaming in cui qualcuno ci guadagna pacchi di soldi a diffondere materiale illegalmente.

Quello spot farà ridere ma sollevava un problema vero, che non ha contribuito a risolvere neanche di striscio.
Overmann
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 2204
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 14:12
Località: Eridani Epsilon B

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda locutus il lunedì 25 settembre 2017, 17:19

Un piccolo estratto da questo articolo che tratta lo stesso argomento:

La verità è che da (troppo?) tempo il settore dei diritti d'autore avrebbe bisogno di una profonda revisione, come sostengono molti studiosi, per trovare soluzioni in grado di armonizzare la tutela, anche economica del diritto d'autore, e la possibilità per tutti di accedere alla cultura al di là delle rispettive capacità di spesa.

La ricerca del resto evidenzia quella che era una realtà di fatto facilmente intuibile e cioè che chi si serve di servizi illegali per fruire di contenuti coperti da diritto d'autore non sottrae nulla al mercato, in quanto a priori non in grado di spendere per quei contenuti.

"È stata analizzata la disponibilità a pagare per i contenuti piratati per valutare se la pirateria possa essere correlata al livello dei prezzi. Se gli utenti illegali online non sono disposti a pagare il prezzo di mercato nella situazione in cui il contenuto è disponibile solo a pagamento, sembra giusto supporre che il consumo illegale non si traduca in uno spostamento delle vendite legali, dato che questi consumatori rinuncerebbero solo al consumo di questi beni. In tal caso, l' industria potrebbe aumentare il volume delle vendite legali abbassando i prezzi o rendendo disponibili online più contenuti legali".
Immagine
locutus
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 3057
Iscritto il: sabato 8 settembre 2007, 19:59
Località: Palermo

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Overmann il lunedì 25 settembre 2017, 18:47

:lol: :lol:

Quanto giornalismo complice, che ammicca ai propri lettori che, pur avendo un PC, uno smartphone o un tablet da centinaia di euro, non hanno 10€ al mese per Netflix o 3€ per noleggiarsi un film in streaming legalmente... :lol:

Postiamo anche un articolo dall'altro lato della barricata:

http://www.corriere.it/economia/17_giug ... 74ed.shtml

Se il 39% della popolazione adulta (soprattutto uomini) ha guardato illegalmente nel 2016 film, serie tv e programmi di intrattenimento, la percentuale dei pirati arriva al 50% tra i ragazzi di età compresa i 10 e i 14 anni. E il fenomeno è in grande crescita.

L’identikit del pirata assomiglia a quello di un uomo, diplomato e lavoratore autonomo: si smonta così la giustificazione che la pirateria derivi da oggettive difficoltà economiche. I film continuano a essere il contenuto più spesso cliccato (370 milioni di atti fuorilegge) e dal maggior numero di cittadini (33%)

il 57% pensa che sia improbabile essere scoperto e ancora meno sanzionato.


Dai vienimi a dire che di quei 370 milioni chi LAVORA dietro ai contenuti o ai servizi legali non ha perso neanche un euro... 8)
Overmann
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 2204
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 14:12
Località: Eridani Epsilon B

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda locutus il martedì 26 settembre 2017, 10:17

Be', proprio sui film il rapporto della UE invece riesce ad arrivare a conclusioni più scientifiche: ha stabilito che "ogni dieci film recenti guardati illegalmente, quattro film in meno sono consumati legalmente".

Ma fra quei milioni che citi tu, ci sono sicuramente download che non riguardano necessariamente film e serie di ultima pubblicazione o anche serie che - semplicemente - non sono ancora (o non sono più) disponibili nel nostro paese (quindi il danno economico, in entrambi i casi, è limitato).

Inoltre, io non difendo i pirati o la pirateria come pratica ma, se per vedere solo una serie che mi interessa (ad esempio Il "trono di spade") devo necessariamente abbonarmi a tutto un pacchetto di altre robe da minimo € 30,00 al mese... diciamo che non invogli la gente a stare lontana dal p2p in questo modo. Idem se fossi - e mi è capitato di conoscerli - un ragazzo di vent'anni che vuole recuperare per curiosità una serie cult del passato come X-Files, che in TV non si vede: la sua unica possibilità legale quale sarebbe? Comprarsi la serie in DVD a € 90,00?

Certe cose andrebbero semplicemente liberate, perché tanto oggi chi vuole ha tutti i mezzi per ottenerle senza pagare e, si, ci sono gli scrocconi patologici, si, ci sono gli indigenti e, si, c'è gente che non rientra né nell'una né nell'altra categoria ma ragionando da consumatore valuta se una cosa vale davvero il prezzo che viene richiesto e trae le sue conclusioni.

E' giusto difendere il diritto d'autore, specialmente sulle proprietà intellettuali e le ultime novità (altrimenti si chiude baracca), ma è anche giusto che l'on demand sia veramente on demand e che non debba trascorrere quasi un secolo dalla morte di un autore prima di rendere liberamente fruibile un'opera di qualsiasi genere.

Puoi anche stabilirlo per legge, ma non è che se stabilisci per legge che esistono gli unicorni, gli unicorni esistono per davvero... (questa è una metafora un po' alla Bersani... mi scuso #-o )

Solo venendo incontro al modo in cui i consumatori hanno imparato a fruire dei contenuti digitali puoi arginare il fenomeno; tentare di "rieducare" il consumatore alla logica del produttore ("non ruberesti mai una borsa" [cit.]) non funziona, anche perché ci sarà sempre una quota di persone che continuerà a scaricare roba gratis anche potendola avere a € 0,99 e non puoi farci niente.

Se vuoi continuare a guadagnare dalla "roba vecchia", l'unica strategia possibile per convincere il consumatore a sborsare è aggiungervi valore (special edition, gadget e cotillion) e catalizzare i portafogli di una fetta di pubblico ben disposta a pagare (anche un po' di più) per avere qualcosa di particolare. Ma pretendere i soldi di tutti indiscriminatamente... e sui film più nuovi, onestamente io non conosco nessun serio appassionato di cinema o di un brand particolare che si accontenti di un film (anche i 4k) scaricato dalla rete. Magari lo scarica e se lo vede, ma solitamente recupera più in là anche il supporto fisico legale con tutti i crismi. I titoli che non comprerà - pur avendoli scaricati - sono titoli che non avrebbe comprato comunque.

Il danno economico c'è - chi lo nega? - ma insomma, ne è passata di acqua sotto i ponti, oggi le connessioni sono ancora più veloci, gli HDD ancora più capienti, gli emulatori sempre più perfezionati... 10 anni fa sembrava che l'industria dovesse fallire per colpa dei pirati e oggi - anche grazie a servizi come Netflix e Spotify - è viva e vegeta. Vuol dire che - al di là degli studi e delle statistiche - qualunque siano i reali effetti del fenomeno, questi vengono assorbiti.
Immagine
locutus
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 3057
Iscritto il: sabato 8 settembre 2007, 19:59
Località: Palermo

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Overmann il martedì 26 settembre 2017, 12:52

Mi sembra che tu stia un po' semplificando, soprattutto con la frase finale.

Allora nessuno avrebbe dovuto creare GoG, o Steam, o Chili, o Netflix, o queste piattaforme dovrebbero esistere solo per le ultime novità ignorando tutte le basi di marketing digitale (cioè che i soldi veri li fai con la long tail). Il motivo per cui queste piattaforme esistono è proprio perchè qualcuno ha difeso il diritto d'autore e il diritto di monetizzarci legalmente, anzichè continuare le litanie che giustificano tutto e tutti perchè la cultura dev'essere gratis e blablabla.

Stiamo parlando di aziende legali che creano ricchezza e danno lavoro e partecipano alla prosperità economica, contro l'alternativa di "liberare tutto" :shock:

Allora torniamo allo spot di prima, perchè non le vecchie auto? o i vecchi libri? o i vecchi divani? Facciamo una sezione nei negozi in cui si regalano le cose perchè sono troppo vecchie?

Citi sempre casi estremi di qualcuno che vuole recuperare roba che ormai è sovrapprezzata, ma siamo nel 2017 e parliamo come se fossimo nel 2007... Oggi le alternative legali esistono, e si fanno una sana concorrenza ANCHE sulle licenze da acquisire (Netflix e Amazon addirittura producono serie originali), i prezzi sono più che accessibili.
Gli articoli che incolli sono di un'ipocrisia pazzesca.

Ci sono ancora delle nicchie che mancano? Prodotti non disponibili? Certo, ma la soluzione non è sperare che vengano "liberati", o lasciare le cose come stanno "tanto ci sono i siti pirata", bensì sperare che siano al più presto oggetto di contesa fra i player di settore in modo tale che si crei un giro di soldi legale e virtuoso. Con virtuoso intendo che serie come Daredevil non sarebbero mai nate se non fosse nato Netflix, mentre l'alternativa pirata è terreno infertile. Stesso discorso per i proventi dei vecchi giochi su Steam che consentono di produrne di nuovi, ecc. Se si fosse dato ascolto ai "pro pirata" 10-15 anni fa, sai quanti soldi in meno sarebbero finiti nelle tasche delle software house e quanti giochi in meno avremmo oggi?

A maggior ragione adesso che il DD legale è progredito e funziona, leggere gli stessi discorsi di 10-15 anni fa mi sembra ancora più ridicolo.
Non parliamo poi del mercato indie, che se non fosse inglobato da Steam non esisterebbe proprio, tanto "liberi tutti" che il videogioco è cultura e come tale dev'essere gratis, e se non me lo regali me lo prendo. :roll:
Overmann
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 2204
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 14:12
Località: Eridani Epsilon B

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Weltgeist il martedì 26 settembre 2017, 12:58

Qui in USA la pirateria è quasi sconosciuta. Sì, ci sono quei pochi che usano torrent o copiano dvd e cd, ma la stragrande maggioranza le cose le compra: perché costano pochissimo, e perché le leggi riguardo la pirateria sono molto rigide.
Con l'avvento di itunes, steam, GOG e altre piattaforme, PS store etc... è davvero facilissimo acquistare un gioco e ormai si tratta di una manciata di dollari a titolo, se si può aspettare. Ci sono molte sales durante l'anno, per esempio il Black Friday, Labor Day, CyberMonday etc. Se si aspetta un po' si possono comprare titoli con il 90% di sconto!
Stessa cosa per i film, grazie a RedBox, Amazon Prime etc con 2$ puoi affittare un film in HD o Blu-ray!
Sono molto felice di questa mentalità, di questa cultura e dell'opportunità di fare incetta di giochi/film senza spendere un patrimonio. In Italia, ricordo (10 anni fa ma vabbé) era un po' più difficile rimanere nella legalità e allo stesso tempo godere delle ultime uscite.
:mrgreen:
Weltgeist
Avatar utente
Esploratore
Esploratore
 
Messaggi: 172
Iscritto il: martedì 13 giugno 2017, 15:54

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda locutus il martedì 26 settembre 2017, 13:50

Overmann ha scritto:Mi sembra che tu stia un po' semplificando, soprattutto con la frase finale.

Allora nessuno avrebbe dovuto creare GoG, o Steam, o Chili, o Netflix, o queste piattaforme dovrebbero esistere solo per le ultime novità ignorando tutte le basi di marketing digitale (cioè che i soldi veri li fai con la long tail). Il motivo per cui queste piattaforme esistono è proprio perchè qualcuno ha difeso il diritto d'autore e il diritto di monetizzarci legalmente, anzichè continuare le litanie che giustificano tutto e tutti perché la cultura dev'essere gratis e blablabla.


Scusami, sono stato frainteso: io annovero Netflix, GoG, Spotify, Chilly (che sono servizi veramente on demand o comunque che richiedono un abbonamento abbordabilissimo) tra le alternative legali più efficienti, proprio in relazione al loro rapporto costo/benefici per l'utente finale.

Ma come ho detto, anche a vendere le cose a € 0,99 troverai sempre qualcuno che preferisce € 0,00 quindi la prima cosa da fare è liberalizzare (non necessariamente "liberare") i contenuti in modo da non costringere il consumatore a prendersi necessariamente tutto un pacchetto ma solo quello che davvero gli serve (quindi andare in direzione opposta a quello che sta succedendo oggi, dove i servizi si vanno sempre più frammentando costringendo il consumatore a pagare più abbonamenti contemporaneamente... da un lato positivo per la concorrenza e per evitare i cartelli ma dall'altro deleterio per le tasche del consumatore) e ritagliarsi finestre free in cui - almeno in versione base - certe opere possano essere comunque fruite gratuitamente nella consapevolezza che l'alternativa illecita è sempre a portata di mano, quindi non rinunci ad un guadagno, semmai ti rifai la verginità: da compagnia avida, brutta e cattiva a società illuminata che guarda al futuro e al benessere dei consumatori... al limite puoi sempre guadagnarci con spot e banner, come il modello Spotify. Le royalties sono basse? Capisco che lo siano, ma sono sempre più alte di un guadagno totalmente mancato a causa degli mp3 illegali, no?
Immagine
locutus
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 3057
Iscritto il: sabato 8 settembre 2007, 19:59
Località: Palermo

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda utdefault il sabato 30 settembre 2017, 0:39

Se il Governatore è disposto a concedere l'amnistia per i crimini commessi dai Pirati (di qualunque tipo, di qualunque forma, di qualunque grado, essi siano), allora - e solo allora - questi ultimi si tramuteranno in individui 'rispettosi' della legge. :mrgreen:

L'altro passo sarebbe quello di coinvolgerli nella propria attività, mostrando loro come (qualunque fosse l'iniziale prezzo richiesto per prendere possesso della loro nave) possano riutilizzare i tesori di cui si sono appropriati per farne un ulteriore bottino: rientrare di pochi pezzi da otto utilizzando risorse veloci o, a pezzi da otto crescenti, poter riottenere quasi fino ai tre/quarti (l'ultimo quarto è del Reggente) delle monete spese per accaparrarsi quelle ricchezze.

Un potenziale tesoro (quasi) del tutto rientrato,
è un potenziale pirata che (quasi) del tutto non commette più reato! :lol:
utdefault
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: sabato 26 dicembre 2015, 19:57

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda locutus il giovedì 12 ottobre 2017, 12:47

locutus ha scritto:Infine sull'obiezione sollevata sulle esclusive: è vero che andare verso un'unica piattaforma significa fomentare fenomeni monopolistici che certo non fanno bene al consumatore, ma dall'altro canto è pure vero che una sola piattaforma molto fornita può permettersi di fare ciò che fa Steam o iTunes, abbassando drasticamente i prezzi di alcuni articoli a rotazione per monetizzare a prescindere (e qui mi ricollego al discorso di prima sui differenti modi e tempi con cui si può rientrare delle spese, parlando di commercio digitale). Inoltre da consumatore per me sarebbe molto più comodo, con un unico account, avere accesso a tutti i miei acquisti.


Scusate se mi auto-quoto in un messaggio del 2013 (!) ma finalmente qualcuno mi ha ascoltato...

Movies Anywhere, un solo servizio video per dominarli tutti

Movies Anywhere è una sorta di armadietto online che consente di acquistare film sulle principali piattaforme online e anche archiviare titoli per una fruizione su qualsiasi dispositivo.

Ma quel film online dove lo compro? Su iTunes, Google Play, Amazon o un'altra piattaforma? Chi ha i diritti di distribuzione? Su quali dispositivi posso vederlo? Ecco, tutto questo percorso a ostacoli per acquistare un film in versione digitale potrebbe essere spazzato via da Movies Anywhere, un servizio che per la prima volta vede coinvolte le principali major cinematografiche e piattaforme di distribuzione.

[Il resto dell'articolo lo trovate qui]



Spero che l'app abbia successo e facciano qualcosa di simile anche per accedere a Steam, GoG, Origin, Zodiac e compagnia :roll:
Immagine
locutus
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 3057
Iscritto il: sabato 8 settembre 2007, 19:59
Località: Palermo

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda utdefault il giovedì 12 ottobre 2017, 23:52

locutus ha scritto:Inoltre da consumatore per me sarebbe molto più comodo, con un unico account, avere accesso a tutti i miei acquisti.
Questo è il motivo per cui, qui e altrove, il tema ricorrente proposto è quello (ma quando ci sarà il Day0?) di Totally Cloud Gaming.
Un unico accesso che permetta di Giocare a Tutto, Dappertutto, Senza vincoli di hardware o software.

Tornando in tema:
Quote pieno sull'app e sulla possibilità - di quanto hai dibattuto - di vedere qualcosa di simile anche per gli store digitali di videogiochi. :wink:
utdefault
Dottor Jones
Dottor Jones
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: sabato 26 dicembre 2015, 19:57

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda locutus il venerdì 13 ottobre 2017, 0:45

utdefault ha scritto:
locutus ha scritto:Inoltre da consumatore per me sarebbe molto più comodo, con un unico account, avere accesso a tutti i miei acquisti.
Questo è il motivo per cui, qui e altrove, il tema ricorrente proposto è quello (ma quando ci sarà il Day0?) di Totally Cloud Gaming.
Un unico accesso che permetta di Giocare a Tutto, Dappertutto, Senza vincoli di hardware o software.


Condivido, ma in parte: cloud si, ma non stile Netflix. Preferisco comprarlo un gioco e tenermelo, piuttosto che pagare un abbonamento per giocarci solo in cloud col rischio onnipresente che oggi o domani cambiano i diritti, e mi sparisce tutto! Almeno in Steam i giochi comprati - anche quando Valve non ha più i diritti per venderli - restano sempre disponibili per chi li ha acquistati in tempo.
Immagine
locutus
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 3057
Iscritto il: sabato 8 settembre 2007, 19:59
Località: Palermo

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda luise il venerdì 12 gennaio 2018, 19:31

Spoiler!
Favorevole alla condivisione, non vedo perché non posso condividere una cosa che ho io e viceversa .
Poi se merita, l'acquisto,con i saldi .Ho buttato troppi soldi in passato (certe schifezze tipo :Il Mistero di Notre -Dame e molte altre).Non compro più al Day One .L'ultimo è Detective Gallo.
Prima valutavo le recensioni ora è raro

Tra ...
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
Go!
Immagine
:lol:
Immagine
luise
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 4192
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 21:54

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Dead Space il sabato 13 gennaio 2018, 15:40

Ammazzalo il moralizzatore! :lol:

Con l'avvento di itunes, steam, GOG e altre piattaforme, PS store etc... è davvero facilissimo acquistare un gioco e ormai si tratta di una manciata di dollari a titolo, se si può aspettare. Ci sono molte sales durante l'anno, per esempio il Black Friday, Labor Day, CyberMonday etc. Se si aspetta un po' si possono comprare titoli con il 90% di sconto!


Se il problema è che i sviluppatori sono danneggiati dalla pirateria allora sappi che anche questi megasconti li danneggiano. Su steam un casino di gente aspetta i saldi...saldi che a livello di incasso ti restringono il badget enormemente se sei uno sviluppatore.

Per me tutta questa diatriba infinita sulla pirateria è una gran minchiata e pure molto ipocrita, se la gente ha una mentalità meritocratica e ci tiene a sostenere gli sviluppatori che apprezzano non c'è alcun problema se una fetta dell'utenza non ha pagato. Tuttavia noi italiani siamo un popolo problematico...non abbiamo proprio il concetto di meritocrazia, siamo il popolo dei furbi stupidi come mi piace autodefinirci. Ci crediamo furbi a fregare sempre tutti e non capiamo mai che ci diamo la zappa sui piedi. Il discorso che ho fatto prima è valido per tutti quei popoli con una mentalità piu equilibrata se non altro su questo argomento. In italia (popolo scientificamente ladronesco e mafiosetto...è la verità) la stragrande maggioranza degli utenti se ne fregano allegramente, non danno un colpo al cerchio e una alla botte...non c'è una via di mezzo...salvo poi lamentarsi sul perchè non ci sono team di sviluppo italiani o se si sono al contagocce. Ad uno di questi gli ho spiegato che tipo di impegno è fare un gioco e in che condizioni tocca sviluppare in italia...chissà se l'ha capita.
Dead Space
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 589
Iscritto il: lunedì 1 luglio 2013, 20:36

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda luise il sabato 13 gennaio 2018, 18:31

Ero più stupida prima : Ci ho speso2 o forse 3 stipendi in videogiochi ,risultato ?
Prima hanno tolto il doppiaggio poi i sottotitoli
Quindi ? Ho pagato per prenderlo in quel posto ?! :lol: .
Questo perché ci sono sempre stati i "furbetti" e ci saranno sempre in tutti i campi !
Ripeto se il prodotto merita, acquisto ,con i saldi .
I videogiochi (AG)in Italia non si riescono a sviluppare perché non c'è business e non si è all'altezza dei Tedeschi e neanche degli Spagnoli .C'è un abisso. (Il Loro punto di forza sono le trame poi viene il resto )Sono professionisti.
L'unico gioco veramente bello Made in italy che ricordo è Tony Tough.
Immagine
luise
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 4192
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 21:54

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Weltgeist il domenica 14 gennaio 2018, 4:53

Dead Space ha scritto:Ammazzalo il moralizzatore! :lol:

Con l'avvento di itunes, steam, GOG e altre piattaforme, PS store etc... è davvero facilissimo acquistare un gioco e ormai si tratta di una manciata di dollari a titolo, se si può aspettare. Ci sono molte sales durante l'anno, per esempio il Black Friday, Labor Day, CyberMonday etc. Se si aspetta un po' si possono comprare titoli con il 90% di sconto!


Se il problema è che i sviluppatori sono danneggiati dalla pirateria allora sappi che anche questi megasconti li danneggiano. Su steam un casino di gente aspetta i saldi...saldi che a livello di incasso ti restringono il badget enormemente se sei uno sviluppatore.

Per me tutta questa diatriba infinita sulla pirateria è una gran minchiata e pure molto ipocrita, se la gente ha una mentalità meritocratica e ci tiene a sostenere gli sviluppatori che apprezzano non c'è alcun problema se una fetta dell'utenza non ha pagato. Tuttavia noi italiani siamo un popolo problematico...non abbiamo proprio il concetto di meritocrazia, siamo il popolo dei furbi stupidi come mi piace autodefinirci. Ci crediamo furbi a fregare sempre tutti e non capiamo mai che ci diamo la zappa sui piedi. Il discorso che ho fatto prima è valido per tutti quei popoli con una mentalità piu equilibrata se non altro su questo argomento. In italia (popolo scientificamente ladronesco e mafiosetto...è la verità) la stragrande maggioranza degli utenti se ne fregano allegramente, non danno un colpo al cerchio e una alla botte...non c'è una via di mezzo...salvo poi lamentarsi sul perchè non ci sono team di sviluppo italiani o se si sono al contagocce. Ad uno di questi gli ho spiegato che tipo di impegno è fare un gioco e in che condizioni tocca sviluppare in italia...chissà se l'ha capita.


Scusate l'intromissione, ma vedo che sono stata quotata (grazie) :mrgreen:
Che c'è di male nell'acquistare cose quando ci sono i saldi?
Io acquisto pure i calzini solo quando ci sono gli sconti... e anche la nutella. Non credo che ci sia niente di male: si sopravvive con quello che si ha, nell'onestà e senza rubare :)
Poi se lo sconto danneggia la compagnia, o meno, sono decisioni di marketing tra la stessa e il rivenditore che al cliente non dovrebbero importare. Alcuni mettono i prodotti in saldo per promuoverli, altri per toglierseli dai piedi... le ragioni dietro il dipartimento di sales e marketing hanno senso, perché nessuna compagnia venderebbe qualcosa col 90% di sconto se non ci rientrasse in qualche modo.

:)
Weltgeist
Avatar utente
Esploratore
Esploratore
 
Messaggi: 172
Iscritto il: martedì 13 giugno 2017, 15:54

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Dead Space il domenica 14 gennaio 2018, 11:03

I videogiochi (AG)in Italia non si riescono a sviluppare perché non c'è business e non si è all'altezza dei Tedeschi e neanche degli Spagnoli .C'è un abisso. (Il Loro punto di forza sono le trame poi viene il resto )Sono professionisti.


Non sono d'accordo. Ora tu fai riferimento alle AG e probabilmente, anzi sicuramente, in campo AG hai ragione, tuttavia per quanto riguardano gli altri generi di giochi ci sono piccoli team che hanno sfornato dei bei lavori. Ad esempio quelli di Ovosonico o i creatori di Dawnward o ancora i Santa Ragione che hanno fatto Mirror moon. Il problema qui in italia non è tanto di competenza tecnica e tanto meno nello sviluppare trame. Ad esempio io ho una valanga di idee e di trame (anche perchè nel mio team siamo tre scrittori, quindi non manca il materiale da cui attingere) e quando riuscirò a implementarle nei futuri giochi che voglio fare sarà una gran soddisfazione.
Il vero problema in italia è di ordine mentale ed economico...ti spiego cosa intendo.
In italia non esiste più la mentalità imprenditoriale, non c'è piu la voglia di vivere una avventura e dare sfogo alla propria creatività. Ormai la nostra decadente società italiana è fatta di vecchi rincoglioniti e di giovani zombie senza spirito di iniziativa.
Un primo aneddoto personale: come ogni italiano medio che si rispetti ho un po di problemi di lavoro, cosi questa estate mi presento in una ditta locale che fa pubblicità, sapevo che avevano bisogno di un grafico. Alla fine del colloquio viene fuori che loro ovviamente volevano lo sbarbatello appena uscito da scuola per pagarlo una minchiata e che però doveva anche saper fare ( =D> :lol: ) ma si lamentavano perché i giovani di oggi non sanno fare niente e non hanno voglia di applicarsi...parola del titolare. Quindi se è vero che tutti vogliono solo sfruttarti è anche vero che la gente oggi tende a stare seduta, non ha voglia di spremere un pò le meningi e la creatività....nei giovani questa cosa è devastante.
Detto questo proprio in quel periodo decido con risolutezza di avviare il progetto del team indipendente insieme a due miei amici...i problemi cominciano subito ad emergere...problemi non tecnici ma di natura tipicamente "sociale".
Non si riesce a trovare la gente giusta con cui lavorare!
Gia di per sè è un campo che necessita di certe competenze, quindi questo basta a sfoltire la cernita.
Poi il vero problema è che buttarsi in un progetto come questo richiede "voglia di avventura" appunto...si perchè è un investimento di tempo ed energie sul lungo termine e al presente non vedi di certo una lira.
Gli dico alla gente: entri nel team e a seconda della percentuale di lavoro che fai prendi i corrispettivi sui guadagni netti....alla fine è una situazione equa per tutti. Si diventa un team dove non c'è un dipendente ma siamo tutti soci e tutti co-responsabili e co-beneficiari dei propri sforzi. Che vuoi di meglio? Anche perchè qui in italia fuori c'è il vuoto assoluto...se devi farti sfruttare per pochi soldi in tirocinio tanto vale che provi a fare qualcosa di tuo che perdipiù ti piace! Giusto? Eppure quando poi si va sui fatti tutti si tirano indietro e nonostante non abbiano alcuna prospettiva di lavoro. Che devi pensare? Che è una società di falliti...falliti interiormente.
Successivamente trovo un bravo programmatore in C++, wow...apriti cielo! finalmente la figura che cercavo...anche perchè aveva gia fatto qualche giochino in unity quindi aveva esperienza. Gli faccio la proposta...peccato che gia lavora in una ditta (fa gestionali...sai che coglioni!) dieci ore al giorno e non ha le energie per mettersi al computer anche a casa...altrimenti gli sarebbe piaciuto. Puoi biasimarlo?
Morale della favola...chi non lavora non ha lo spirito per tentare una avventura del genere...non guarda in prospettiva...chi lavora non ha le energie e la motivazione.
L'unica sarebbe tentare il crowdfunding, racimolare un pò di soldi in modo da poter pagare nell'immediato la gente.
See auguri! Prova a mettere dei dipendenti in italia poi vedi come ti devastano le tasse!
Un commercialista mi ha detto...apri la ditta all'estero...ecco la soluzione. :roll: :cry:
Alla fine facciamo tutto tra di noi nel tempo che riusciamo a racimolare e con sforzo, queste sono le reali motivazioni che ho incontrato...zero teoria...zero "dati statistici" che tutti sbandierano e che alla fine non sono utili neanche per pulirsi le chiappe visto che non sono su carta. Il problema è insito nella società italiana.

Codice: Seleziona tutto
Poi se lo sconto danneggia la compagnia, o meno, sono decisioni di marketing tra la stessa e il rivenditore che al cliente non dovrebbero importare. Alcuni mettono i prodotti in saldo per promuoverli, altri per toglierseli dai piedi... le ragioni dietro il dipartimento di sales e marketing hanno senso, perché nessuna compagnia venderebbe qualcosa col 90% di sconto se non ci rientrasse in qualche modo.


Non è cosi facile nel nostro campo. Se su steam vendo un gioco a 10 euro e con i saldi scende a 4 euro il guadagno cala di molto. Considera che steam si prende il 30% sulla vendita...poi devi togliere le spese vive per l'engine e software vari (ma viva blender dico io!) e infine le tasse infami. Se sei un piccolo team ovviamente venderai si...ma con una bella contrazione sui guadagni. Se ci devi vivere (e sviluppare richiede una marea di tempo quindi alla fine devi poterci vivere se vuoi sfornare prodotti di qualità) è dura.
Non dico sia ingiusto, anche io ho comprato diversi titoli in saldo, ma non è una panacea come molti pensano.
Dead Space
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 589
Iscritto il: lunedì 1 luglio 2013, 20:36

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Overmann il lunedì 15 gennaio 2018, 13:54

I saldi e la pirateria non sono paragonabili.

I saldi entrano in gioco quando la mucca è già munta, e su giochi piccoli come gli indie vendere a 5$ anzichè a 15$ (gioco di partenza) significa vendere al 33% del prezzo in un tempo in cui il mercato è pressochè finito. Oltretutto i saldi su larga scala come quelli di Steam hanno campagne marketing enormi, di cui si occupa appunto Steam: tu senza fare nulla ti ritrovi il tuo gioco in prima pagina a due lire (che in realtà è il 33% del suo valore da "nuovo", quindi sei ben felice di quei soldi) e arrivi a vendere un'enorme quantità di copie a quelle persone che il tuo gioco manco sapevano cosa fosse, semplicemente perchè c'è la febbre dei saldi...
Quindi in ottica di business rientra nelle opportunità più di quanto rientri nei rischi.

La pirateria l'unico modo che ha per far quadrare il cerchio è la vecchia manfrina che "fa pubblicità perchè la gente ci gioca e condivide", in realtà però il social media marketing non funziona così, funziona che la copia la regali a un pugno di mosche che fanno molto broadcast, non a centinaia di persone che non contano niente.

La differenza è ENORME.

Poi che qualunque cosa si discosti da "prenoto a prezzo pieno prima che esca" sia più dannoso è ovvio... :wink: ma nessuno si sogna che i ritorni saranno composti al 100% da prevendite a prezzo pieno.
Overmann
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 2204
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 14:12
Località: Eridani Epsilon B

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda Dead Space il lunedì 15 gennaio 2018, 15:45

Bè ovvio che pirateria e saldi non sono paragonabili.

Comunque quando ci sono i saldi su steam la vetrina è per tutti i titoli in saldo, e in quella marea di titoli il tuo può rimanere invisibile come lo era prima.
Inoltre vengono messi in saldo anche molto presto, cosa che per me danneggia eccome.
Steam e videogiochi a parte il discorso dei saldi e dei prodotti a basso costo per me ha contribuito enormemente a ridurre l'uomo schiavo. Se 10 operai lavorano su un prodotto e si pretende che il prodotto costi sempre meno è ovvio che il tempo (ossia una parte di vita) che gli operai impiegano si deprezza. A seguire tutto il peggioramento delle condizioni di lavoro. Non per nulla i prodotti costano poco perchè in oriente sono schiavetti legalizzati...adesso per essere "concorrenti" (ossia per aggiungere altri schiavi al macchinario da oliare...a machine for pig) stiamo diventando schiavetti anche noi. Bella cosa i saldi e la mentalità del "tanto a poco"...che poi è tipicamente americana.
Questo ovviamente è un discorso generico a tutto campo ma è una mentalità da cambiare.
Dead Space
Avatar utente
Avventuriero
Avventuriero
 
Messaggi: 589
Iscritto il: lunedì 1 luglio 2013, 20:36

Re: Con la Pirateria o Contro la Pirateria?

Messaggioda luise il lunedì 15 gennaio 2018, 17:49

All Saints!
Ultima modifica di luise il martedì 16 gennaio 2018, 0:55, modificato 1 volta in totale.
Immagine
luise
Avatar utente
Schattenjager
Schattenjager
 
Messaggi: 4192
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 21:54

PrecedenteProssimo

Torna a Off Topic

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron